Contro il cambiamento climatico la formula ‘business as usual’ non può funzionare

CONTRIBUTO a cura di David Riley, chief investment strategist di Bluebay Asset Management. Contenuto sponsorizzato da Bluebay Asset Management.

Limitare il riscaldamento globale al di sotto dei 2°C sopra i livelli pre-industriali, quindi al livello che gli scienziati reputano necessario per evitare che il cambiamento climatico oltrepassi soglie che potrebbero avere impatti ambientali, sociali ed economici catastrofici, richiede che le emissioni totali di carbonio vengano mantenute entro il cosiddetto ‘carbon budget’ o bilancio del carbonio globale.

Se anche le emissioni venissero azzerate a partire da oggi, l’incremento delle temperature globali dal periodo pre-industriale continuerebbe a causare cambiamenti climatici di lungo termine, incluso l’aumento del livello dei mari. ‘Business as usual’ non è più un’opzione.

Le emissioni devono essere ridotte drasticamente nel prossimo decennio, per essere infine azzerate. E ciò richiederà un incremento notevole del prezzo del carbonio, che non viene ancora riflesso nel pezzo di beni e servizi e nel valore degli asset.

La deforestazione della foresta amazzonica è un esempio estremo del fallimento del mercato a livello di esternalità: vale a dire, quando il prezzo di un’attività non riflette pienamente i suoi costi e benefici. Lì la terra è effettivamente priva di valore economico fino a quando non viene disboscata per uso agricolo. Eppure è vero che il valore economico risiede nella sua funzione di serbatoio di carbonio più importante al mondo.

Il Fondo Monetario Internazionale stima che il ‘business as usual’ esaurirà il budget del carbonio per mantenere il riscaldamento globale entro 1,5°C entro la fine del decennio. Persino il budget per mantenerlo entro i 2°C verrà esaurito entro il 2050.

Gli impegni per la decarbonizzazione non sono abbastanza ambiziosi

Più della metà del totale delle emissioni annuali di gas serra proviene da Cina, USA, Europa e India. Il calo delle emissioni nelle economie avanzate viene però più che annullato dagli incrementi nei Mercati Emergenti, e in particolare in Cina, India e altre economie asiatiche. Detto questo, il mondo sviluppato è ancora il principale responsabile delle emissioni cumulative di CO2 dall’era pre-industriale e delle emissioni pro-capite annuali.

Tutti i firmatari degli Accordi di Parigi del 2015 si sono impegnati alla neutralità carbonica entro la seconda metà del secolo – una svolta straordinaria. Ma i Paesi avanzati hanno più tempo e flessibilità in base alle loro esigenze di sviluppo socio-economico. L’India, per esempio, ha promesso di tagliare l’intensità di carbonio del Pil entro il 2030, invece di ridurre le emissioni. Il supporto finanziario e tecnico per le economie in via di sviluppo è essenziale affinché raggiungano target più ambiziosi e affrontino il cambiamento climatico, come da obiettivo stabilito alla recente COP26 di Glasgow.

Climate Action Tracker, società di analisi scientifica indipendente, stima che con le politiche attuali l’incremento delle temperature globali potrebbe avvicinarsi ai 3°C entro la fine del secolo. Se anche i Paesi onorassero promesse e target attuali, l’aumento sarebbe comunque di 2,4°C.

Circa tre quarti delle emissioni di gas serra sono legate all’energia, dall’elettricità, al riscaldamento, ai trasporti, mentre circa un quinto deriva dall’agricoltura.

La decarbonizzazione dell’economia globale sarà costosa e molte opzioni comportano incertezza

  • La riforestazione assorbirà CO2, ma può essere fatta su una scala sufficiente?
  • Le tecnologie di rimozione del carbonio sono piuttosto nuove. Possono crescere al punto da avere un impatto significativo?
  • La protezione dei polmoni naturali, come la foresta amazzonica, che assorbono metà delle emissioni globali, comporta effetti economici collaterali

La tassazione sul carbonio è ancora troppo bassa

Il carbon pricing è un modo efficiente sul fronte dei costi per ridurre le emissioni, soprattutto per quanto riguarda i sistemi governativi (ETS, Emission Trading System). Alcuni Paesi potrebbero imporre dei dazi sul carbonio, con il rischio però di innescare una guerra commerciale climatica.

Tasse e mercati del carbonio si stanno diffondendo, ma il prezzo è ancora decisamente troppo basso per riallocare le risorse da attività economiche ad alta intensità verso quelle a bassa intensità, e incentivare la scala di investimenti richiesti per decarbonizzare l’economia. Le resistenze politiche, dovute all’impatto sulle bollette delle famiglie e sui costi di trasporto, imporranno costi ancora più elevati e temperature più alte nel medio termine.

Tuttavia, il Fondo Monetario Internazionale stima che il contraccolpo economico dovuto alla tassazione sul carbonio verrebbe più che compensato dai guadagni economici. Le tasse sul carbonio possono adempiere al compito gravoso di ridurre le emissioni, mentre gli investimenti green possono stimolare l’innovazione tecnologia e creeranno posti di lavoro, compensando i costi della transizione verso lo zero netto.

Affrontare il cambiamento climatico e la transizione verso un’economia a basso carbonio saranno i temi di investimento chiave del prossimo decennio e oltre. Coloro che liquidano il cambiamento climatico come una problematica di lungo periodo che va oltre il loro orizzonte di investimento non riusciranno a trarre beneficio dalle opportunità che si presenteranno, né a individuarne i rischi.

Disclaimer

Il presente documento può essere prodotto e distribuito dalle seguenti società: nell’Area Economica Europea (EEA), da BlueBay Funds Management Company S.A. (“ManCo”), che è regolata dalla Commission de Surveillance du Secteur Financier (“CSSF”). In Germania e in Italia, ManCo opera tramite passaporto con succursale ai sensi della Direttiva Organismi d’Investimento Collettivo in Valori Mobiliari (2009/65/CE) e la Direttiva sui Gestori di Fondi di Investimento Alternativi (Direttiva 2011/61/UE). Nel Regno Unito da BlueBay Asset Management LLP (BBAM LLP), che è autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority (“FCA”) nel Regno Unito, registrata negli Stati Uniti presso US Securities and Exchange Commission (“SEC”) ed è membro della National Futures Association (NFA) in quanto autorizzata dalla US Commodity Futures Trading Commission (“CFTC”). Negli Stati Uniti, questo documento può essere emesso da BlueBay Asset Management USA LLC che è registrata presso SEC e NFA. In Svizzera, da BlueBay Asset Management AG, il cui Rappresentante ed Agente per i Pagamenti è BNP Paribas Securities Services, Paris, succursale di Zurigo, Selnaustrasse 16, 8002 Zurigo, Svizzera. Il luogo della prestazione è presso la sede legale del Rappresentante. I tribunali della sede legale del Rappresentante Svizzero sono competenti in materia di crediti in relazione alla distribuzione di azioni in Svizzera. Il Prospetto, il documento contenente le Informazioni Chiave per gli Investitori (“KIIDs”), lo Statuto Sociale e altri relativi documenti richiesti, quali la Relazione Annuale o Semestrale, possono essere richiesti a titolo gratuito al Rappresentante in Svizzera. In Giappone, da BlueBay Asset Management International Limited, iscritta presso il Kanto Local Finance Bureau del Ministero delle Finanze, Giappone. In Australia, BBAML LLP è esonerata dal requisito di ottenere una licenza per i servizi finanziari in Australia ai sensi del Corporations Act nella in merito ai servizi finanziari, dato che è regolata dall’FCA in base alle leggi inglesi che differiscono dalle leggi Australiane. In Canada, BBAM LLP non è registrata ai sensi della legislazione sui valori mobiliari e si affida all’eccezione applicabile in base alla normativa locale sui valori mobiliari in merito agli operatori finanziari internazionali che permette a BBAM LLP di intraprendere determinate specifiche attività di commercio con i residenti Canadesi che si possono qualificare come “clienti autorizzati in Canada”, ai sensi della definizione applicabile ai sensi normativa sui valori mobiliari. Le entità del gruppo BlueBay menzionate sopra sono denominate collettivamente come “BlueBay” qui di seguito. Le registrazioni e le affiliazioni riportate non devono essere interpretate alla stregua di un avallo o approvazione da parte di nessuna delle entità BlueBay identificate dalle rispettive autorità competenti autorizzate per il rilascio delle licenze o per la registrazione. Al meglio di quanto a conoscenza di BlueBay, il presente documento è vero ed accurato alla presente data. BlueBay non garantisce o conferma espressamente o implicitamente con riferimento alle informazioni contenute nel presente documento, e con la presente espressamente declina qualsiasi garanzia di accuratezza, completezza o preparazione per un particolare scopo. Il presente documento si intende diretto a “clienti professionali” o “controparti qualificate” (come definite dalla Direttiva Relativa ai Mercati degli Strumenti Finanziari (“MIFID”) or gli “investitori accreditati” (come definiti dal Securities Act del 1933), or “acquirenti qualificati” (come definiti dall’Investment Company Act del 1940), come applicabile e non deve essere utilizzato da nessun’altra categoria di clienti. Nell’ipotesi in cui tale documento venisse fornito a soggetti diversi da quelli autorizzati, colui che fornisce il presente documento si assume la responsabilità di stabilire l'idoneità del fondo BlueBay specifico per l'investitore in questione ed è altresì responsabile di fornire qualsiasi ulteriore informazione necessaria in conformità con le leggi e le normative locali in vigore.

Negli Stati Uniti, il presente documento può anche essere offerto da RBC Global Asset Management (US) Inc. (“RBC GAM-US”), consulente per gli investimenti registrato con la SEC. RBC Global Asset Management (“RBC GAM”) è la divisione asset management di Royal Bank of Canada (RBC) che include BBAM LLP, RBC GAM-US, RBC Global Asset Management (Asia) Limited and RBC Global Asset Management Inc., che sono società separate ma affiliate.

Il presente documento è stato preparato a solo scopo informativo e non costituisce un’offerta, un invito o una sollecitazione all’acquisto di alcuno dei prodotti o servizi di investimento, per adottare nessuna specifica strategia in alcuna giurisdizione. Nessun fondo BlueBay può essere offerto, se non ai sensi e subordinatamente al memorandum di offerta e al materiale di sottoscrizione relativi al fondo (il “Materiale di Offerta”). Le informazioni relative a BlueBay presenti in questo documento sono solo a fini informativi generali e non costituiscono una descrizione esaustiva di un investimento in alcun fondo BlueBay. Se non diversamente dichiarato, tutti i dati e le informazioni sono stati ricercati da BlueBay. Nessuna parte di questo documento può essere riprodotta, ridistribuita o passata in alcun modo, direttamente o indirettamente, ad altre persone o pubblicata, per intero o in parte, per qualsiasi altro motivo e in ogni modo senza il previo permesso scritto di BlueBay. Copyright 2021 © BlueBay è un gruppo interamente controllato da RBC e BBAM LLP può essere considerata come correlata e/o connessa a RBC e alle sue altre società affiliate. ® Marchio registrato di RBC. RBC GAM è un marchio registrato di RBC. BlueBay Funds Management Company S.A., sede legale 4, Boulevard Royal L-2449 Lussemburgo, società registrata in Lussemburgo numero B88445. BlueBay Asset Management LLP, sede legale 77 Grosvenor Street, Londra W1K 3JR, società registrata in Inghilterra e Galles numero OC370085. Il termine partner si riferisce a un membro della LLP o a un dipendente BlueBay con posizione equivalente. I dettagli dei membri del gruppo BlueBay e altri termini importanti ai quali è soggetto questo messaggio sono disponibili sul sito www.bluebay.com. Tutti i diritti riservati.