Tomlins (M&G): "Un approccio più efficiente alle obbligazioni a tasso variabile"

James Tomlins_news

In tempi di forte stress, poche asset class sfuggono alla correzione. Ma ci sono alcune che resistono meglio di altre. Un confronto interessante è quello tra il mercato high yield e la sua controparte in titoli a tasso variabile. L'indice Global High Yield ha accumulato un calo del 6,25% finora nel 2022. Al contrario, l'indice Global High Yield Floating Rate ha perso solo il 2,0% nello stesso periodo.

Cosa spiega questa differenza? James Tomlins, fund manager, M&G, identifica tre fattori. In primo luogo, le obbligazioni a tasso variabile non hanno subito l'impatto del rialzo dei rendimenti di inizio anno. Alla fine, la duration media di questa classe di attività è 0,1. "L'effetto di una correzione nel bund tedesco non si percepisce in questo tipo di strumenti", spiega l'esperto.

In secondo luogo, i fattori tecnici di questo tipo di obbligazioni sono stati una sorta di vento in poppa. “Gli investitori si sono posizionati per un contesto di rialzo dei tassi. Nel 2022 nel suo insieme abbiamo assistito a una raccolta netta, che ha sostenuto il mercato”, spiega il gestore dell'M&G (Lux) Global Floating Rate High Yield Fund.

Il terzo fattore che l'esperto sottolinea è il movimento degli spread creditizi che è stato piuttosto negativo per il debito ad alto rendimento. "È un mercato a beta più elevato e qualsiasi movimento degli spread dovrebbe causare un calo maggiore dell'alto rendimento convenzionale, mentre il mercato del tasso variabile tende a essere un mercato a più breve termine quando si tratta di spread creditizi e, quindi, come controparte è meno volatile", spiega.

Una migliore rendimento dopo le cadute

Detto questo, il rischio principale sono gli spread di credito. Sebbene le obbligazioni a tasso variabile riescano a mitigare il rischio del tasso di interesse, non sono esenti dalle tensioni sulle obbligazioni societarie. Ed è proprio per questo che Tomlins è opportunista. A suo avviso, il mercato sta scontando una recessione economica derivante dalla guerra. Qualsiasi risultato migliore può essere un catalizzatore positivo.

"Ai prezzi attuali, si sta sviluppando un punto di ingresso molto interessante", riconosce. Perché per il reddito fisso un rallentamento non è la stessa cosa di una recessione. "Le aziende possono sopportare una riduzione della crescita dell'1 o del 2 per cento. Non è possibile dire lo stesso per le azioni”, spiega il manager. "Finché c'è una crescita, per quanto bassa possa essere, lo scenario è favorevole al credito".  

E c'è motivo di pensare che non si arriverà al punto di una recessione. Primo, perché la previsione è che le banche centrali interrompano momentaneamente il loro percorso di normalizzazione monetaria. Dunque sono disposti a sopportare ancora qualche mese di alta inflazione. In secondo luogo, ci sono anche aspettative che i governi lanceranno pacchetti di stimolo fiscale per attutire gli effetti secondari. Anche se non sarà a livello europeo, almeno sarà Paese per Paese.

In effetti, hanno aumentato, a un anno l'intervallo di rendimento previsto per il Fondo M&G (Lux) Global Floating Rate High Yield, dal 2-5% al ​​3-6 per cento.

Ottimizzare l'esposizione alle obbligazioni a tasso variabile

Una delle particolarità di M&G (Lux) Global Floating Rate High Yield Fund è il suo mandato. Questo fondo con Rating FundsPeople 2022 ha piena flessibilità per comporre il proprio portafoglio con posizioni sintetiche. Ovvero ricreare l'effetto fluttuante attraverso l'utilizzo di derivati ​​(interest rate swap o index o stock CDS).

La ragione? Rendere la gestione più efficiente. "L'obiettivo del fondo è creare un portafoglio con un profilo di rischio/rendimento simile al debito senior. Ricreare l'idiosincrasia di un'obbligazione a tasso variabile consente di ampliare l'universo di investimento e allo stesso tempo di fornire maggiore liquidità", spiega Tomlins.

Si tratta di non chiudere troppe porte rimanendo fedeli alla filosofia del fondo. L'universo delle obbligazioni a tasso variabile è cresciuto, ma rappresenta circa 40.000 milioni di dollari. Per fare un confronto, il mercato globale dell'high yield è di 2mila miliardi di dollari.

Obbligazioni fluttuanti high yield, Aggiornamento del Fondo M&G (Lux) Global Floating Rate High Yield: un approccio più efficiente alle obbligazioni fluttuanti
M&G (Lux) Global Floating Rate High Yield Fund

Il team di gestione fa buon uso di questa capacità. Come possiamo vedere nel grafico sopra, il peso del portafoglio, nel tempo, ha oscillato tra attività fisiche ed esposizione sintetica. Ora è ai massimi storici di tutti i tempi del peso delle obbligazioni a tasso variabile tradizionali. E la previsione del manager è che potrebbe aver raggiunto il suo picco. "Se dovessi apportare ora delle modifiche, probabilmente guarderei alle opportunità sui derivati ​​perché le valutazioni sono più interessanti", conclude.