Fonte_ Unsplash

Monthly Outlook con Credit Suisse AM: le due ragioni del rimbalzo positivo di inizio anno

Abbiamo chiuso il 2022 con una piccola speranza fronte tassi e una certa preoccupazione per una possibile, immanente, recessione.

Anche il nuovo anno si apre con un certo ottimismo, nonostante le incognite rimangano moltissime: se da una parte infatti la Fed ha detto che si muoverà verso una politica monetaria meno restrittiva, lato Bce ancora non sappiamo cosa aspettarci con certezza. In Cina, però, l’abbandono della politica zero-Covid, dopo una prima fase critica per l’aumento dei contagi, porterà sul medio termine nuovo impulso alla crescita e un rimbalzo dell’economia nella seconda parte dell’anno. Il drastico calo delle quotazioni del gas naturale in Europa, poi, ha spinto il mercato a rivedere al rialzo le aspettative di crescita per il 2023, inizialmente caute. 

Insomma, sembra esserci prospettive positive per i prossimi mesi. In questa prima puntata dell’anno, parliamo insieme a Marco Mossetti di Credit Suisse Asset Management di cosa rappresenterà, questo, per gli investitori.

Disclaimer

Ove questi materiali contengano affermazioni relative al futuro, queste hanno natura previsionale, sono soggette a rischi e incertezze e non sono garanzia di risultati/performance futuri.

Pubblicità di natura finanziaria. Ogni investimento è soggetto alle dinamiche del mercato dei capitali e non è mai assicurata la realizzazione di profitti. Il valore finale dell’investimento può essere quindi anche inferiore rispetto al suo valore iniziale”

Credit Suisse Italy S.p.A. è una banca autorizzata dalla Banca d’Italia e vigilata dalla CONSOB per lo svolgimento di servizi di investimento in Italia. La sede legale di Credit Suisse Italy S.p.A. è Via Santa Margherita 3, 20122 Milano