Investimenti sostenibili, il regno dei big player

investimenti sostenibili, Investimenti sostenibili, il regno dei big player
fonte: Unsplash

Il settore dell'asset management è un'attività di scala. E l'ascesa dei fattori ESG non sta provocando un cambio di tendenza. Secondo un recente studio di Morningstar e ZEB, l'investimento sostenibile è il regno dei big player. In media, il 51% del patrimonio netto dei fondi sostenibili in Europa è investito in prodotti lanciati dai primi 20 provider.

 "Un mercato dominato da grandi attori con un'elevata concentrazione nel settore del risparmio gestito è ancora più elevato nel segmento dei fondi sostenibili", rileva lo studio, preparato con il supporto dell'Associazione dei fondi lussemburghesi (ALFI). Questa cifra è più bassa nei fondi non sostenibili, dove i grandi rappresentano solo il 43% del patrimonio totale.

Differenze per indirizzo

investimenti sostenibili, Investimenti sostenibili, il regno dei big player
Quota di mercato dei principali provider

L'elevata concentrazione nel settore del risparmio gestito non è cambiata. Ed è particolarmente evidente nel settore dei fondi sostenibili domiciliati in Europa. Il 58% del patrimonio netto dei fondi sostenibili domiciliati in Irlanda è gestito dai primi cinque fornitori di fondi. "Questo rende l'Irlanda particolarmente dipendente dai singoli gestori", si legge nello studio. A questo proposito, il Lussemburgo beneficia di una gamma più ampia sia in termini di società che di provenienza.

Come spiega lo studio, l'elevata concentrazione in Irlanda è dovuta alla sua posizione di maggior centro per gli investimenti passivi, dove l'Irlanda detiene una quota di mercato del 44% rispetto al Lussemburgo, con solo il 16% alla fine del 2021.