I principali appuntamenti economici della settimana (21-25 giugno)

calendario settimanale notizia
Emma Matthews, Unsplash

Lunedì la settimana si apre con il discorso del presidente della BCE Christine Lagarde, negli Stati Uniti atteso invece il discorso del membro del FOMC Williams.

Martedì giornata statunitense con le vendite delle abitazioni esistenti nel mese di maggio, il discorso del membro del FOMC Daly e la testimonianza del presidente della Fed Jerome Powell.

A metà settimana invece attesi in Giappone i verbali della riunione sulla politica monetaria e l’indice PMI dei servizi. In Francia si attende il dato sull’indice PMI manifatturiero e dei direttori agli acquisti del settore terziario francese. È la volta della Germania con l’indice degli acquisti settore manifatturiero di giugno e dei direttori degli acquisti del settore servizi sempre di giugno. Nella zona euro atteso l'indice PMI manifatturiero, composito dei servizi e dei direttori agli acquisti del settore servizi, tutti i dati saranno relativi al mese di giugno. Il Regno Unito attende l’indice PMI composito e l’indice dei direttori degli acquisti del settore manifatturiero e degli acquisti. Anche negli States atteso il dato dei direttori agli acquisti del settore manifatturiero e del settore terziario, le vendite delle nuove abitazioni e infine le scorte di petrolio greggio.

Giovedì atteso il PIL della Spagna del primo trimestre mentre in Germania le aspettative di business domestico. Ci sarà anche la pubblicazione del rapporto mensile della BCE. Il Regno Unito è alla finestra per la decisione sui tassi di interesse da parte della Bank of England. Negli Stati Uniti invece si attendono il PIL del primo trimestre, la bilancia commerciale dei beni del mese di maggio, le richieste iniziali dei sussidi di disoccupazione e il risultato dello stress test bancario da parte della Fed.

Per la fine della settimana economica c'è attesa per l’asta di Btp italiani con scadenza a 10 anni e per altri dati negli States come l’indice dei principali prezzi di spesa per consumi, spese personali nel mese di maggio e l’indice di fiducia del Michigan del mese di giugno.