La regolamentazione ESG (o la sua mancanza) negli Stati Uniti

Normativa ESG, La regolamentazione ESG (o la sua mancanza) negli Stati Uniti
Luke Michael, foto concessa (Unsplash)

Negli Stati Uniti, non esiste una linea unica di leggi e regolamenti sulle questioni ESG o di sostenibilità a livello di gestione patrimoniale. È con questa dichiarazione che Julien Bourgeois, partner dello studio legale multinazionale Dechert LLP, apre il workshop sulle questioni legali nel contesto del Forum EFAMA sulla gestione degli investimenti.

"Quando si parla di ESG o di investimenti sostenibili negli Stati Uniti, si parla di principi fiduciari generali. Il dovere di cura e di lealtà. Il dovere di agire nel migliore interesse del cliente, genericamente inteso come il migliore interesse economico del cliente", aggiunge l'esperto. "Nel contesto giuridico generale, a condizione che ci sia una divulgazione completa e corretta di tutti i fattori materiali, qualsiasi approccio ESG può essere integrato in qualsiasi mandato di investimento. Purché ci sia il dovuto consenso da parte del cliente", avverte.

Secondo Julien Bourgeois, questo contrasta con la legislazione pensionistica del settore privato, ERISA (Employee Retirement Income Security Act), che si basa sulle stesse premesse di interesse economico del cliente e dovere fiduciario, ma dove "gli obiettivi fissati dalla legislazione rendono molto difficile monitorare le strategie ESG nei portafogli dei fondi pensione". "L'interesse economico viene prima di tutto, e tutti gli obiettivi non economici, storicamente, devono essere considerati solo quando non danneggiano il rendimento degli investimenti a nessun livello".

Per il legale, tutto questo diventa molto rilevante per i gestori europei che vogliono fare affari negli Stati Uniti, soprattutto data la storia delle sanzioni multimiliardarie che caratterizzano l'attività di vigilanza sull'altra sponda dell'Atlantico. "C'è un principio molto importante che la gente deve ricordare. Un gestore patrimoniale statunitense deve applicare la legge statunitense al 100% della sua attività globale. Un asset manager europeo dovrà seguire il quadro giuridico statunitense per tutti i suoi affari negli Stati Uniti", spiega.

L'evoluzione: da Trump a Biden

Durante il mandato di Trump, spiega Julien Bourgeois, la SEC ha condotto ufficiosamente indagini ESG sulle società di gestione. Non ha mai riconosciuto ufficialmente questi procedimenti. "Con la nuova amministrazione, le cose sono cambiate. Il cambiamento climatico è un costante argomento di discussione e l'amministrazione Biden sta mostrando segnali di un cambiamento di direzione. Anche con l'inesistenza di un testo legale come avviene in Europa, è stato evidenziato il riconoscimento dell'approccio ESG nelle consultazioni della SEC e il desiderio di imporre certi comportamenti", dice.

Il vocabolario è diverso. Mikhaelle Schiappacasse, anch'essa partner dello stesso studio legale, rivela la questione chiave da considerare quando un gestore di fondi si occupa di investimenti ESG oltre confine: "Rendersi conto che l'approccio statunitense all'ESG non è coerente con l'idea che il mercato europeo ha costruito”.

"In Europa c'è un intero quadro normativo con cui tutti i gestori di fondi devono fare i conti. Negli Stati Uniti, il vocabolario è diverso. Il semplice concetto dell'articolo 8 (della SFDR) non significa nulla per gli americani. Come dice l'avvocato, le autorità "non stanno prendendo alcuna decisione sulla divulgazione ESG", quindi quando si vende un prodotto oltreoceano, bisogna essere sicuri che il vocabolario sia coerente con ciò che il regolatore considera appropriato. Deve essere chiaro per l'investitore finale cosa si sta facendo, in modo che possa dare il consenso appropriato”, conclude.