Fondi passivi, asset gestititi in crescita ma piatta la quota di ricavi per l’industria

webinar news
Lukas Blazek, immagine concessa (Unsplash)

L’industria del risparmio gestito ha registrato una crescita significativa nell'anno dello scoppio della pandemia. La maggior parte delle classi di attività tradizionali ha registrato aumenti a due cifre, superando le medie storiche di cinque e dieci anni. Tra gli asset tradizionali, le partecipazioni in fondi azionari a grande capitalizzazione e in fondi a reddito fisso che investono in titoli di Stato sono aumentate dell'11%. Lo hanno fatto a un ritmo quasi doppio rispetto alla media degli ultimi cinque anni.

Sono cresciuti anche gli asset in veicoli del mercato monetario, un altro prodotto fondamentale per il settore. In questo caso del 12%, grazie alla loro maggiore popolarità durante la pandemia. Anche i fondi attivi che si concentrano su mercati più specifici, come le azioni dei mercati emergenti e il debito high yield, hanno registrato una crescita superiore alla loro media storica. Nel 2020 hanno aumentato le attività in gestione del 9%. La media storica su cinque e dieci anni è del 5%.

Tuttavia, come spiega il Boston Consulting Group, queste categorie, che insieme rappresentano quasi il 50% degli asset gestiti a livello globale, hanno generato ricavi praticamente nulli per il settore. "Ciò è dovuto alla combinazione di due fattori: la pressione sui margini e la natura competitiva della categoria", affermano. E non si prevede che in futuro contribuiscano maggiormente al computo dei risultati. Al contrario.

Molti gestori patrimoniali parlano di rinascita dei prodotti attivi. BCG, tuttavia, non è così ottimista. Infatti, si prevede che sia i fondi tradizionali azionari, a reddito fisso, multi-asset e del mercato monetario, sia quelli specializzati in uno specifico segmento di mercato (emergenti, high yield, ecc.) registreranno la crescita più lenta nei prossimi anni, sia in termini di patrimonio gestito che di reddito.

"Con l'aumento dello scetticismo degli investitori sul valore offerto dai gestori attivi, è probabile che i flussi netti siano deboli o negativi. Il fatto che molti gestori attivi non siano stati in grado di sovraperformare i loro indici non fa che aumentare le nostre preoccupazioni", affermano.

La gestione passiva domina, ma non aumenta i ritorni

Nel frattempo, gli investimenti passivi continuano a dominare sul fronte degli asset gestiti. "I prodotti che replicano gli indici hanno aumentato gli asset in gestione del 17% a livello globale nel corso del 2020. Ciò si spiega con la combinazione di forti afflussi netti da un lato e il rally del mercato dall'altro. Gli ETF hanno avuto un anno particolarmente significativo. Sia gli ETF azionari che quelli a reddito fisso hanno superato i tassi di crescita medi a 10 anni. La crescita del patrimonio gestito è stata rispettivamente del 21% e del 24%. E anche le offerte passive, non in ETF, hanno ottenuto buoni risultati", spiegano dalla società di consulenza.

Sebbene BCG preveda che i veicoli di gestione passiva registreranno la crescita più rapida nei prossimi cinque anni, con tassi annui stimati al 9%, la storia è diversa in termini di ricavi. "La percentuale dei ricavi passivi sul totale dei ricavi dell'industria del risparmio gestito a livello globale è rimasta sostanzialmente piatta dal 2019 al 2020, attestandosi intorno al 6%. Prevediamo che i prodotti passivi manterranno una quota di fatturato complessivo simile nei prossimi anni. Si tratta di prodotti a basso margine in cui i prezzi sono già molto bassi", concludono.

Fonte: BCG global asset management market-sizing database 2021. Broadridge.