M&G guarda al suo futuro: Europa continentale, investitori istituzionali e asset privati

Andrea Rossi e Joseph Pinto News
Andrea Rossi e Joseph Pinto di M&G

Sotto la nuova direzione, M&G entra in un livello successivo di sviluppo del suo business. Negli ultimi 12 mesi il gruppo britannico ha nominato un nuovo amministratore delegato, Andrea Rossi, e un nuovo responsabile delle attività di asset management, Joseph Pinto. In occasione di un recente evento con i giornalisti europei, entrambi i dirigenti hanno riflettuto sul futuro del gestore di fondi britannico, sui piani per proseguire nel percorso di crescita e su come si stanno adattando alle nuove esigenze della clientela. "È più importante che mai essere vicini al cliente. Molte delle formule che funzionavano sul mercato due anni fa non funzionano più in questo nuovo regime. Ciò significa che dobbiamo stare al fianco dei clienti e assisterli nelle loro scelte di asset allocation", afferma Pinto.

Non è la prima volta che Rossi e Pinto lavorano insieme. I due professionisti si sono conosciuti in un precedente periodo lavorativo presso AXA IM, dove hanno contribuito a far progredire l'attività. Rossi ha ricoperto il ruolo di CEO e Pinto una serie di ruoli senior a livello globale, tra cui chief operating officer (COO), head of Markets and Investment Strategy e head of Business Development per l'Europa meridionale e il Medio Oriente. "Crescere. Lo abbiamo fatto in passato e lo faremo ancora", afferma Rossi.

Focus su internazionalizzazione e clienti istituzionali

La casa di gestione ha impostato la crescita su due fronti. Da un lato, la società sta cercando di internazionalizzare la propria attività. La Brexit è stata un catalizzatore involontario, ma il gestore di fondi ha accolto il cambiamento e ora sta cercando di crescere nell'Europa continentale. Il Lussemburgo sarà un hub fondamentale per il suo sviluppo, la sua porta d'accesso al Vecchio Continente. L'azienda gestisce già quasi 100 miliardi di euro di attività attraverso il Lussemburgo, in tutte le asset class, ma prevede di continuare ad aumentare il peso delle sue attività totali.

Inoltre, ha un prodotto potente nel suo arsenale: la gamma PruFund. Questo prodotto multi-asset si propone di offrire ai clienti un'esperienza omogenea (in termini di volatilità) ma diversificata sull'intero mercato. Con un'importante componente di asset privati (25% del portafoglio), il prodotto ha avuto successo nei suoi primi passi in Europa. Dopo averlo lanciato in Italia, il gestore vuole ora introdurlo in mercati come la Francia e la Germania. Ma l'obiettivo finale è di portarlo nel resto d'Europa. "Vogliamo che PruFund sia presente in tutte le case europee", affermano Rossi e Pinto.

Ma PruFund è un prodotto assicurativo, non un fondo di investimento. Proprio per questo motivo M&G si sta preparando a entrare in nuovi segmenti di clientela. Il mercato wholesale è stato tradizionalmente la sua roccaforte in Europa e ora vogliono fare breccia tra i clienti istituzionali come gli assicuratori e i fondi pensione. "Gli assicuratori sono un partner naturale per la nostra attività, per la loro capacità di distribuzione. Nell'Europa continentale il mercato assicurativo è molto domestico, sono loro che hanno questo canale per parlare direttamente con il cliente", spiegano i gestori.

Crescita nei mercati pubblici e privati

In termini di asset class, come molti altri gestori, anche M&G ritiene che i mercati privati saranno un importante catalizzatore per la crescita delle sue attività nei prossimi anni. Rossi ritiene di avere gli ingredienti per avere successo nel segmento e di voler svolgere un ruolo nella democratizzazione degli asset privati.

"Il Gruppo M&G ha un'attività di gestione patrimoniale, assicurativa e di private banking. Ma soprattutto, si tratta di tre attività equilibrate, tutte ugualmente importanti per il nostro ecosistema. Siamo uno dei principali operatori europei nel settore degli asset privati proprio grazie a questi tre rami", afferma.

Per il CEO, la possibilità di far leva sul business assicurativo con il marchio M&G è un fattore decisivo per il futuro della sua attività. Con 89 miliardi di euro di asset privati, M&G sta diventando uno dei principali attori del mercato, soprattutto in Europa.

Rafforzare il reddito fisso

Ma il gestore di fondi intende anche continuare a rafforzare la sua area di competenza principale: il reddito fisso. "Abbiamo tre team di reddito fisso molto forti, pronti ad affrontare un mercato in cui i tassi di interesse si stanno normalizzando", afferma Pinto.

Si tratta di un'area in cui il responsabile dell'asset management di M&G ritiene di avere "il diritto di guadagnare quote di mercato". "La propensione al rischio si è ridotta. Abbiamo visto molti flussi verso la liquidità, ma ora gli investitori cercheranno di salire un po' di più nella scala del rischio. Riteniamo quindi di essere avvantaggiati dal fatto di essere ben posizionati nel reddito fisso e nelle obbligazioni societarie", spiega.

Secondo Pinto e Rossi, una terza ondata di accettazione del rischio e di domanda di azioni in generale arriverà, ma la vedono più a medio termine. L'interesse per le azioni si concentra in particolare sulle azioni giapponesi.