Azimut, dieci miliardi di AuM negli Usa con l’acquisizione di Sanctuary

Pietro Giuliani News
Pietro Giuliani, presidente Gruppo Azimut

Poco più della metà del capitale sociale dell’americana Sanctuary Wealth Group da oggi appartiene al gruppo Azimut. L’acquisizione, annunciata lo scorso novembre, è appena stata completata dalla controllata statunitense AZ US Holding. Sanctuary è una delle principali società americane indipendenti di wealth management, che offre ai consulenti finanziari la possibilità di costruire e gestire il proprio business con il supporto di una piattaforma avanzata.

Il gruppo italiano è entrato nel mercato degli Stati Uniti per la prima volta nel 2015, con un’iniziativa greenfield a Miami nel settore della consulenza finanziaria, AZ Apice, successivamente rafforzatasi grazie ad una nuova partnership con Genesis Investment Advisors. Nel novembre 2019, il Gruppo ha costituito Azimut Alternative Capital Partners (“AACP”) per acquisire partecipazioni di minoranza in asset manager alternativi focalizzati sul private equity, private credit, venture capital e infrastrutture. AACP ha completato il suo primo deal nel luglio 2020 con l’acquisizione di una quota di minoranza in Kennedy Lewis, primario operatore nel settore del credito privato con oltre 2,5 miliardi di dollari di AuM, e sta lavorando attivamente per completare altre transazioni nel prossimo futuro.

Il completamento dell’acquisizione di Sanctuary rappresenta una pietra miliare significativa per il Gruppo, che può disporre negli Stati Uniti di una piattaforma integrata con eccellenze locali sia nel segmento dei private markets sia in quello della distribuzione e del wealth management, le cui masse complessive hanno raggiunto i 10 miliardi di dollari americani.

Sanctuary si è affermata come piattaforma leader per la nuova generazione di consulenti e wealth manager americani, i quali stanno lasciando le banche tradizionali (“wirehouse”) e le società di brokeraggio per creare, gestire e far crescere le loro attività. Dall’annuncio dell’accordo, il patrimonio gestito di Sanctuary è cresciuto da 7 miliardi di dollari (equivalenti a circa 6 miliardi di euro) a 8,4 miliardi di dollari (in euro 6,9 miliardi), oltre a contare ulteriori assets under advisement da clienti istituzionali. La partnership si concentrerà sullo sviluppo di una rete di consulenti finanziari indipendenti di altissimo livello, che andranno ad aggiungersi ai 43 team di quasi 100 consulenti esistenti che operano in 17 Stati.

Con questa acquisizione, AZUS acquisisce una quota del 55% in Sanctuary attraverso un aumento di capitale riservato al fine di finanziare il business plan concordato dalle parti. La quota rimanente continuerà ad essere nelle mani del senior management e dei consulenti finanziari di SWG. L’accordo prevede che l’attuale management di Azimut e Sanctuary collaborino per far crescere l’attività negli Stati Uniti nel medio-lungo termine e prevede diritti di opzione call / put nei prossimi 10 anni oltre ad un ulteriore investimento nel business legato ad alcuni raggiungimenti.