Fidelity International, investire nei campioni dell’innovazione cinese

Casey McLean Tina Tian Notizia
Casey McLean, Tina Tian, gestori FF China Innovation Fund

La Cina rappresenta ormai una asset class a sé. Lo dimostrano non solo tassi di crescita e dimensioni complessive del mercato, tanto azionario quanto obbligazionario, ma i flussi degli investitori internazionali. Fidelity International fa un ulteriore passo per investire nell’ambizione del gigante asiatico di diventare numero uno dell’innovazione a livello globale.

Expertise storica e on-site

Tecnologia, stili di vita e ambiente sono i focus specifici del nuovo fondo lanciato dall’asset manager. Il FF China Innovation Fund è un portafoglio azionario concentrato che investe in aziende cinesi che offrono un potenziale di crescita futura sfruttando strategie di business innovative. La selezione dei titoli basata su una strategia di investimento attiva e una profonda ricerca azionaria.

Tina Tian e Casey McLean, gestori del fondo sono basati ad Hong Kong e possono fare leva sull’attività di ricerca di un team di 25 analisti basati in Cina. Questo il dettaglio dei focus settoriali e tematici:

  • Tecnologia: quantum computing, intelligenza artificiale, cloud computing, robot industriali, droni commerciali, guida autonoma, città e fabbriche intelligenti;
  • Stili di vita: formazione digitale, fintech, blockchain, portafogli digitali, telemedicina, medicina individuale, genomica, robot di assistenza;
  • Ambiente: energie rinnovabili, mobilità elettrica, stoccaggio di energia, prodotti sostitutivi della carne, nuovi materiali.

La view degli esperti

“Il ritmo di crescita dell’innovazione nell’economia cinese ha continuato ad accelerare, anche a seguito della pandemia. Questo può offrire agli investitori l’opportunità di trarre profitto dalle prospettive di prezzo delle azioni delle aziende più innovative”, commenta Tina Tian, portfolio manager del fondo FF China Innovation Fund. “Oggi, la Cina gode di numerosi vantaggi strutturali, tra cui la disponibilità di dati, l’enorme slancio della R&S e dei brevetti, una politica favorevole, l’importanza della tecnologica e le dimensioni dell’economia. Alla luce di tali vantaggi, il Paese si affermerà come il leader dell’innovazione del ventunesimo secolo. Di conseguenza, alcune aziende cinesi stanno giocando un ruolo di primo piano a livello globale in molti campi dell’innovazione e questo si rifletterà anche sullo sviluppo di tali aziende”, completa sul punto. “La Cina si sta dimostrando ancora una volta un tema di investimento che non può rimanere escluso dai portafogli degli italiani” analizza Cosmo Schinaia, country head per l’Italia. “Fidelity è presente in Asia dal 1969 e può vantare un’esperienza unica in questa regione, tanto che dieci anni fa siamo stati i primi a lanciare una strategia focalizzata sui consumi cinesi e che è oggi il fondo azionario cinese più venduto in Italia. Nel 2021, torniamo per reinventare nuovamente il modo di investire in Cina, offrendo ai nostri clienti una nuova strategia che punta sugli innovatori di oggi e di domani del mercato cinese e che al contempo incorpora una diversificazione tematica interessante”, conclude.