Small cap, la rotta ESG è già tracciata

Tavola rotonda AcomeA. Foto Enrico Frascati per FundsPeople
Tavola rotonda AcomeA. Foto Enrico Frascati per FundsPeople

Le small cap e spesso molti team che le analizzano, sono in ritardo quanto all’attuazione di pratiche e analisi basate su fattori ESG, che fanno di quest’area un territorio perlopiù inesplorato. La lenta integrazione degli standard di sostenibilità nell’universo delle small cap è dovuta a numerosi fattori, tra cui le minori risorse disponibili per le società più piccole da dedicare alle pratiche e al reporting ESG rispetto alle omologhe ad alta capitalizzazione. Lo sviluppo e l’implementazione di pratiche aziendali ESG richiedono tempo e risorse, due cose che molte piccole imprese non hanno in grandi quantità. Le microcap italiane, in particolare, non hanno obblighi definiti dal punto di vista di comunicazione al mercato dal punto di vista dell’integrazione di una strategia d’impresa sostenibile. Ecco perché in questo senso è possibile riscontrare delle difficoltà nell’inserimento di queste società all’interno di portafogli ESG. Abbiamo chiesto ai fund selector che hanno partecipato all’ultima parte della tavola rotonda su small e mid cap, quali fossero le principali problematiche riscontrate nel rapporto tra sostenibilità e società a minore capitalizzazione.

I commenti si riferiscono al contesto del 31 maggio 2023.