Alla scoperta dell’Heptagon European Focus: investire nelle 20 migliori società europee

Christian Diebitsch Heptagon News
Christian Diebitsch, immagine concessa (Heptagon)

Società eccellenti di settori competitivi. Questo riassume il tipo di aziende che gli investitori possono aspettarsi di trovare nel portafoglio dell'Heptagon European Focus Equity Fund. Il fondo della boutique fondata da tre ex-Morgan Stanley si basa sul principio che gli utili guidano i prezzi delle azioni. Pertanto, le società con un potere di guadagno costante tenderanno a generare rendimenti azionari superiori nel medio-lungo periodo.

Sulla base di questa convinzione fondamentale, la strategia di questo fondo con rating FundsPeople 2023 è quella di costruire un portafoglio in cui ogni società realizza una sana crescita degli utili, sostenuta da una solida crescita dei ricavi (per i quali vengono considerati solo la crescita dei volumi e/o gli aumenti di prezzo). Questo è ciò che il team di gestione ritiene abbia tradizionalmente sostenuto la capacità delle società di mantenere valutazioni di borsa superiori sia nei mercati in crescita che in quelli in calo.

Grazie a questa filosofia, le società in portafoglio tendono a essere le migliori in Europa, secondo i gestori. Inoltre si tratta di aziende che hanno superato la prova del tempo, dato che le società in portafoglio sono state fondate in media 90 anni fa.

Cosa differenzia l’Heptagon European Focus Equity

Il fondo tende ad essere un prodotto “best ideas”. In altre parole, il portafoglio è composto da oltre 20 titoli selezionati da un universo predefinito di circa 40 società. Le società dell'universo tendono a presentare modelli di business mirati, con un'ampia copertura geografica e una base di clienti diversificata.

Nella loro lista della spesa si possono riscontrare diverse caratteristiche comuni:

  • Si tratta di aziende che operano in settori i cui mercati finali crescono in valore e volume nel lungo periodo;
  • Devono essere le numero uno o due dei settori in cui operano. I loro modelli di business devono essere leggeri e scalabili per generare un elevato ritorno sul capitale investito. Inoltre, i loro flussi di cassa devono essere in gran parte reinvestiti nelle aziende per sostenere i risultati.
  • Conti puliti e solidi, con un numero minimo di rettifiche, voci eccezionali, ecc.
  • Hanno un'unica competenza di base con un modello di business concentrato. Non sono cioè conglomerati industriali che operano in più settori. In primo luogo, perché sono più semplici da analizzare. In secondo luogo, i conglomerati tendono ad avere attività sia buone che cattive, che ne appesantiscono la qualità media.

Sebbene il fondo sia agnostico rispetto agli indici, tende a stare lontano da alcuni settori come conseguenza naturale del suo stile di investimento. Ad esempio, evita i price taker, che non hanno potere di determinazione dei prezzi, come quelli del settore energetico e di altri settori basati sulle materie prime. Non investono nemmeno in titoli puramente finanziari, come le banche e le assicurazioni. A loro avviso, sono troppo legati al contesto economico locale e generalmente alla crescita lenta dell'Europa. Inoltre, evitano altri settori ciclici maturi come le case automobilistiche, i produttori di acciaio e le compagnie aeree.

L'importanza del settore

Secondo il gestore Christian Diebitsch, è questo stile d'investimento che spiega la sua buona performance a lungo termine (la performance a cinque anni è nel quartile superiore della sua categoria).

Anche l'analisi settoriale è una parte fondamentale del suo processo d'investimento. Il suo motto infatti è: aziende eccellenti in buoni settori. "I cattivi fondamentali di un settore tendono a far fallire la maggior parte degli investimenti", afferma. Evitare questi settori deboli ha anche contribuito alla generazione di alfa, perché nei periodi di correzione le aziende solide hanno meno svantaggi. "È più importante resistere quando i mercati azionari sono sotto pressione che fare meglio quando i tempi sono buoni", sostengono.

Ultimi movimenti di portafoglio

In termini di esposizione del portafoglio, il fondo ha raggiunto un picco difensivo alla fine del terzo trimestre del 2022, quando i rendimenti obbligazionari lunghi sembrano aver raggiunto il massimo. Da allora, si è gradualmente spostato verso i titoli tecnologici e di crescita, che beneficeranno di una valutazione più elevata grazie al continuo calo dei rendimenti obbligazionari.

Il team utilizza lo S&P500 come indicatore del contesto del mercato azionario globale. In genere, questo indice inizia a scontare la ripresa economica degli Stati Uniti da due a quattro trimestri prima della ripresa della crescita del PIL statunitense. Nei prossimi mesi, il fondo cercherà di aumentare la ponderazione complessiva verso i titoli ad alta crescita/alta valutazione e i ciclici secolari, poiché la strategia prevede una ripresa economica statunitense nel 2024.