Festini (Cassa Forense): “La selezione? Una strategia best in class volta all’individuazione dei migliori fondi su cui investire”

Alessandra Festini, Cassa Forense. Foto Tetris Production per FundsPeople

Un percorso di affinamento dell’attività di selezione dei fondi che si è evoluto, parallelamente all’ingresso di nuovi professionisti e competenze, nell’arco di 17 anni. “L’ufficio investimenti di Cassa Forense nasce nel 2006, in parte come scorporo del precedente ufficio contabilità e finanza. Nei dieci anni successivi l’obiettivo centrale è la diversificazione del portafoglio, in precedenza concentrato quasi esclusivamente sui Titoli di Stato, su tre gestioni patrimoniali e poche partecipazioni di blue chip italiane”. A spiegare la genesi della struttura di investimento dell’ente previdenziale degli avvocati italiani è Alessandra Festini, ESG manager di Cassa Forense raggiunta da FundsPeople presso la sede dell’ente a Roma. Nel 2015 l’ufficio vede l’ingresso di altri professionisti e, mentre si scrive, è composto da sette elementi, “ma contiamo di tornare presto a nove”. Un numero consistente, dunque, motivato non soltanto dall’ammontare del patrimonio, pari a circa 16 miliardi di euro, ma anche dall’attività di diversificazione messa in campo da Cassa Forense negli anni. “Ognuno di questi professionisti ha competenze specifiche nelle asset class di investimento: strumenti liquidi, private market, real estate e infrastrutture, in base alle proprie caratteristiche professionali e ai propri skill”.