I due fattori alla base dei cali del tech secondo il gestore del Franklin Technology

Fondi con Rating FSP, I due fattori alla base dei cali del tech secondo il gestore del Franklin Technology
Jonathan Curtis, immagine concessa (Franklin Templeton)

Il sentiment di mercato nei confronti del settore tecnologico è cambiato profondamente. I principali indici tecnologici, come il Nasdaq, viaggiano da inizio anno in territorio negativo, con forti correzioni che si aggirano attorno al 20%. Questo calo si spiega principalmente con la variazione dei tassi privi di rischio. In altre parole, se i tassi aumentano, il costo del denaro aumenta. Questo ha portato a una correzione generalizzata del settore. "Con la performance di quest'anno siamo passati da essere uno dei fondi azionari a tre e cinque anni con le migliori performance a uno dei ritardatari", riconosce Jonathan Curtis, gestore del fondo Franklin Technology.

Curtis individua due fattori chiave che stanno guidando le valutazioni del settore della tecnologia. Il primo è che le imprese in cui il fondo investe sono aziende in crescita. Stanno investendo nel loro futuro. "Sono leader nel loro settore e con solidi fondamentali. Alcuni hanno cinque, dieci o addirittura vent'anni di flusso di cassa in bilancio", spiega. Il problema è che lo reinvestono. "Il mercato attualmente penalizza le aziende che riducono il flusso di cassa perché lo considera un segnale di rischio", afferma.

Un secondo fattore che influisce negativamente sul portafoglio di questo fondo con Rating FundsPeople è la sua inclinazione verso le società a piccola e media capitalizzazione. Che sono proprio quelle che il mercato teme saranno le più colpiti da una recessione. Ma secondo Curtis, una recessione ha anche effetti positivi. "Un rallentamento dell'economia porterebbe il necessario sollievo alle pressioni della domanda e dell'offerta", spiega.

Visione ottimistica

In un contesto di recessione, è preferibile detenere in portafoglio società di alta qualità, in grado di crescere e con un'attività redditizia. Ed è proprio queste società di qualità in cui è investito il portafoglio del Franklin Technology. Curtis vuole nel suo portafoglio aziende che hanno capito la necessità di trasformare digitalmente la propria attività. Aziende che sfruttano il potenza della tecnologia per sviluppare il proprio business. Perché, nella sua visione, è questo che farà da scudo nei momenti difficili. "Guardate Microsoft. Ha mostrato una crescita sostenibile anche con la riapertura dell'economia. Lo stesso vale per i risultati di Salesforce", osserva.

"Queste aziende hanno un potere di determinazione dei prezzi. È questo il loro antidoto in un ambiente inflazionistico", sostiene. Il tono di Curtis è quindi indubbiamente ottimista nello scenario attuale. In effetti, riconosce che in questi giorni sono attivi sul mercato. Stanno ampliando le posizioni e andando a caccia di opportunità.

Il potere di determinazione dei prezzi di cui parla è particolarmente evidente nelle aziende di software. Soprattutto quelli che hanno costruito un prodotto difficile da cancellare, integrato nelle attività di altre aziende. Ma il manager è positivo anche per quanto riguarda le aree più colpite dal mercato. "Non abbiamo ancora raggiunto il picco nel settore dei giochi o dell'e-commerce. Devono solo superare questa temporanea crisi di sentiment", afferma Curtis.

Inoltre, anche a livello tecnico vede un sostegno per il settore. Sebbene sia impossibile prevedere il livello minimo del mercato, Curtis osa dire che ci siamo vicini. E secondo l'esperto una conferma di ciò arriva dal VXN, l'indicatore di volatilità del Nasdaq, che si muove a livelli doppi rispetto alla deviazione standard. Il punto in cui il mercato tradizionalmente tocca il fondo.