Come investire con Invesco sfruttando la blockchain

Franco Rossetti, Senior Relationship Manager ETF Specialist, Invesco

Contributo a cura di Franco Rossetti, Senior Relationship Manager di Invesco. Contenuto sponsorizzato.

La blockchain è un registro contabile pubblico, cioè un database completo. La nuova tecnologia consente di registrare in un formato elettronico il trasferimento di valute, informazioni e beni tra diversi partecipanti. I vantaggi? L’eliminazione della necessità di un’autorità centrale per la riconciliazione, dal momento che la raccolta di documenti tramite blockchain rappresenta una versione unica e inalterabile del loro contenuto. La sfida che deve affrontare ogni investitore che vuole ottenere un’esposizione al tema blockchain è come farlo in modo efficace.

Un’evoluzione esponenziale

Negli ultimi 18 mesi il settore blockchain è cresciuto in maniera esponenziale tra diverse organizzazioni, grazie soprattutto alla sua capacità di trasformare la gestione degli archivi e degli asset digitali, che ha generato opportunità per gli investitori. Nella ricerca “Hyper Real, principali trend del settore blockchain a livello globale”, scritta in modo indipendente da Keith Bear e Michel Rauchs (Fellow e Research Affiliate rispettivamente presso il Cambridge Judge Business School’s Center for Alternative Finance) si sottolinea come le reti blockchain costituiscono un nuovo tipo di infrastruttura di mercato condivisa che facilita un’interazione fluida tra i vari partecipanti. La verifica continua di registri condivisi e transazioni fonde le tradizionali funzioni di compliance e audit in un unico processo, con un livello di trasparenza e responsabilità maggiore.

Le tecnologie per le imprese

La ricerca sottolinea come gli sviluppi del settore e le tendenze chiave stiano plasmando la traiettoria a lungo termine della blockchain, mettendo in evidenza quattro fenomeni principali. La tecnologia delle imprese si sta evolvendo. Le organizzazioni infatti hanno iniziato a commercializzare reti blockchain per le aziende che operano in settori come quello assicurativo, quello bancario, dei finanziamenti e delle spedizioni commerciali. Se la maggior parte dell’attenzione si concentra sui criptoasset, si legge nella ricerca, anche altri asset blockchain sono in ascesa, tra cui le monete e i token digitali. Il terzo punto evidenziato è che gli enti normativi stanno accelerando il processo di integrazione dei criptoasset e degli altri asset digitali nel sistema finanziario tradizionale regolamentato. L’ultimo punto approfondito dalla ricerca è il ruolo che sta assumendo la blockchain, anche sotto il punto di vista commerciale e nella struttura informatica delle aziende.

Come investire

In uno scenario di crescente interesse per la blockchain, Invesco ha lanciato nel 2019 Invesco Elwood Global Blockchain UCITS ETF, il più grande exchange-traded fund in Europa impegnato negli investimenti nella tecnologia, che ha chiuso il 2020 con 417 milioni di dollari di asset in gestione.

Non esiste un ‘settore blockchain’ in cui investire. Le aziende che generano ricavi dalla tecnologia, o che hanno il potenziale per farlo, infatti, sono distribuite in più settori e vanno dalle startup alla grandi corporation. Abbiamo lanciato Invesco Elwood Global Blockchain UCITS ETF per fornire agli investitori un’esposizione diversificata a un indice costruito da esperti in asset digitali. L’ETF, che comprende 46 titoli, ha fatto registrare un +92,55% tra dicembre 2019 e dicembre 2020 (dati aggiornati al 24 marzo 2021).

Scopri di più su Invesco e Invesco Elwood Global Blockchain UCITS ETF


Considerazioni sui rischi 

Il valore degli investimenti e qualsiasi reddito da essi derivante possono oscillare. Ciò è dovuto in parte a fluttuazioni dei tassi di cambio. Gli investitori potrebbero non ottenere l’intero importo inizialmente investito.
Poiché il fondo investe in società di uno o di un numero  ristretto di settori, gli investitori devono essere disposti ad accettare un grado di rischio più elevato rispetto a un ETF con un mandato di investimento più ampio.

Prestito titoli: Il Fondo può essere esposto al rischio che il debitore non adempia al proprio obbligo di restituire i titoli alla fine del periodo di prestito, e che, in caso di insolvenza, non sia in grado di vendere le garanzie collaterali fornite. 

Il Fondo intende investire in titoli di emittenti che gestiscono le proprie esposizioni ESG in modo migliore rispetto ai loro pari. Ciò potrebbe incidere sull’esposizione del Fondo a determinati emittenti e causare la sua rinuncia a talune opportunità d’investimento. Il Fondo può evidenziare risultati diversi rispetto ad altri fondi, come ad esempio performance inferiori rispetto ad altri fondi che non mirano a investire in titoli di emittenti sulla base dei loro rating ESG.

Il fondo intende investire in titoli basati sulle loro esposizioni ESG. Ciò può incidere sull’esposizione del Fondo, limitare le opportunità di investimento e indurre il fondo a sottoperformare rispetto ad altri fondi  che non cercano investimenti basati sui rating ESG.

Informazioni sull’indice

Il fondo non è sponsorizzato, promosso, commercializzato o incentivato in alcun modo da Solactive AG, né Solactive AG offre in qualsiasi momento alcuna garanzia esplicita o implicita in merito ai risultati dell’utilizzo dell’Indice e/o del suo marchio o del Prezzo dell’Indice, o relativamente a qualsivoglia altro aspetto. L’Indice è calcolato e pubblicato da Solactive AG.