Importanti nuove tendenze che si verificano sull'asset management globale

Ivan Pascual Notizia
Ivan Pascual, EMEA Head of iShares and Wealth Client Business, BlackRock (immagine concessa)

Il settore della gestione patrimoniale sta crescendo a livello globale più velocemente che mai. “650.000 milioni di dollari sono entrati solo nei primi sei mesi nel business degli ETF a livello globale, molto vicini ai 780.000 del 2020. Vediamo una crescita anche nel business dei fondi a gestione attiva e alternativi che stanno per fare un anno record”. Ciò rappresenta una grande accelerazione", sottolinea in un'intervista a FundsPeople Iván Pascual, EMEA head of iShares and Wealth Client Business di BlackRock. E, insieme a questa crescita, si stanno affermando nuove e importanti tendenze che stanno interessando a pieno il settore.

Alcuni sono ben noti, come l'interesse dei clienti nella costruzione di portafogli ESG. A suo avviso, tutta l'innovazione che sta avvenendo intorno alla sostenibilità può rappresentare un diverso catalizzatore di crescita per il settore. E, allo stesso tempo, creare nuove dinamiche. “Lo stiamo vedendo nel mondo degli ETF sostenibili. Sempre più nuovi clienti stanno adottando gli exchange-traded fund per il modo semplice ed efficiente di implementare strategie ESG nei propri portafogli”, rivela.

I flussi vanno in direzione ESG

Nell'universo degli ETF, negli ultimi 18 mesi, il 30% dei flussi netti è andato a fondi ed ETF con profilo ESG. Stimiamo che chiuderanno l'anno con il 50%. Il SFDR è stato un chiaro catalizzatore nel 2021 e negli ultimi due mesi la maggior parte del denaro sta affluendo verso i prodotti inclusi negli articoli 8 e 9”. La sostenibilità sta diventando una tendenza sovrapposta che interessa l'intero settore. E, a questo punto, l'innovazione è l'epicentro di tutto. "È tremendamente importante", dice.

Pascual, a questo proposito, sottolinea i cambiamenti che stanno avvenendo dagli indici tradizionali agli indici ESG. E questo è fondamentale perché, come spiega, nel business degli Etf tutto è in linea con l'evoluzione degli indici. “Ogni selettiva esegue un diverso livello di filtraggio e selezione delle aziende. Alcuni optano per l'esclusione, altri per i migliori della categoria… Nella scelta, tutto dipende da come l'investitore interpreta il concetto”, sottolinea l'esperto.

Tutto ciò che riguarda gli investimenti sostenibili ha due catalizzatori nel mondo della ricchezza: la gestione discrezionale del portafoglio (che sta iniziando ad adottarla in maniera massiccia) e l'attività di advisory, dove sta penetrando con forza. “Questo grazie al fatto che i diversi argomenti trattati sono facili da spiegare al cliente finale, il che si verifica anche in un contesto di mercato in crescita, il che fa sentire l'investitore ancora più a suo agio. È qualcosa che ha contribuito ad accelerare la tradizionale distribuzione dei fondi”.

centralizzazione degli investimenti

Ma le nuove tendenze che si stanno verificando nel settore non riguardano solo il campo degli investimenti. Riguardano anche l'organizzazione interna degli enti di gestione patrimoniale. In questo senso, Pascual ha rilevato che il COVID-19 ha accelerato alcune tendenze preesistenti, come il passaggio a modelli più centralizzati o gli investimenti in tecnologia. “Le entità finanziarie e di consulenza si sono evolute sia in termini di sofisticatezza del prodotto, sia in termini di tecnologia e reporting al cliente finale. La gestione centralizzata è il modello vincente per la sua efficienza e scalabilità”.

A questo proposito, il responsabile di iShares and the Wealth business for EMEA ritiene che le entità che stanno investendo in aree critiche usciranno più forti dalla crisi. “Stiamo apprezzando una rifocalizzazione strategica da parte delle entità di gestione patrimoniale per rafforzare le loro piattaforme per la gestione del rischio, la gestione del portafoglio, la consulenza, il controllo aziendale... COVID-19 è stato un acceleratore per le società di private banking e il personal banking per migliorare i loro processi. Non dobbiamo dimenticare che siamo in un ambiente ipercompetitivo con una pressione sui margini che ci costringe a sofisticare i processi di consulenza e a snellirli al massimo”, ricorda.

cambiamenti del modello di business

Un altro dei grandi cambiamenti in atto è la raffinatezza del cliente finale. “È più informato che mai. Hai più tempo e un migliore accesso alle informazioni ed è più in grado di gestire gli evento. Vedi il caso dell'impatto di alcune piattaforme digitali negli Stati Uniti sul cliente finale. La linea di fondo per l'industria è mettere il cliente al centro di tutto. E davvero, pensa a lui. Cerchiamo di essere vicini al distributore e alle banche private per capire dove sta andando il loro modello di business. È facile capire che dobbiamo muoverci verso modelli di business centralizzati, le inerzie del passato non si rompono dall'oggi al domani”.

Per Pascual, tutto questo processo di ricerca della scala e di una migliore comunicazione con il cliente finale non va a scapito della personalizzazione della consulenza. "Piuttosto il contrario. Si traduce in un cliente meglio servito dall'entità. I gestori patrimoniali stanno cercando di migliorare l'esperienza del cliente. È una tendenza globale. La vera sfida non è nel prodotto, ma nel rendere l'esperienza del cliente migliore possibile. Il prodotto è importante. Devi avere una buona asset allocation, offrire una buona redditività e un prezzo competitivo, ma non è tutto”.

L'esperto sottolinea inoltre che il COVID-19 è stato un catalizzatore per il ritorno del cliente che investe in proprio. “Questo può essere visto chiaramente con il forte aumento dell'apertura di conti da parte delle piattaforme di distribuzione online. La familiarità con l'ambiente digitale si è moltiplicata ed è esploso il trading online. Esistono piattaforme di distribuzione transfrontaliere, broker che iniziano ad espandersi in Europa a livello transfrontaliero, piattaforme di esecuzione con processi semplici, per l'investitore in strada su cui investire. Sono entità che competono nell'esperienza del cliente, cioè nel rendergliela facile e con prezzi molto competitivi”.

Come spiega, c'è una battaglia molto forte nel mondo dell'intermediazione e degli investimenti autodiretti per attirare nuovi clienti. “È iniziato negli Stati Uniti e ora è arrivato in Europa. Non è un ecosistema che viene sminuito dai grandi distributori o dalle banche private. C'è un nuovo universo di clienti che pensano di investire ei grandi distributori iniziano a seguirlo da vicino. Non avranno vita facile perché, quando si è una grande entità focalizzata sulla gestione globale del portafoglio, è più difficile girare la ruota per concentrarsi su quel profilo di cliente”, conclude.