Un gestore su due vede la fine del ciclo di rialzi della Fed

Powell Fed febbraio 2023 News
Powell nel meeting Fed di febbraio 2023. Foto concessa

I gestori di fondi danno per concluso dell'attuale ciclo di rialzi dei tassi della Fed. Secondo l'ultimo sondaggio di BofA tra i fund manager, un investitore professionale su due (61%) la pensa così. Inoltre, il 43% ritiene che il primo taglio dei tassi avverrà già nel gennaio 2024. Un'opinione che sta acquistando sempre più peso tra gli intervistati. Ma un notevole 24% ritiene che avverrà nell'ultimo trimestre di quest'anno, mentre il 14% pensa che sarà ritardato al secondo trimestre del prossimo anno.

Questa previsione sulla fine dell'inasprimento della politica monetaria coincide con un deterioramento delle aspettative macroeconomiche. La fiducia degli investitori intervistati nel sondaggio FMS è peggiorata a maggio, raggiungendo il punto più basso del 2023. I gestori hanno aumentato i livelli di liquidità e peggiorato le previsioni di crescita. I livelli di liquidità sono aumentati per un altro mese, passando dal 5,5% di aprile al 5,6%. È da novembre 2021 che il livello di liquidità è superiore al 5%, il livello che fa scattare il segnale tattico di acquisto per BofA.

Un'interessante novità emersa dal sondaggio di maggio è che anche l'ottimismo per una forte ripresa dell'economia cinese è in calo. Questo spiega il declassamento delle azioni dei mercati emergenti, che hanno raggiunto il livello più basso di percentuale di gestori sovrappesati dal dicembre 2022.

Implicazioni per il posizionamento

Questa narrazione si riflette nei portafogli: il growth e la duration sono tornati. L'allocazione alla crescita (tecnologia/consumi discrezionali) rispetto ai finanziari (banche/assicurazioni) è aumentata di 12 punti percentuali a maggio. Si tratta del livello più alto dall'agosto 2021. L'ultima volta che gli intervistati del FMS sono passati così rapidamente dai titoli finanziari a quelli growth è stato tra agosto e novembre 2007.

Infatti, per la prima volta dallo scorso agosto, i gestori ritengono che il growth farà meglio del value. Pur trattandosi di una tendenza nascente, con un 6% netto di gestori che ne sono convinti, si tratta comunque del livello più alto di fiducia nel growth dal luglio 2020. Da settembre 2020 gli investitori hanno affermato solo due volte che il growth avrebbe superato il value: nell'agosto 2022 e nel maggio 2023.

Nell'ultimo mese, gli investitori si sono orientati verso la tecnologia, l'eurozona e le azioni, mentre sono usciti da materie prime, utilities, mercati emergenti e Stati Uniti.

Tuttavia, i timori di una contrazione del credito e di una recessione globale continuano a guidare l'allocazione al reddito fisso. L'allocazione al reddito fisso ha raggiunto il 14% al netto dei gestori sovrappesati, il maggior sovrappeso da marzo 2009. L'incertezza pesa anche sul settore immobiliare. I gestori hanno sottopesato l'asset class da settembre 2022 e il sottopeso è al minimo da luglio 2009.

Interessante anche il movimento delle materie prime. Solo il 2% netto dei gestori sovrappesa l'asset class, il sovrappeso più basso da maggio 2020, al culmine della pandemia. Il sovrappeso è sceso di 13 punti percentuali negli ultimi 3 mesi, il calo maggiore dal 22 agosto.

Un atterraggio morbido è credibile

La buona notizia è che le preoccupazioni sulla recessione rimangono stabili. Solo il 47% netto degli investitori ritiene probabile una recessione nei prossimi 12 mesi. Inoltre, quasi due terzi degli intervistati (63%) vedono un atterraggio morbido come il risultato più probabile per l'economia globale. Solo un quarto vede un atterraggio duro come lo scenario più probabile. Pochissimi non si aspettano nessun atterraggio.