L'ESMA e le ANC controlleranno la conformità delle comunicazioni di marketing dei prodotti finanziari

Helloquence, Unsplash

L'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati (ESMA) ha avviato un'azione di vigilanza congiunta per monitorare l'attuazione delle norme di divulgazione della MiFID II in materia di comunicazioni di marketing in tutta l'Unione europea. Questa valutazione, che sarà effettuata insieme alle autorità nazionali competenti (ANC), avrà luogo nel corso del 2023.

"L'ESMA è consapevole del ruolo chiave che le comunicazioni di marketing e la pubblicità possono svolgere nel plasmare il comportamento dei consumatori e nell'influenzare le decisioni di investimento", si legge nella nota. Per questo motivo le autorità hanno lanciato questo esercizio per valutare l'attuazione da parte delle società di investimento e degli istituti di credito dei requisiti della MiFID II sulle comunicazioni di marketing.

In particolare, le autorità nazionali esamineranno se le comunicazioni di marketing (compresa la pubblicità) siano corrette, chiare e non fuorvianti. Si parlerà anche di come le aziende selezionano il pubblico di riferimento per le comunicazioni di marketing, soprattutto per i prodotti di investimento più rischiosi e complessi.

Giovani investitori e rischio greenwashing

L'ESMA è anche consapevole che gli investitori più giovani e meno esperti sono particolarmente vulnerabili quando fanno trading online. Per questo motivo, questa azione prenderà in considerazione il marketing e la pubblicità delle aziende attraverso canali di distribuzione come app, siti web, social media e collaborazioni con affiliati come gli influencer.

Infine, questa azione di vigilanza è un'opportunità per l'ESMA di raccogliere informazioni su eventuali pratiche di greenwashing osservate nelle comunicazioni di marketing e nella pubblicità.