GAM: accordo raggiunto con la FCA, pagherà 9,1 milioni di sterline per chiudere il caso Haywood

Business asset manager, GAM: accordo raggiunto con la FCA, pagherà 9,1 milioni di sterline per chiudere il caso Haywood
Autore: Debby Hudson, Unsplash

La filiale britannica di GAM Holding AG, GAM International Management Limited (GIML), ha annunciato di aver raggiunto un accordo con la Financial Conduct Authority (FCA) che prevede il pagamento di una multa di 9,1 milioni di sterline (circa 10,6 milioni di euro) per conflitti di interesse derivanti da tre investimenti effettuati dal team Absolute Return Bond Fund (ARBF) alcuni anni fa.

Nello specifico, la FCA ha aperto l'indagine su GIML a seguito della sospensione da parte della casa di gestione di Tim Haywood, il suo chief investment officer, il 31 luglio 2018, per preoccupazioni relative alla sua condotta nel rispetto delle politiche interne. In particolare, il provvedimento era motivato da una "grave cattiva condotta" del professionista, come abbiamo riportato su FundsPeople, dopo aver violato le politiche sulla due diligence, i regali e l'intrattenimento e l'uso inappropriato della posta elettronica personale e mobile. In seguito, il gestore di fondi ha deciso di chiudere e liquidare la gamma ARBF (absolute bond return fund) nell'agosto, dopo aver ricevuto un gran numero di riscatti dai suoi clienti e al fine di garantire la parità di trattamento di tutti gli investitori.

"Sono lieto che, dopo che i fondi ARBF sono stati messi in liquidazione nel 2018, siamo stati in grado di restituire, in media, più del 100% del loro valore ai nostri clienti. Con tutte le questioni normative ora concluse, guardiamo avanti e siamo concentrati sulla nostra strategia per riportare GAM alla crescita", ha affermato Peter Sanderson, CEO della società.

Anderson ha anche accolto con favore la decisione della FCA. "Accettiamo pienamente i risultati della FCA e riconosciamo i fallimenti dei conflitti di interesse che si sono verificati presso l'azienda tra la fine del 2014 e l'inizio del 2018", ha detto. Ha anche sottolineato in una dichiarazione che da quando il caso Haywood è stato scoperto, "abbiamo rafforzato significativamente il nostro team di senior management, la governance, i quadri di controllo, le politiche e la formazione per garantire che tutte le lezioni apprese da quel periodo siano pienamente integrate nella nostra azienda e cultura".

Con questo accordo, la FCA termina la sua indagine su GIML in quanto non ci sono ulteriori indagini normative pendenti su GAM.