Gli investimenti sostenibili accelerano

, Gli investimenti sostenibili accelerano
Siddy Lam, Flickr, Creative Commons

Secondo il Global Client Sustainable Investing Survey di BlackRock, le sfide economiche e sanitarie globali di quest'anno non hanno rallentato la domanda degli investitori né hanno vanificato le prospettive di investimento sostenibile. Infatti, gli investitori prevedono di raddoppiare le loro allocazioni a prodotti sostenibili nei prossimi cinque anni, con il 20% degli intervistati che affermano che la pandemia ha accelerato le loro allocazioni agli investimenti sostenibili.

"L'importante transizione che abbiamo individuato all'inizio di quest'anno è stata fermamente stabilita, poiché la convergenza delle pressioni politiche e normative, i progressi tecnologici e le preferenze dei clienti hanno reso la sostenibilità la norma per gli investimenti", ha dichiarato Mark McCombe, Chief Client Officer di BlackRock. "I risultati della nostra indagine mostrano che la transizione verso la sostenibilità sta avvenendo in tutto il mondo.

Il sondaggio ha raccolto le opinioni di 425 investitori in 27 paesi, tra cui fondi pensione aziendali e pubblici, gestori patrimoniali, fondi di dotazione, fondazioni e gestori patrimoniali globali con quasi 25 trilioni di dollari in gestione.

L'indagine suggerisce che quest'anno sembra essere l'inizio di un cambiamento sostenuto per almeno i prossimi cinque anni: gli intervistati hanno dichiarato di voler raddoppiare il patrimonio gestito secondo i criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) entro il 2025. Se da un lato la crescita degli asset sostenibili è più marcata in Europa, dall'altro è in aumento anche nelle Americhe e nell'Asia-Pacifico.

Integrazione dei criteri ESG

La maggior parte degli intervistati ritiene che la sostenibilità sia fondamentale per i processi e i risultati degli investimenti, e il 75% utilizza già un approccio integrato per tenere conto dei rischi ESG nei propri portafogli o prenderebbe in considerazione di farlo. Un approccio integrato consiste nell'includere l'analisi dei criteri ESG in tutte le posizioni e nel fondare le future decisioni di investimento sulla base di un punto di vista pienamente incentrato sulla sostenibilità.

Mentre l'integrazione viene prima di tutto, anche gli approcci di investimento sostenibile più mirati, come le soluzioni tematiche o d'impatto, sono le scelte preferite dai clienti della regione EMEA: il 56% e il 52% degli intervistati ha cercato di esporsi a queste strategie, rispettivamente.

Differenze regionali in materia di adozione

La domanda globale di prodotti sostenibili differisce a livello regionale a causa dei diversi contesti normativi, delle percezioni del pubblico e della consapevolezza del loro rapporto costo-efficacia.

Nella regione EMEA, la ragione principale (51%) citata dagli intervistati per l'adozione di strategie sostenibili è stata "perché è la cosa giusta da fare", mentre solo il 37% degli intervistati nella regione ha affermato che "mitigare i rischi di investimento" è stata una considerazione fondamentale. Nelle Americhe, la mitigazione del rischio è il secondo più importante catalizzatore per l'adozione (49%), seguito da "migliori rendimenti corretti per il rischio" e "mandato del consiglio di amministrazione o del management team" (entrambi al 45%).

"I clienti stanno dando priorità alle questioni ESG e alla loro implementazione in modo diverso nelle diverse regioni. Mentre tutti sono consapevoli della prevalenza del rischio climatico, ci sono diversi livelli di enfasi su questioni come i diritti umani, la diversità e l'inclusione", dice McCombe. "È importante notare che le ragioni dei clienti per investire in modo sostenibile mostrano una marcata divergenza tra le varie regioni. Molti investitori europei vedono i benefici della sostenibilità attraverso la lente dell'impatto sociale. Negli Stati Uniti, gli investitori sono più focalizzati sulla gestione del rischio e sul rendimento degli investimenti.

I rischi ambientali sono la principale preoccupazione dei clienti

Il sondaggio ha anche evidenziato un'area in cui i clienti di tutte le regioni che hanno partecipato al sondaggio sono in maggioranza d'accordo: l'88% degli intervistati pone i rischi legati al clima in cima alle preoccupazioni del proprio portafoglio in questo momento. In futuro, mentre si prevede che il clima rimarrà la principale preoccupazione, un numero crescente di intervistati (58%) ha dichiarato di aspettarsi un ulteriore aumento delle preoccupazioni su questioni sociali, come la diversità e l'inclusione e le pratiche lavorative eque, nei prossimi 3-5 anni.

La crescita del peso dei criteri ESG nell'area degli investimenti è guidata da una serie di motivi, non ultimo l'aumento del livello di reporting da parte delle aziende, che fornisce maggiori informazioni al pubblico, e altri progressi nell'analisi dei dati per capire come le questioni ESG siano centrali per gli investimenti.

Preoccupazioni sulla qualità dei dati

Non c'è dubbio che la qualità e la disponibilità dei dati sia aumentata in modo significativo nell'ultimo decennio, consentendo agli investitori di prendere decisioni di investimento più informate. Tuttavia, vi è un notevole consenso tra gli investitori istituzionali sul fatto che si tratta di un'area che richiede ulteriore attenzione.

Più della metà (53%) degli intervistati a livello globale ha citato la scarsa qualità o disponibilità di dati e analisi ESG come il principale ostacolo all'adozione di strategie di investimento sostenibili, il livello più alto tra le barriere incluse nell'indagine.