Il 2021 sarà un altro anno positivo per l'industria dell'asset management

flussi, Il 2021 sarà un altro anno positivo per l'industria dell'asset management
foto: autor images of Money, Flickr, creative commons

A due mesi dalla fine dell'anno, tutto fa pensare che il 2021 passerà alla storia come un altro anno positivo per l'industria europea del risparmio gestito. Secondo i dati di Refinitiv di fine settembre, le masse gestite hanno raggiunto i 14,5 mila miliardi di euro. Sono 1,5 mila miliardi in più rispetto a fine 2020. Facendo una analisi per tipologia di prodotto, la maggior parte dei flussi arriva da fondi azionari (6,1 mila miliardi), seguiti da fondi obbligazionari (3,3 mila miliardi), misti (2,5 mila miliardi), monetario (1,4 mila miliardi) e alternativo in formato OICVM (0,7 mila miliardi).

La società di analisi stima che il settore dei fondi europei abbia registrato una raccolta netta di 463,9 miliardi nei primi nove mesi dell'anno. La maggior parte di questi flussi (337 miliardi) sono stati allocati in fondi di investimento. Da parte loro, gli ETF hanno ricevuto 126,9 miliardi in questo periodo. È importante notare che gli Exchange Traded Fund sono sulla buona strada per raggiungere un afflusso record nel 2021. Ciò è dovuto al fatto che i depositi hanno già superato il massimo storico dei flussi annuali in ETF registrati in Europa nel 2019. Nello stesso periodo di quell'anno era pari a 106,7 miliardi.

Flussi per categoria

Guardando più da vicino, i fondi azionari (con 269,8 miliardi di euro) sono stati i prodotti con i maggiori afflussi netti stimati fino a oggi. Seguono i fondi obbligazionari (147,7 miliardi), fondi misti (129,3 miliardi), i fondi UCITS alternativi (11,3 miliardi) e quelli relativi alle commodity (5,9 miliardi).

Dall'altro lato ci sono i fondi del mercato monetario, con deflussi pari a 93,1 miliardi. Con l'ulteriore normalizzazione del contesto di mercato e con l'allentamento delle restrizioni relative al COVID-19, non sorprende che gli investitori europei abbiano ridotto le loro posizioni sul mercato monetario nel corso di quest'anno, almeno fino a questo momento. Tuttavia, questo dato dovrebbe essere letto alla luce degli importanti afflussi registrati da questa tipologia di prodotti nel 2020, che fino a questo momento non sono stati ancora compensati dai deflussi.

"In generale, gli investitori europei sono disposti ad assumere dei rischi quest'anno, nonostante la crescente volatilità dei mercati azionari. Dato il contesto generale del mercato, non ci sorprende che stiamo assistendo in questi mesi a flussi misti nelle diverse asset class, anche se l'industria europea dei fondi è stata protagonista di afflussi nel corso dei primi nove mesi del 2021", afferma Detlef Glow, responsabile della ricerca EMEA di Refinitiv.