Securities lending, da CACEIS un’opportunità per gli investitori

Donia Rouigueb notizia
Donia Rouigueb, Head of Sales - Securities Finance & Repo, CACEIS

Contributo a cura di Donia Rouigueb, Head of Sales – Securities Finance & Repo di CACEIS. Contenuto sponsorizzato.

Il 2020 è stato un anno estremamente particolare per l’industria del prestito e del finanziamento titoli, con impatti significativi sulle attività di negoziazione. Infatti, l’utilità del securities lending nel sostenere la liquidità dei mercati è emersa in particolar modo all’inizio della crisi pandemica, quando lo shock sulle economie europee ha fatto emergere bisogni e opportunità derivanti dall’elevato livello di volatilità. Nonostante una diffusa preoccupazione per la situazione, la maggior parte dei nostri clienti ha mantenuto i programmi di prestito in essere. Questa reazione equilibrata da parte degli investitori ha contribuito a evitare una crisi di liquidità nel mercato e a mantenere la disponibilità dei titoli.

Inoltre, l’attività di securities lending ha permesso ai nostri clienti di generare revenues aggiuntive in modo sicuro a fronte di un anno per tutti difficile e per alcuni sottoperformante. Il prestito titoli, infatti, è una attività regolamentata e trasparente che tutela le Parti in essa coinvolte.

Durante il picco della crisi tra marzo e aprile, abbiamo assistito, da un lato, ad un diffuso timore tra i clienti istituzionali di potersi trovare in deficit di liquidità dovendo fermare le attività a fronte di uscite di liquidità da onorare. Dall’altro lato, il mercato ha sperimentato uno shock significativo, un crollo a fronte del quale molte controparti si sono trovate nella necessità di dover collateralizzare le loro operazioni, ed in particolar modo quelle in derivati OTC.

In effetti abbiamo visto un forte aumento nella domanda di titoli per la collateralizzazione delle operazioni, tanto che anche i titoli più liquidi, normalmente conosciuti come General Collateral, risultavano molto richiesti, generando dunque ulteriori utili. Grazie alle soluzioni di financing proposte da CACEIS, i nostri clienti istituzionali non hanno sofferto il deficit di liquidità prima dell’intervento delle banche centrali.

Dopo un mese e mezzo difficile, infatti, le banche centrali hanno svolto un ruolo chiave fornendo una risposta rapida, coordinata e di ampio respiro alla crisi. Le strategie economiche impiegate hanno assorbito efficacemente lo shock finanziario e gli spread sono tornati a livelli normali. Tuttavia, le misure adottate, pur necessarie per evitare una crisi di liquidità, hanno tolto slancio e dinamicità ai mercati. Alla fine del 2020, dunque, la situazione è tornata alla normalità, con ricavi da prestiti complessivamente inferiori rispetto al 2019 a causa di mercati statici e di un forte eccesso di liquidità dovuto alle politiche delle banche centrali.

Durante il periodo turbolento, abbiamo migliorato sensibilmente la nostra comunicazione con i clienti per rassicurarli. Memori del 2008, molti di loro erano preoccupati di dover concludere vendite su larga scala senza avere accesso ai titoli prestati. Abbiamo implementato una strategia agile con team distribuiti su vari siti. La complessa infrastruttura delle dealing room è stata rapidamente delocalizzata, sfruttando la tecnologia e le reti per consentire lo smart working anche per i trader. In questo modo abbiamo supportato un’ampia gamma di clienti attraverso il nostro programma di securities lending & financing, inclusi fondi di investimento, hedge fund, fondi pensione e assicurativi, e banche centrali.

2021, l’anno della ripartenza

Con una ripresa più rapida del previsto, trainata dalle Banche Centrali e dall’azione dei governi, potremo assistere nel breve periodo a nuove operazioni dettespecial situationsdel tipo merger & acquisition o IPO, anche a fronte delle necessità di consolidamento emerse per molte società dopo un periodo difficile. Questo porterà ad interessanti opportunità per il mercato del prestito titoli.

Parallelamente, gli spread sull’attività obbligazionaria rimarranno probabilmente bassi. Infatti, sul mercato c’è un’offerta enorme di liquidità; le banche centrali accettano uno spettro molto ampio di asset come collaterale, motivo per cui gli spread al momento sono molto bassi, e nel 2021 continueranno a diminuire. E sarà così fino a che le banche centrali continueranno in questa direzione.  

Dal punto di vista normativo, il Securities Financing Transaction Regulation – SFTR – implementato lo scorso luglio per rafforzare la trasparenza nelle operazioni di securities financing, impone ampi obblighi di rendicontazione e il coinvolgimento dei clienti nel monitoraggio della qualità delle segnalazioni. Anche l’introduzione del CSDR e la disciplina del buy-in, posticipati al 2022, avranno importanti implicazioni, in particolare per il prestito obbligazionario che è storicamente meno efficiente in termini di mancato regolamento.

Infine, un altro tema al centro dell’attenzione sarà l’ESG ed in particolare la definizione da parte dei market player di un contesto operativo tale da permettere di generare ricavi prestando titoli nel rispetto delle linee guida definite.

In questo quadro emerge dunque la funzione sempre più fondamentale di supporto del securities lending & financing nell’assicurare revenues aggiuntive in modo trasparente e sicuro, contribuendo a sostenere le performance in tempi indiscutibilmente difficili come quelli che stiamo vivendo. 

Solidità e innovazione

In questo contesto, l’offerta di securities lending & financing di CACEIS riscuote un sempre crescente interesse da parte degli investitori istituzionali. Il successo di questo programma, la vicinanza ai clienti, la qualità dei servizi forniti e la preparazione dei nostri professionisti dedicati sono riconosciuti anche dal mercato. Le soluzioni innovative sviluppate a fronte della crisi pandemica, infatti, sono valse al team di Prestito Titoli di CACEIS il primo posto nelle categorie ponderate e non ponderate globali, in aggiunta ai tre maggiori riconoscimenti ai Global Investor ISF 2020 Awards dell’ottobre scorso: “Best Lender” e “Most Innovative”, a conferma dell’approccio proattivo e innovativo del team di trading composto da esperti senior – ed infine “Best COVID Crisis Management”: sin dalle prime fasi della pandemia, l’agilità aziendale e l’etica del lavorativa del team di Prestito Titoli di CACEIS hanno permesso un rapido riassetto organizzativo per garantire la comunicazione tra team interni, controparti e clienti, e la continuità del servizio durante i momenti più critici della crisi.

Questi risultati riflettono l’eccellenza di CACEIS in questo settore, nel quale ha costruito una consolidata posizione di partner di fiducia, consentendo ai propri clienti di accedere al mercato del prestito titoli alle migliori condizioni possibili e generare performance aggiuntive in maniera totalmente sicura e con un processo trasparente ed efficacemente regolamentato e monitorato.


CACEIS

CACEIS è il gruppo bancario di Crédit Agricole specializzato nella fornitura di servizi finanziari a società di gestione, compagni di assicurazione, fondi pensione, banche, SIM e grandi aziende. Presente in Europa, Nord America e in Asia, CACEIS offre una gamma completa di prodotti e servizi: esecuzione, regolamento, forex, prestito titoli, custodia, banca depositaria, amministrazione di fondi, assistenza nella commercializzazione di fondi, soluzioni di middle-office e servizi per gli emittenti. Con 4.198 miliardi di Euro di asset in custodia e 2.187 miliardi di Euro di asset in amministrazione, CACEIS è leader di mercato nel settore dell’Asset Servicing in Europa e si colloca tra i principali player a livello globale (dati aggiornati al 31 dicembre 2020). www.caceis.com