Nusseibeh (Federated Hermes): "Gestione rischi geopolitici sempre più determinante"

Saker Nusseibeh News
Saker Nusseibeh, immagine concessa (Federated Hermes)

Nonostante i carri armati russi siano entrati in Ucraina nel febbraio 2022, abbiamo vissuto un periodo di relativa calma in termini di sviluppi geopolitici negativi, soprattutto rispetto a gran parte del XX secolo. Molti investitori avevano dimenticato quanto la geopolitica possa essere importante nelle decisioni di investimento.

È facile dimenticare che non è sempre stato così. "C'è stato un tempo in cui gli investitori hanno capito che la geopolitica, e in particolare la Guerra Fredda tra Unione Sovietica e Occidente, aveva un impatto reale sulla volatilità finanziaria e sulle economie, in un mix di guerre per procura e diplomazia insolita", afferma Saker Nusseibeh, CEO di Federated Hermes.

Quando Nusseibeh era solo un ragazzo a Gerusalemme Est alla fine degli anni '60, ha vissuto una di queste guerre per procura nel giugno 1967. "Quell'esperienza mi ha insegnato che il rischio non è sinonimo di volatilità, ma piuttosto della possibilità di perdere tutto", afferma.

A suo avviso, forse il culmine di quell'epoca è stato raggiunto nel 1973. Lo stesso anno in cui fu annunciato il ritiro degli Stati Uniti dal Vietnam con la firma degli accordi di pace di Parigi, si verificò anche la quarta guerra arabo-israeliana e la successiva crisi del prezzo del petrolio. Nel 1989, con il declino economico dell'URSS, cadde il Muro di Berlino e il politologo Francis Fukuyama dichiarò notoriamente la fine della storia.

Così è iniziata, quasi 30 anni fa, la convinzione che la globalizzazione rappresentasse un intreccio di economie regionali e un divorzio dalla geopolitica, tranne che nelle economie marginali in via di sviluppo.

Il ritorno della geopolitica come fattore di investimento

Nusseibeh vede tre ragioni specifiche per cui la geopolitica è passata in secondo piano. In primo luogo, l'euforia generale seguita al crollo dell'Unione Sovietica ha erroneamente convinto molti che fossimo entrati in un'epoca di egemonia delle democrazie (da cui l'articolo di Fukuyama) come filosofia politica e di dominio militare delle potenze occidentali, come la seconda guerra in Iraq sembrava dimostrare.

In secondo luogo, si è diffusa la falsa convinzione che un'economia mondiale interconnessa fosse un fenomeno nuovo. Infine, è cresciuta l'idea che questa interconnessione avrebbe portato alla fine dei conflitti e della geopolitica come parte del panorama dei fattori economici.

"Probabilmente i semi della nuova era sono stati gettati con la cosiddetta diplomazia del ping-pong degli anni '70 e con la trasformazione della Cina, nel tempo, nella superpotenza economica che è oggi", analizza Nusseibeh. Ciò ha creato ampie opportunità per gli investitori (che hanno trascurato l'inevitabile crescente rivalità tra Cina e Stati Uniti). Tuttavia, il tentativo della Russia di annettere l'Ucraina ha ricordato a molti che la Cina considera Taiwan parte del Regno di Mezzo e il Mare del Sud un'area di influenza cinese.

La recente mossa della Cina di limitare le esportazioni di due metalli chiave utilizzati per la produzione di chip, a causa della disputa commerciale con gli Stati Uniti, ricorda a Nusseibeh che l'economia è un'estensione della politica con altri mezzi. "Questo non vuol dire che non ci siano opportunità di investire e di trarre vantaggio dall'emergere di un nuovo panorama economico. Ma questo richiede una serie di competenze specifiche nell'armamentario degli investimenti", insiste.

I gestori in grado di gestire gli attuali rischi geopolitici sono, a suo avviso, nella posizione migliore per generare rendimenti stabili nel lungo periodo. "Chi non tiene conto di questi rischi può non solo incorrere nella volatilità, ma anche scoprire che il rischio significa perdere tutti i soldi dei propri clienti, come hanno scoperto coloro che investono in asset russi dopo la decisione di Vladimir Putin di invadere l'Ucraina", afferma.

Avere un istinto per il rischio

Secondo Nusseibeh, la sfida per i manager di oggi è quella di avere un istinto per il rischio geopolitico quando pochi lo hanno sperimentato.

A suo avviso, i manager devono assicurarsi di avere le competenze necessarie per il mondo di oggi. Il settore deve considerare, ad esempio, la provenienza delle assunzioni per dotarsi delle giuste competenze e conoscenze. "I laureati in politica e storia sono importanti e rilevanti oggi quanto i laureati in finanza ed economia. La diversità di pensiero è importante quanto la diversità di background. Spesso le due cose vanno di pari passo", afferma Nusseibeh.

"In qualità di investitore, prestare attenzione a questi rischi potrebbe fare la differenza tra garantire i propri rendimenti o rimanere a bocca asciutta", conclude Nusseibeh.