Fideuram ISPB, via libera dalle Authority alla partnership con la svizzera Reyl & Cie

Tommaso Corcos News
Tommaso Corcos. Foto ceduta (Fideuram)

Disco verde da parte degli organismi di regolamentazione finanziaria europei e svizzeri, Banca centrale europea (BCE) e Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (FINMA) alla partnership strategica tra Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking (Fideuram – ISPB) e REYL & Cie, gruppo bancario diversificato e imprenditoriale con sede a Ginevra.

L’accordo prevede il conferimento da parte di Fideuram – ISPB della filiale bancaria svizzera Intesa Sanpaolo Private Bank (Suisse) Morval (ISPBM) a REYL & Cie. Il risultato della fusione darà vita a una realtà con circa 400 dipendenti, un patrimonio gestito vicino a 25 miliardi di franchi (23 miliardi di euro) e un capitale proprio obbligatorio di circa 210 milioni di franchi (190 milioni di euro). La nuova entità avrà sede a Ginevra e manterrà la denominazione legale di REYL & Cie. La fusione a livello giuridico di REYL & Cie e ISPBM dovrebbe essere finalizzata entro la fine dell’anno e le entità pubblicheranno un nuovo logo che combina i loro rispettivi marchi.

A Fideuram ISPB il 69% del capitale

Fideuram – ISPB controllerà il 69% del capitale, mentre i partner François Reyl CEO di REYL & Cie, Pasha Bakhtiar, Nicolas Duchêne, Thomas Fontaine, Christian Fringhian e Lorenzo Rocco di Torrepadula manterranno collettivamente una quota del 31%. “L’accordo con REYL – ha commentato il CEO di Fideuram – ISPB, Tommaso Corcos –, riafferma la nostra strategia di crescita internazionale, consolidando una delle migliori banche attive nella gestione privata dell’eurozona e scegliendo la Svizzera come base della nostra rete all’estero. La combinazione di competenze, esperienza, capacità di innovazione e una comune cultura del servizio al cliente costituiscono i capisaldi su cui costruire una nuova banca leader a livello internazionale, in grado di soddisfare le necessità dei nostri clienti più esigenti. Per accelerare le sinergie commerciali tra le società, Nicolas Duchêne, vice CEO e partner di REYL, assumerà anche il ruolo di direttore generale di Intesa Sanpaolo Private Bank (Suisse) Morval, ad interim, fino alla fusione a livello giuridico delle società”.

La partnership, si legge in una nota, consentirà a Fideuram – ISPB di rafforzare le sue attività internazionali di gestione patrimoniale e di continuare a svolgere un ruolo di primo piano nel processo di consolidamento del settore finanziario svizzero, oltre a confermare la scelta della Svizzera come hub principale per le sue attività internazionali di private banking.  

un “nuovo capitolo” per il gruppo svizzero

Reyl ha definito l’operazione “un nuovo capitolo” nella storia del gruppo svizzero, che aprirà uno scenario di nuove possibilità di sviluppo per entrambe le parti. “Siamo convinti che la qualità e la forza finanziaria di Fideuram – Intesa Sanpaolo Private Banking associate allo spirito imprenditoriale e alla capacità di innovazione di REYL creeranno le condizioni ideali per raggiungere il successo nel contesto attuale. Puntiamo a creare legami duraturi con i nostri nuovi colleghi e a lavorare come un’unica squadra, costruendo insieme un gruppo leader nel private banking internazionale e rafforzando la nostra proposta di valore a beneficio dei nostri clienti”.

Con il suo Dna imprenditoriale e il suo modello d’affari innovativo, REYL & Cie continuerà a guidare la sua strategia di crescita organica a 360˚, incentrata sulla fornitura di soluzioni innovative ai clienti in modo trasversale attraverso cinque business line: wealth management, Entrepreneur & family office services, Corporate advisory & structuring, asset services e asset management.

Iniziative recenti come Asteria Investment Managers e Obviam (una filiale svizzera regolamentata di gestione di fondi specializzati in investimenti ad impatto) oppure Alpian (un’aspirante banca digitale recentemente incubata per la clientela mass affluent) trarranno grandi benefici dalla partnership strategica.