Mercati privati, una fotografia della domanda da parte degli investitori a livello globale

business
Verne Ho, Unsplash

La divisione alternative di BlackRock (BlackRock Alternatives) ha prodotto la sua prima Global Private Markets Survey, che riporta conclusioni interessanti sullo stato della domanda globale di asset privati. In primo luogo, negli ultimi 20 anni i mercati privati sono passati dall'essere una categoria di nicchia a diventare una pietra miliare di molti portafogli. "Gli investitori più sofisticati si sono allontanati dal tradizionale modello di allocazione 60/40 e gli asset privati continueranno a crescere come percentuale dei portafogli globali. Nonostante gli ampi cali di mercato dell'ultimo anno, i timori di recessione e le recenti turbolenze di mercato, vediamo che l'incertezza a breve termine non sta facendo deragliare la crescita dei mercati privati", ha dichiarato Edwin Conway, Global head of Alternatives di BlackRock.

Il sondaggio raccoglie le opinioni di allocatori di capitale che rappresentano 15mila miliardi di dollari di patrimonio totale in gestione, con 3,2mila miliardi di dollari investiti nei mercati privati. Ciò rappresenta circa un quarto del panorama globale degli investimenti istituzionali nei mercati privati.

La chiave per la generazione di reddito

La generazione di reddito emerge come il fattore più importante che guida gli investimenti nei mercati privati, con l'82% degli intervistati che lo identifica come il fattore chiave nelle scelte di allocazione. La rivalutazione del capitale è la priorità successiva nella decisione di investire nei mercati privati, secondo il 58% degli intervistati.

La ricerca di reddito ha portato a un significativo interesse degli investitori per il credito privato, in particolare per il debito infrastrutturale e immobiliare, nonché per le strategie distressed. Più della metà degli intervistati a livello globale prevede di aumentare l'allocazione del credito privato nei propri portafogli. Negli Stati Uniti e in Canada, più di un terzo degli investitori prevede di aumentare sostanzialmente l'allocazione al credito privato entro il 2023.

A livello globale, oltre il 70% degli investitori intende aumentare l'allocazione al private equity quest'anno, anche se resta da vedere se le recenti turbolenze abbiano modificato questa prospettiva. Più della metà degli investitori con sede negli Stati Uniti e in Canada prevede di aumentare le proprie allocazioni in tutte le asset class quest'anno, mentre nella regione Asia-Pacifico più di due terzi degli intervistati prevede di aumentare le proprie allocazioni in private equity. In EMEA, il 71% prevede di aumentare le allocazioni in private equity.

Opportunità all'interno delle asset class

Quando gli investitori aumentano le loro allocazioni nei mercati privati, possono scegliere tra un'ampia selezione di asset con caratteristiche diverse. Ad esempio, nel private equity, più della metà degli intervistati in ogni regione ritiene che le aziende mature siano l'opportunità di rendimento più interessante, seguite rispettivamente da venture capital, secondari e buyout.

Nel private equity, i gestori degli investimenti vedono le maggiori opportunità nel debito infrastrutturale o immobiliare, grazie ai benefici attesi dalla recente legislazione statunitense in materia di infrastrutture e a quella che alcuni considerano una temporanea dislocazione dei titoli immobiliari a causa dell'aumento dei tassi di interesse. Le strategie distressed si collocano al secondo posto.

Per quanto riguarda le infrastrutture, gli intervistati individuano nei mercati emergenti la maggiore opportunità, seguita da vicino dai trasporti e dalle energie rinnovabili. A causa dell'aumento dei prezzi degli affitti, l'immobiliare residenziale ha riscosso un grande successo tra gli intervistati, con il 55% che ha selezionato gli immobili residenziali multifamiliari e gli immobili privati in affitto come la maggiore opportunità all'interno della classe di attività.

Tuttavia, mentre i mercati privati continuano a espandersi e gli investitori intendono investire di più, ci sono ancora fattori che ostacolano i nuovi investimenti. Sebbene gli intervistati abbiano condiviso le loro opinioni prima dei recenti fallimenti bancari, il sondaggio rivela che considerano la liquidità il principale ostacolo all'investimento in asset privati.

Gli intervistati differiscono sull'importanza della questione della liquidità: più della metà dei fondi pensione indica la mancanza di liquidità come il principale ostacolo ai mercati privati, mentre solo il 40% degli assicuratori è d'accordo con questo. Dopo la liquidità, i principali ostacoli ai mercati privati sono, rispettivamente, le approvazioni da parte dei team interni a ciascuna società e la limitata conoscenza organizzativa o la familiarità con l'uso di una determinata asset class.