I private asset piacciono sempre più agli investitori istituzionali

investitori istituzionali per i mercati privati, I private asset piacciono sempre più agli investitori istituzionali
Asset innovativi e alternativi per il private banking

Il 90% degli investitori istituzionali è intenzionato ad aumentare l’allocazione su una o più asset class dei mercati privati nel corso del prossimo anno. A dirlo è lo Schroders Institutional Investor Study 2021, lanciato ormai quattro anni fa e che coinvolge 750 investitori in 26 diverse location per asset complessivi pari a 26.800 miliardi di dollari.

Un ulteriore 47% degli intervistati ha dichiarato che continuerà a diversificare tramite alternativi e mercati privati, riducendo al contempo l’esposizione sui mercati pubblici, anche a causa del contraccolpo arrivato dalla pandemia. Questo dato è raddoppiato se comparato con lo studio dello scorso anno.

investitori istituzionali per i mercati privati, I private asset piacciono sempre più agli investitori istituzionali

Inoltre, così come già riportato nella prima parte dello studio, più della metà degli investitori (54%) ritiene che le strategie ESG più attraenti siano quelle che hanno al cuore del processo di investimento la generazione di benefici per tutti gli stakeholder.

differenze su base geografica

investitori istituzionali per i mercati privati, I private asset piacciono sempre più agli investitori istituzionali

Come riportato dal grafico qui sopra, gli investitori nell’area Asia-Pacifico e in Nordamerica danno priorità al private equity, mentre la maggioranza degli investitori in Europa pensa di aumentare le allocazioni all’azionario infrastrutturale. Infine in America Latina a emergere è stata l’asset class relativa al debito privato corporate.

In generale comunque va sottolineato che uno dei timori per gli investitori quando si tratta di private asset sono quello relativo alle commissioni di investimento troppo alte, la mancanza di trasparenza e le valutazioni elevate. Eppure, come riporta la nota l’illiquidità (42%) e la complessità dell’asset class (35%) non rientrano tra le sfide principali per gli investitori. Questo elemento, a detta di Schroders suggerisce che gli investitori stanno iniziando a considerare l’illiquidità e i periodi prolungati di inaccessibilità all’investimento non solo come timori, ma anche come motivi per i quali investire proprio sugli asset privati.


il commento

"I mercati privati sono incredibilmente sfaccettati. Offrono non solo un range di rischi, come i premi di complessità o di illiquidità, più ampio di quanto molti investitori pensino, ma anche un numero enorme di soluzioni che possono essere personalizzate a seconda delle preferenze. Un numero crescente dei nostri clienti sta approfittando di questo potenziale e noi continuiamo a lavorare in partnership con loro, per soddisfarne le esigenze in evoluzione nel contesto di pandemia e incertezze di mercato" conclude Georg Wunderlin, global head of Private Assets di Schroders Capital.