I principali appuntamenti economici della settimana

, I principali appuntamenti economici della settimana
Rawpixel, Unsplash

L’attenzione degli investitori si focalizza sui dati dell’occupazione negli Stati Uniti con i nuovi lavori JOLTS e le richieste iniziali di sussidi di disoccupazione. Attesa anche per lo ZEW sul sentimento dell’economia tedesca e per il PIL del terzo trimestre della Gran Bretagna.

Lunedì si comincia con l’indice PMI composito cinese, il saldo della bilancia commerciale tedesca, la panoramica sui mercati del Banco centrale del Brasile, i nuovi cantieri residenziali in Canada e le vendite al dettaglio tramite Carta di ottobre in Nuova Zelanda.

Martedì spazio all’IPC e IPP di ottobre in Cina. Dalla Gran Bretagna giungono l’indice dei salari medi (inclusi bonus) di settembre e la variazione nelle richieste di sussidi di disoccupazione. Attenzione poi sull’indice ZEW sul sentimento dell’economia tedesca di novembre e a seguire dello ZEW sulla fiducia per l’Area Euro. Gli Stati Uniti diffondono le previsioni dell’EIA sull’energia nel breve termine e i nuovi lavori JOLTS.

Mercoledì la Nuova Zelanda decide sul tasso di interesse. La Gran Bretagna comunica il PIL mensile e annuale e il dato sulla produzione manifatturiera. Dalla Cina in arrivo i nuovi mutui. Infine gli USA rendono noti il report mensile dell’OPEC e quello di Seevol sulle scorte di Cushing.

Giovedì in apertura di giornata il Giappone pubblica l’indice di attività delle industrie del terziario. La Gran Bretagna il PIL del terzo trimestre. Grande attesa anche per l’IPC di ottobre della Germania. A seguire si terrà la riunione dell’Eurogruppo e dalla UE giungerà il dato sulla produzione industriale di settembre. Spazio poi agli Stati Uniti con l’indice dei principali prezzi al consumo di ottobre, le richieste di sussidi di disoccupazione e le scorte di petrolio greggio.

Venerdì la settimana si chiude con l’IPC francese e l’IPP spagnolo. Per quanto riguarda l’Area Euro interesse per il PIL del terzo trimestre e la bilancia commerciale. Infine dagli USA in arrivo l’IPP di ottobre e il sentimento d’aspettativa dei consumatori del Michigan.