Evergrande e le implicazioni (limitate) di mercato: analisi dei manager internazionali

I paragoni a volte non reggono. L'equiparazione della caduta di Lehman Brothers con il possibile default dell'immobiliare cinese Evergrande non fa eccezione. I principali indici globali hanno mostrato ribassi di circa il 2% nella sessione di lunedì a causa dei timori che il fallimento di Evergrande scatenerebbe un'ondata sistemica sui mercati. Dopotutto, stiamo parlando della caduta della più grande società immobiliare in Cina. Del crollo di un debito valutato 300 miliardi di dollari. Ma per i manager internazionali il rischio reale di contagio è limitato. Il monito è quello di mantenere calma e prudenza di fronte a un evento che non si è ancora nemmeno compiuto.

Innanzitutto perché come sottolinea Paul Lukaszewski, head of corporate debt for Asia Pacific presso Aberdeen Standard Investments, l'esposizione finanziaria di Evergrande al debito e alle azioni è concentrata principalmente in Cina. Anche il mercato obbligazionario offshore cinese è unico. Gli investitori nazionali rappresentano l'80% o più delle partecipazioni in obbligazioni denominate in dollari emesse da società cinesi. "Affinché il contagio raggiunga i mercati finanziari mondiali sarebbe necessario che gli effetti di secondo e terzo ordine della situazione di Evergrande inneschino una crisi interna molto più ampia in Cina", afferma Lukaszewski.

In secondo luogo, non è possiamo guardare a questa crisi indossando una "lente occidentale". Per comprendere questo evento, è necessario comprendere bene la scena politica interna della Cina. Il debito e la demografia sono due delle sfide economiche a lungo termine del Paese. Potremmo guardare l'esempio perfetto di come la Cina intende affrontare il suo problema di leva finanziaria.

Tuttavia, DWS propone di ricordare, se necessario, che bisogna essere comunque attenti agli eventi di rischio che hanno origine in Cina. Pertanto, Amundi sottolinea tre aree chiave che potrebbero, in futuro, innescare nuove azioni nei portafogli:

  1. L'evoluzione dei prezzi delle attività in relazione al contesto di mercato;
  2. Quale ruolo giocherà il governo;
  3. Come evolverà l'accesso ai finanziamenti per altre aziende dello stesso settore nei prossimi mesi.

Un deleveraging controllato

"C'è un proverbio cinese ampiamente utilizzato che si traduce più o meno così: uccidere un pollo per spaventare la scimmia", cita Allianz Global Investors in un'analisi. Per il manager, Evergrande è il pollo che manda il messaggio alle aziende cinesi: la liquidità senza limiti è un concetto superato. In effetti, è chiaro che i problemi di Evergrande sono iniziati con l'introduzione dello standard cinese delle tre linee rosse lo scorso anno. L'obiettivo del governo è il controllo del rischio finanziario nelle società immobiliari. In base ai nuovi criteri, aziende come Evergrande dovranno ridurre la loro leva finanziaria prima di poter indebitarsi ulteriormente.

Infatti, come ben ricordano da Allianz GI, a fine 2020 Evergrande era già a rischio nei pagamenti nonostante avesse finalmente raggiunto un accordo con gli istituti di credito. Cosa è cambiato ora tanto da spingere il governo cinese a non intervenire? La chiave è da rintracciare nella situazione macro. "Come abbiamo visto in altre aree, come il duro atteggiamento nei riguardi dei colossi tech, le autorità stanno usando la crescita come un'opportunità per agire contro quelle che sono considerate aree ad alto rischio", spiegano dall'AGI.

Disponendo di un materasso su cui gettarsi, sarebbe una caduta controllata. "Il governo ha molti strumenti per fermare le ricadute e probabilmente ha già preso provvedimenti dietro le quinte", prevede Jennifer James , capo analista dei mercati emergenti di Janus Henderson. E Richard Bernstein di Richard Bernstein Advisors (im Global Partner) concorda: "La mia previsione è che ci sarà una sorta di salvataggio per i detentori di obbligazioni/prestiti nazionali, ma che il governo probabilmente punirà la società per la sua cattiva gestione".

Crisi senza un contagio sistemico

Inoltre, una correzione controllata del mercato immobiliare cinese consentirebbe al governo di attaccare altri due dei suoi obiettivi: correggere le disuguaglianze e migliorare il proprio profilo ambientale. Il 40% del patrimonio delle famiglie cinesi è nel settore immobiliare. Negli ultimi anni è diventata una delle principali fonti di disuguaglianza nel Paese. Allo stesso modo, un rallentamento delle costruzioni consentirebbe alla Cina di raggiungere i suoi obiettivi di emissioni di carbonio.

Non sarà un'operazione semplice. "Affrontare questi temi in tempi di debolezza ciclica è un'arte delicata", riconosce Gilles Moëc, capo economista di AXA IM. Mentre Pechino sembra pronta ad alzare una bandiera rossa ad altri operatori immobiliari con leva finanziaria, Moëc ritiene che anche le autorità siano interessate a evitare il contagio sistemico. Tanto più che l'economia nel suo complesso si sta indebolendo. Ma bisogna anche essere consapevoli che il governo cinese controlla direttamente più leve rispetto alle sue controparti occidentali, soprattutto attraverso il settore bancario. "Insomma, la correzione degli eccessi nel settore immobiliare avrà conseguenze di sistema solo se il governo cinese lo consentirà", afferma.

Paul Gurzal, capo del credito e Akram Gharbi, capo del credito ad alto rendimento, presso La Française AM, sono d'accordo. "L'intenzione del governo cinese non è quella di provocare un'ondata di bancarotte incontrollate. Si tratta di mettere da parte le aziende insolventi per una migliore allocazione delle risorse nel tempo. In Cina i default sono vigilati dal governo centrale secondo prerogative politiche, economiche e sociali”, spiega. La recente ricapitalizzazione di Huarong ne è un perfetto esempio.

Il messaggio chiave che i manager inviano è: controllo. "Questi cambiamenti politici sono strategici. Probabilmente si tradurranno in impedimenti strutturali alla crescita, sì. Ma di certo non sono studiati per fare spazzare via il settore, spiega James. Il settore immobiliare è ancora una parte preponderante e importante dell'economia. Rappresenta quasi il 30% del PIL, dà un contributo essenziale alle entrate provinciali (sotto forma di vendite di terreni) e dà lavoro a milioni di persone.