DPAM, nuovi CIO per le strategie Fundamental Equity e Global Balanced

Nomine, DPAM, nuovi CIO per le strategie Fundamental Equity e Global Balanced
Hugo Lasat, foto concessa (DPAM)

L'asset manager belga DPAM ha nominato Johan Van Geeteruyen nuovo CIO Fundamental Equity. Allo stesso tempo, Yves Ceelen, attualmente head of Institutional Portfolio Management, amplia lo spettro delle sue responsabilità assumendo il ruolo di Chief Investment Officer delle strategie Global Balanced, che era precedentemente ricoperto da Van Geeteruyen.

Johan, membro del Management Board, è un professionista degli investimenti con oltre 30 anni di esperienza. In DPAM dal 1998, ha ricoperto inizialmente i ruoli di Equity Manager e Head of Institutional Mandates, prima di essere nominato CIO della strategia Global Balanced di DPAM nel 2016. Johan è un analista finanziario certificato da ABAF| BVFA (Associazione belga degli analisti finanziari).

Yves, anch’egli membro del Management Board, opera nella gestione degli investimenti da oltre 20 anni. È entrato in DPAM nel 2011 come Portfolio Manager dei mandati istituzionali divenendo Head of Institutional Mandates nel 2016.

Le nuove nomine fanno seguito alla decisione di Alexander Roose, ex CIO Fundamental Equities, di proseguire la sua carriera professionale al di fuori di DPAM, così come quella di Quirien Lemey, co-gestore delle strategie multi-tematiche sostenibili.

Hugo Lasat, CEO di DPAM, ha commentato: "Ringrazio Johan e Yves per aver accettato questo nuovo incarico e sono riconoscente ad Alexander e Quirien per aver contribuito, per molti anni, allo sviluppo della divisione azionaria fondamentale di DPAM. La lunga esperienza di Johan, unita a quella consolidata del team esistente e alla combinazione unica di un processo d’investimento coerente, alimentato da un solido e nutrito team di ricerca ad alta convinzione, assicurerà la continuità nella gestione del settore Fundamental Equity di DPAM".

TEAM DI GESTIONE

Tom Demaecker e Dries Dury, senior Fund Managers fundamental equity, continueranno a co-gestire le strategie sostenibili e tematiche all'interno del comparto, seguendo lo stesso approccio di team messo in atto sin dal lancio. Questo, come sempre in collaborazione con il Responsible Investment Competence Centre, guidato da Ophélie Mortier, e il team di ricerca buy-side equity, guidato da Ivo Dierick. Forte di  27 anni di esperienza nell’ambito della ricerca sugli investimenti, Ivo gestisce una squadra di 17 analisti azionari buy-side, rafforzata negli ultimi tre anni per garantire la copertura di un ampio gruppo di settori e aree geografiche.

Lo screening ESG unico basato su scorcard proprietarie, combinato con un approccio improntato sulla catena del valore per la selezione dei titoli, rimarrà invariato e continuerà a generare valore aggiunto per gli investitori.