Analisi FundsPeople 2020: fondi azionari con focus ESG

ccc
Aziz Acharki, Unsplash

Tratto dall’analisi comparativa mensile FundsPeople di novembre – Rivista 045: “Sostenibilità, driver degli investimenti globali”.

Storicamente, l’investimento socialmente responsabile (ISR) è sempre stato contraddistinto da due grossi pregiudizi: da una parte, si pensava che fosse una mera operazione di marketing, e dall’altra, che implicasse una limitazione per il gestore dell’universo investibile.

Per rispondere alla prima critica, risulta effettivamente molto complesso fare una differenza tra il vero investimento responsabile e un semplice greenwashing; fortunatamente però la Commissione Europea ha pubblicato un primo rapporto sulla classificazione dei prodotti responsabili, che è oggetto di costante revisione. Per quanto riguarda la seconda critica, la crisi causata dal COVID-19 ha dimostrato che un investimento responsabile è davvero in grado di replicare la performance di uno tradizionale. Infatti, i fondi gestiti in modo responsabile non solo hanno ricevuto richieste di rimborso nettamente inferiori da parte degli investitori, ma hanno conseguito anche risultati migliori.

Secondo uno studio di Fidelity, ad esempio, solo nel periodo compreso tra il 19 febbraio e il 26 marzo, quando la volatilità dei mercati aveva toccato i massimi, l’S&P 500 è calato del 26,9% mentre, in media, le aziende con il miglior rating ESG hanno subito una flessione inferiore del 3,8% rispetto all’S&P 500. Questo andamento positivo è continuato per tutto l’anno: prendendo in considerazione i dati tra l’inizio del 2020 e il 30 settembre, l’MSCI World ESG ha messo a segno un +3,26% a fronte di una crescita dell’MSCI World del 3,07%.

Per la seguente analisi abbiamo quindi selezionato non solo i fondi azionari globali con Marchio FundsPeople, ma anche quelli con un Morningstar Sustainability Rating elevato (High). L’importanza dei criteri ESG nella selezione dei titoli si è accresciuta e il COVID-19 è diventato uno dei suoi maggiori catalizzatori. Secondo una nuova indagine, pubblicata da Morgan Stanley Institute for Sustainable Investing e Morgan Stanley Investment Management, l’80% dei 110 investitori istituzionali intervistati, ovvero il 10% in più rispetto al 2017, afferma di seguire già dei criteri responsabili; l’aspetto probabilmente più importante è però che quasi sei su dieci (57%) sono convinti che arriverà il momento in cui affideranno i loro investimenti solo a gestori che si adottano formalmente criteri ESG.

Poiché l’investimento ESG viene ritenuto in grado di aumentare la stabilità del portafoglio, non sorprende che uno dei denominatori comuni dei sei fondi analizzati sia l’alto grado di convinzione nei titoli ad oggetto d’investimento. Dopotutto, la maggior parte di loro cerca imprese di qualità, il cui potenziale di crescita non dipenda dalle condizioni economiche di un dato momento, con l’obiettivo di modellare nel tempo portafogli stabili, in grado di conservare il capitale degli investitori. Un altro denominatore comune è, forse proprio legato all’idea di fondo di conservazione del capitale, l’ottimo posizionamento di tutti i fondi in settori difensivi come la salute, i consumi e, in molti casi, anche la tecnologia. 

Le grandi differenze

Nonostante questi punti in comune, ogni fondo ha peculiarità che li contraddistingue dagli altri. Il Fidelity Funds – Global Dividend Fund si caratterizza ad esempio per l’importanza attribuita al dividendo sostenibile all’atto di creare il portafoglio. MS Global Brands seleziona esclusivamente produttori di grandi brand a livello globale, mentre Nordea 1 Global Climate and Environment Fund si interessa maggiormente ad aziende che lottano contro il cambiamento climatico, un’altra delle principali problematiche che si trova ad affrontare il mondo e in particolare la gestione patrimoniale.

Sebben nessuno dei fondi presi in esame si ponga dei limiti geografici, giacché mantengono tutti una visione globale, uno di essi, il DPAM Invest B Equities World Sustainable, ha definito una capitalizzazione minima per gli investimenti, ovvero 2.500 milioni di euro, evitando così le piccole imprese. Pur non fissando questo minimo, gli altri fondi esaminati tendono di fatto a privilegiare nei loro portafogli società a grande capitalizzazione anziché le PMI, preferendo gli Stati Uniti come destinazione degli investimenti.

Alla domanda che riguarda il modo in cui la crisi del Covid-19 ha influito sulla loro gestione, nessun responsabile ha esitato a considerare questa crisi come un’opportunità per continuare a costruire un portafoglio redditizio per gli investitori a lungo termine, che costituiscono la categoria principale di clienti per questo tipo di fondi. Dopotutto, come afferma Daniel Roberts, gestore di Fidelity, si tratta di operare nel presente chiedendoci “come ci aspettiamo che siano i mercati una volta che finsice la pandemia?”. Le correzioni di mercato vengono quindi interpretate come opportunità per costruire un portafoglio di prodotti con valutazioni più vantaggiose.

Le strategie ESG

Di seguito, evidenziamo sei strategie con il Marchio FundsPeople 2020 in Italia, Spagna e Portogallo e Morningstar Sustainability Rating “High”.

I sei fondi con Marchio FundsPeople 2020

Fondo ISIN Societ Marchio FundPeople 2020
Threadneedle Global Focus LU0957791311 Columbia Threadneedle Investments A
MSIF Global Brands Fund LU0119620416 Morgan Stanley IM ABC
Nordea 1 Global Climate and Environment Fund LU0348927095 Nordea AM ABC
Fidelity Funds Global Dividend Fund LU0605515963 Fidelity International ABC
Seilern World Growth Fund IE00B5WHP863 Seilern IM AC
DPAM INVEST B Equities World Sustainable BE0058651630 Degroof Petercam AM C

Fonte: Morningstar Direct. Elaborazione propria.

Fidelity Funds Global Dividend Fund: la ricerca di dividendi sostenibili 

Il fondo gestito da Daniel Roberts investe in azioni globali, con un approccio multisettoriale. Nel selezionare i titoli in portafoglio, valuta due aspetti fondamentali … (Continua a leggere)

Seilern World Growth  – La crescita all’insegna della qualità 

I tre pilastri su cui poggia questo fondo gestito da Michael Faherty e Marco Lo Blanco sono la selezione di aziende che si contraddistinguono per una crescita di qualità … (Continua a leggere)

Threadneedle (Lux) Global Focus – Strategia del risparmiatore applicata a un portafoglio azionario

Pur essendo vero che l’universo d’investimento è ampio come il mercato azionario, questo prodotto gestito da David Dudding ha in portafoglio solo 40 titoli, con un orientamento buy & hold … (Continua a leggere)

DPAM Invest B Equities World Sustainable – Elevata conviction, anche sotto il profilo ESG

Questo fondo, gestito da Tom Demaecker, può essere considerato high conviction, perché il portafoglio comprende solo 50 aziende che devono rispettare una serie di standard … (Continua a leggere)

Nordea 1 Global Climate and Environment Fund – La ricerca di performance, migliorando il mondo

Il fondo di Nordea è uno dei prodotti di più lungo corso che siano focalizzati in quello che è già un megatrend: il cambiamento climatico … (Continua a leggere)

MS Global Brands – 20 anni di esperienza nei migliori brand

Per questo fondo di Morgan Stanley IM il 2020 è un anno speciale, perché compie vent’anni, un traguardo che in pochi raggiungono oggi … (Continua a leggere)