Tagli al personale: la pandemia influenzerà gli asset manager

disoccupazione asset manager, Tagli al personale: la pandemia influenzerà gli asset manager
Verne Ho, Unsplash

La crisi economica e sanitaria causata dal COVID-19 ha portato con sé una forte recessione economica e scatenato un aumento dei tassi di disoccupazione in tutto il mondo. I settori più colpiti dai lockdown e dalle regole di distanziamento sociale sono quelli che hanno sofferto di più, e di conseguenza fatto maggiore ricorso ai licenziamenti. Tuttavia anche altri settori ampiamente digitalizzati, e che perciò hanno potuto beneficiare di forme di telelavoro, hanno optato per la riduzione del personale per affrontare i tagli di spesa determinati dalla pandemia. L'industria dell’asset management non è stata risparmiata da questa perdita di posti di lavoro. E ciò è avvenuto nonostante le performance generalmente positive dei mercati azionari nel 2020, che hanno aiutato a compensare le voci in rosso nei bilanci.

Nessun licenziamento di massa nel 2020

Un rapporto della società di consulenza americana Johnson Associates, pubblicato nell'agosto 2020, parlava del pericolo di una possibile riduzione del personale degli asset manager tra il 2020 e questa prima parte del 2021, a cui aggiungere dei tagli di bonus ed incentivi del 10%-15%. “Prodotti a commissioni più basse, rischio di default più elevato e un ambiente di mercato tumultuoso renderanno difficile per le società di gestione mantenere gli organici e le compensazioni e benefit ai livelli attuali, anche se le performance dei mercati alla fine dovessero segnare un recupero”, evidenzia la società.

Ma una cosa è che un asset manager consideri la possibilità di licenziare per tagliare i costi, un'altra è che effettivamente la realizzi. E i dati ci dicono che almeno nel momento peggiore della crisi del COVID-19, nel primo trimestre del 2020, i licenziamenti non sono stati l'opzione maggioritaria. È ciò che emerge dal rapporto 2021 Investment Management Outlook di Deloitte: "Licenziamenti di massa nelle società di gestione patrimoniale non sono stati riportati dai notiziari, e secondo il US Bureau of Labor Statistics degli Stati Uniti l'occupazione nel settore che raggruppa anche i gestori patrimoniali è aumentata nel 2020".

In Europa la situazione non è molto diversa poiché, sempre secondo Deloitte, "il numero di persone impiegate nella categoria delle attività finanziarie, che comprende anche i gestori di fondi, è sceso dello 0,1% tra il primo e il secondo trimestre, dopo essere aumentato durante il primo trimestre del 2020".

I grandi tagli sono già stati fatti

Questo nel 2020, ma cosa possiamo aspettarci nel 2021? Secondo il sondaggio di Deloitte, condotto tra luglio e agosto 2020 e che ha coinvolto 200 figure del top management di società della gestione patrimoniale a livello mondiale, il taglio dei costi continuerà anche quest'anno. In particolare, la metà degli intervistati indica che le loro aziende prevedono di ridurre i costi totali tra l'11% e il 20%.

disoccupazione asset manager, Tagli al personale: la pandemia influenzerà gli asset manager

Tagli alle spese che, dicono alla società di consulenza, saranno difficili da ottenere, considerando che il costo per dipendente dovrebbe crescere del 50%. "I risultati della nostra indagine indicano che, a livello globale, le aziende stanno adottando molteplici approcci alla gestione del costo del lavoro, con la maggior parte delle misure adottate già nell'estate del 2020, anche se bisogna ravvisare alcune differenze regionali significative", sottolineano.

Il grafico qui sotto riassume bene la situazione. Per esempio, in Europa, le prime opzioni per tagliare il costo del lavoro sono state limitare i bonus, ridurre gli stipendi, offrire licenziamenti volontari o congelare le promozioni piuttosto che i licenziamenti (anche se, naturalmente, quest'ultimo è qualcosa che il 70% degli intervistati ha già fatto). Negli Stati Uniti, infatti, i licenziamenti sono l'opzione che gli intervistati apprezzano di più tra tutte le opzioni possibili.

disoccupazione asset manager, Tagli al personale: la pandemia influenzerà gli asset manager

Finora, ci sono pochi grandi gestori patrimoniali che hanno annunciato licenziamenti massicci come risultato del COVID-19. Uno di questi è stato State Street, che ha annunciato piani per tagliare la sua forza lavoro globale del 3% nel 2021, il che significa eliminare 1.200 posti di lavoro.

Ristrutturazioni dei modelli di business, al di là del COVID-19

Così come il COVID è stato un acceleratore di tendenze già esistenti come la digitalizzazione dell'economia o il lavoro a distanza, ha anche dato un forte impulso alla ristrutturazione di alcuni modelli di business, il che comporta una ristrutturazione della forza lavoro stessa.

"Stiamo parlando di una ridefinizione dei compiti e delle funzioni che permettono un migliore utilizzo delle risorse, ma non come conseguenza di un restringimento dei margini, ma come parte di un processo di trasformazione molto più profondo che l'industria sta attraversando a livello globale e che sta per cambiare il modo di lavorare negli asset manager di tutto il mondo", dice Antonio Ríos, partner dell'area Investment Management di Deloitte. E, secondo l'esperto, uno dei modi per ottenere questi risparmi sui costi è aumentare la spesa per la tecnologia.

In effetti, quella digitalizzazione è anche uno dei punti di crescita evidenziati dalla società di consulenza BCG nel suo rapporto Protect, Adapt and Innovate: "Esortiamo le aziende ad adattare il loro core business nel breve termine - per esempio, accelerando le iniziative di efficienza dei costi, raddoppiando la distribuzione digitale e perseguendo le opportunità di M&A - mentre si concentrano sull'innovazione e sull'evoluzione nel medio termine”.