Quali opportunità di mercato può generare il summit di Glasgow?

COP26, Quali opportunità di mercato può generare il summit di Glasgow?
kzgunea Erandio, Flickr, creative commons

La COP26 a Glasgow inizierà con molte domande su come i governi e le aziende possano raggiungere l'obiettivo finale di ridurre il riscaldamento globale a 2°C o meno, preferibilmente a 1,5°C sotto la temperatura media pre-industriale. Oltre a vedere il raggiungimento di politiche e impegni concreti, la riunione sarà anche osservata da vicino dai mercati finanziari. Dopo tutto, come spiega Eric Pedersen, head of Sustainable Investments di Nordea AM: "Gli investitori dovrebbero interessarsi alla COP26 perché l'urgenza del cambiamento climatico rappresenta la più grande minaccia sia per il loro prosperità futura che per le condizioni ambientali in cui vivranno le generazioni a venire".

Bisogna tenere presente anche che il summit arriva in un momento in cui la crisi energetica, che ha molto a che fare con il costo della transizione energetica, ha fatto salire i tassi di inflazione. Questo è il motivo per cui Chris Iggo, CIO core investments di AXA IM avverte che "c'è il rischio che sia la crescita che le aspettative di inflazione possano essere influenzate da ciò che viene concordato o meno. È importante che gli investitori vedano che la politica si sta muovendo nella giusta direzione".

Inoltre, questo vertice e gli accordi che verranno raggiunti porteranno alcune aziende a essere vincitrici mentre altre perdenti in termini di politiche in favore della sostenibilità del pianeta. "Dal punto di vista degli investimenti, settori come le risorse naturali, le infrastrutture energetiche e i trasporti avranno un ruolo chiave nella creazione di un futuro più sostenibile. Anche se questi settori hanno storicamente avuto una scarsa storia di emissioni, le aziende che possono trasformarsi rapidamente sono particolarmente interessanti e spesso sottovalutate dai mercati", spiega Luc Pez, co-gestore del fondo OYSTER Sustainable Europe (iM Global Partner).

i settori più interessanti

Pascal Dudle, manager di Vontobel, cita due esempi. Il primo si riferisce a quelle aziende, nei settori dell'edilizia e dei trasporti, che "possono offrire soluzioni di riscaldamento e raffreddamento non fossili ed efficienti dal punto di vista energetico per gli edifici". Il secondo riguarda le aziende del settore automobilistico. "In questo settore, poiché la tendenza ad abbandonare i motori a combustione verso i sistemi di propulsione elettrica continua, la domanda di stazioni di ricarica (rapida) cresce di conseguenza. Le aziende che assicurano l'espansione della corrispondente rete di media tensione ne beneficiano indirettamente", dice.

Da J.P. Morgan AM, due strategist di mercato Hugh Gimber e Jai Malhi, sostengono che in settori come l'energia, la logistica, l'aviazione e l'agricoltura, che tipicamente hanno alti livelli di emissioni di carbonio, hanno anche qualche spiraglio di ottimismo. "Le aziende che adottano politiche capaci di aiutare a raggiungere le emissioni nette zero probabilmente guadagneranno quote di mercato e saranno viste come parte della soluzione piuttosto che parte del problema".

Più opportunità per le obbligazioni verdi

Questo è vero per le azioni, ma ci sono anche opportunità nel mercato obbligazionario, soprattutto in un segmento che è cresciuto solo negli ultimi mesi: le obbligazioni verdi. "Il mezzo principale con cui i governi finanzieranno nuove spese incentrate sul clima sarà un aumento dell'emissione di obbligazioni verdi", dice il gestore del fondo. Infatti, sottolineano che l'emissione di obbligazioni verdi, sociali e sostenibili, che ammontava a 6 miliardi di dollari nel 2012, è cresciuta fino a superare i 700 miliardi di dollari nel 2020.

COP26, Quali opportunità di mercato può generare il summit di Glasgow?