Banca Etica ricevuta al Quirinale dal Presidente della Repubblica

Quirinale Etica SGR
Il Presidente Mattarella accoglie Ugo Biggeri, presidente di Banca Popolare Etica (quirinale.it)

Una delegazione del Gruppo Banca popolare Etica è stata ricevuta lo scorso 2 febbraio in udienza al Quirinale dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. In un momento di grande attenzione sul ruolo delle banche e su come garantire la loro funzione sociale, prevista anche dalla nostra Costituzione, gli esponenti di Banca Etica e di Etica sgr (società di gestione del risparmio del gruppo) hanno presentato al Presidente Mattarella i risultati raggiunti dalla prima e unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, sociale e solidale.

Nei suoi 18 anni di vita, Banca Etica ha visto una crescita costante del numero di risparmiatori e investitori italiani che scelgono la finanza etica. Grazie a loro aumentano di anno in anno i finanziamenti erogati alle famiglie, alle imprese sociali e alle organizzazioni non profit. La finanza etica ha di recente ottenuto un primo riconoscimento legislativo, con l’introduzione  – a fine 2016 – dell'articolo 111 bis del Testo Unico Bancario, che definisce e incoraggia gli istituti di credito orientati al bene comune e alla sostenibilità: si tratta della prima legge di questo tipo in Europa.

“Finalmente la finanza etica non è più solamente un’ottima pratica di pochi pionieri, ma sta suscitando interesse e riconoscimenti a livello Italiano e internazionale “, ha detto il presidente del Gruppo Banca Etica, Ugo Biggeri. “La finanza etica rinvigorisce la funzione sociale del risparmio  e trova nuove forme di attuazione incentrate sulla trasparenza sugli impieghi, sulla valutazione del loro impatto, e sulla partecipazione di cittadini risparmiatori ed istituzioni. Speriamo che questa visione della finanza possa allargarsi, accompagnata  anche da provvedimenti normativi capaci di mitigare gli effetti negativi della finanza speculativa a cui assistiamo da anni”.

Per le foto dell’incontro cliccare qui.