Nuovi lanci: fondi Articolo 9 e sul reddito fisso ESG potenziano le gamme

Nuovi fondi, Nuovi lanci: fondi Articolo 9 e sul reddito fisso ESG potenziano le gamme
Andreas Gucklhorn (Unsplash)

Continuano i lanci di fondi che puntano al perseguimento degli obiettivi di sostenibilità. BlackRock ha reso deisponibili il BGF Climate Action Multi-Asset Fund e il BGF Climate Action Equity Fund che forniscono agli investitori l'accesso ai principali temi climatici e che dovrebbero beneficiare della transizione verso un'economia a basse emissioni di gas serra e verso emissioni di carbonio net zero. Entrambi i fondi integrano i criteri ESG nei loro processi di investimento e sono classificati come Articolo 9, in linea con il regolamento UE SFDR.

Il BGF Climate Action Multi-Asset Fund è uno dei primi nel suo genere ad adottare un approccio multi-asset per investire in emittenti che si impegnano a ridurre le loro emissioni di gas serra attraverso un portafoglio diversificato che comprende azioni, reddito fisso e asset alternativi. I settori investiti sono l’energia pulita, efficienza delle risorse, alimentazione sostenibile, biodiversità e trasporto pulito."Gli investitori stanno cercando, in maniera crescente, di allineare i loro obiettivi di investimento con le priorità legate al tema del cambiamento climatico. Nell'intento di raggiungere questo obiettivo, un approccio multi-asset puó consentire di attingere ad una vasta gamma di strategie legate al clima per cercare opportunità di investimento più interessanti - e gestire i rischi – che il cambiamento climatico porta con sé”, ha dichiarato a margine del lancio il portfolio manager per le strategie multi-asset Rupert Harrison.

Il BGF Climate Action Equity Fund si concentra invece sull’individuazione degli elementi strutturali e disruptive di lungo termine, che guidano la riduzione delle emissioni di gas serra in tutta la filiera del mercato. Il fondo investe in società che forniscono soluzioni per la mitigazione e/o l'adattamento al cambiamento climatico, o in aziende le cui proposte stanno diventando più resilienti in risposta ai rischi a lungo termine presentati dal cambiamento climatico e dall'esaurimento delle risorse.

Affrontare il climate change  

Anche J.P. Morgan AM è attiva sulle soluzioni che investono in aziende attive nello sviluppo e nell’ottimizzazione di soluzioni per affrontare il cambiamento climatico. Il gestore ha infatti lanciato il Climate Change Solutions Fund, il primo fondo della casa conforme all’Articolo 9 della SFDR.

Nell’universo investibile del fondo rientrano società che contribuiscono al raggiungimento di un ecosistema sostenibile attraverso la produzione di energia rinnovabile, come quella eolica, solare e idroelettrica, società a bassa intensità di emissioni di carbonio nel settore agricolo e delle costruzioni, nonché società che operano nel settore dei trasporti sostenibili e dello sviluppo di tecnologie finalizzate alla riduzione dei rifiuti. Per l’analisi dei titoli, Climate Change Solutions Fund si avvale di ThemeBot, lo strumento proprietario di analisi del linguaggio naturale di J.P. Morgan Asset Management in grado esaminare circa 13 mila titoli azionari globali attraverso l’analisi rapida di decine di milioni di fonti di dati. Dalla selezione non saranno escluse società a piccola e media capitalizzazione considerate importanti motori di cambiamento. Sarà poi il team di ricerca di J.P. Morgan Asset Management, composto da più di 90 analisti, a valutare i fondamentali delle società individuate da ThemeBot per costruire un portafoglio diversificato e ad alta convinzione.

L’head of EMEA Funds Massimo Greco ha commentato: "Siamo molto felici di rendere disponibile il nostro fondo tematico focalizzato sul cambiamento climatico a tutti gli investitori che cercano una soluzione innovativa e diversificata. Coniugando l'intelligenza artificiale con l’esperienza umana, la nostra strategia è in grado di intercettare opportunità di investimento innovative e tecnologie che facilitano la transizione verso un futuro a basse emissioni di carbonio".

Credito ESG

Per quanto riguarda il reddito fisso Nordea Asset Management ha aggiunto due soluzioni dedicate al credito statunitense alla sua gamma ESG STARS. Entrambi i fondi sono stati lanciati nel 2019 per soddisfare le esigenze dei clienti di NAM nelle regioni nordiche. Considerata la crescente domanda di soluzioni ESG in tutta Europa e oltre, i fondi sono stati ora resi disponibili ai numerosi clienti di NAM a livello internazionale.  

Queste due strategie di investimento andranno a rafforzare l’offerta ESG STARS sotto l'ombrello Nordea 1. Esse combinano un investimento top-down e bottom-up con un approccio ESG best-in-class secondo criteri di screening positivo per identificare profili ESG forti o in miglioramento, rispettando al contempo la politica di NAM sui combustibili fossili allineata all’accordo di Parigi. "Le due strategie di investimento a reddito fisso statunitensi completano la nostra gamma ESG STARS e sono state integrate per offrire ai nostri clienti un'ampia selezione di soluzioni ESG che consentono loro di costruire portafogli diversificati. L’arricchimento dei nostri strumenti ESG porta la nostra gamma di successo ESG STARS a 19 prodotti, che intendiamo espandere ulteriormente in futuro", ha dichiarato Christophe Girondel, global head of Distribution di NAM. "Con questi fondi, offriamo ai clienti ulteriori soluzioni per favorire la decarbonizzazione dei loro portafogli".