Investimenti sostenibili, un movimento tettonico nel mercato

strategie sostenibili, Investimenti sostenibili, un movimento tettonico nel mercato
Robert Zunikoff, Unsplash

"Ho già visto questo film. E so come va a finire”. A dirlo è Richard Clode di Janus Henderson . “Di tanto in tanto ci sono movimenti tettonici nel mercato. Cambiamenti che finiscono per essere dei veri disgregatori per i ritorni”, afferma. Il manager, specializzato in tecnologia, ricorda delle vere e proprie sfide come Amazon contro il retail tradizionale o Google contro i mass media. "Essere dalla parte giusta della storia è stato decisivo per l'investitore", afferma.

E ora, secondo lui, la sostenibilità è il nuovo terremoto del mercato. "Stiamo vivendo un periodo di trasformazione che definirà la futura redditività degli investitori", prevede. Lo vediamo già, ad esempio, nella differenza di borsa tra Tesla e altri produttori tradizionali di motori a combustione. Clode è chiaro su come si posizionerebbe.

È un cambiamento che Clode rileva nel settore tecnologico, la sua area di specializzazione come co-manager della strategia Global Technology Leaders. Ma sta già toccando tutti i settori.  

Allo stesso modo la pensa anche Hamish Chamberlayne, responsabile delle azioni globali sostenibili presso l'azienda britannica. Chamberlayne caldeggia investimenti sostenibili da decenni. Fino a poco tempo fa, il suo sforzo principale si concentrava sulla dimostrazione che l'SRI non toglie nulla alla redditività. Ora ha il mercato a favore.

INVESTIMENTI SOSTENIBILI, UNA CRESCITA ESPONENZIALE

La crescita degli investimenti sostenibili si trova su di una curva a S. La crescita esponenziale è all'orizzonte. Se passiamo in rassegna le misure promosse dai principali governi, noteremo un discorso simile. "Senza dubbio la direzione intrapresa da quest'anno è il percorso verso zero emissioni nette di carbonio", commenta il manager. 

Ma non siamo solo di fronte a una storia del settore energetico. Per Chamberlayne, il passaggio dall'economia analogica a quella digitale passa necessariamente attraverso un'elettrificazione dell'economia mondiale . E ci fornisce alcune cifre. La digitalizzazione porterà l'elettricità a passare dal rappresentare il 20% dell'energia consumata all'80%. Parliamo di auto elettriche, ma anche di collegare alla rete l'intero ecosistema quotidiano. "Siamo sull'orlo di un'incredibile trasformazione", prevede.

DUE NUOVI LANCI SOSTENIBILI

Janus Henderson ha voluto capitalizzare questa tendenza attraverso due nuovi lanci. Si tratta di due fondi azionari sostenibili. Entrambi classificati come articolo 9 della SFDR. Il Janus Henderson Horizon US Sustainable Equity Fund ricerca società statunitensi che contribuiscono positivamente allo sviluppo di un'economia globale sostenibile. Il fondo si basa sulla filosofia trentennale della già consolidata Janus Henderson Global Sustainable Equity. Ad aprire la strada saranno Hamish Chamberlayne e Aaron Scully, insieme a un team dedicato di analisti e al più ampio team di Corporate Governance e Responsible Investment (GRI).

Da parte sua, Janus Henderson Horizon Sustainable Future si concentra sulle aziende legate alla tecnologia sostenibile. Sarà capitanata da esperti del settore come Alison Porter, Richard ClodeGraeme Clark. Ma in aggiunta, sarà assistito da un nuovo e crescente team globale di specialisti ASG, guidato da Paul LaCoursiere, direttore di ASG Investments. Questo nuovo fondo si basa sul successo del Janus Henderson Horizon Global Technology Leaders Fund.

“Queste due nuove strategie arricchiscono la gamma dei prodotti di Janus Henderson incentrati sulla sostenibilità e dimostrano il nostro impegno nell’anticipare i cambiamenti e la nostra capacità di adattamento a uno mondo in continua evoluzione.  La nostra prima responsabilità è, ed è sempre stata, verso gli interessi e gli obiettivi dei nostri clienti. In Italia, così come in altri mercati, l'attenzione verso la sostenibilità è in costante crescita e ci porta a incorporare i criteri ESG nei nostri processi d'investimento. Per questo abbiamo deciso di arricchire la nostra offerta con due fondi in grado di fornire ai clienti una guida ai mercati nel lungo periodo”. Federico Pons, country head per l'Italia di Janus Henderson.