Larry Fink (BlackRock): "Non è capitalismo ‘woke’. È capitalismo”

Sostenibilità, Larry Fink (BlackRock): "Non è capitalismo ‘woke’. È capitalismo”
Larry Fink, immagine concessa (BlackRock)

Non è capitalismo 'woke'. È capitalismo. Nella sua lettera annuale ai CEO di tutto il mondo, il numero uno di BlackRock Larry Fink risponde alle critiche sulla svolta ESG che ha dominato l'industria finanziaria negli ultimi anni. "Ci concentriamo sulla sostenibilità non perché siamo ambientalisti, ma perché siamo investitori e fiduciari per i nostri clienti", dice.

Dopo 34 anni in BlackRock, Fink dice di riconoscere ciò che distingue le grandi aziende: è sempre un chiaro senso di scopo, valori coerenti e, in modo cruciale, il riconoscimento di quanto sia importante l’engagement e il portare risultati per i loro principali stakeholder. Secondo lui, questa è la base del capitalismo degli azionisti. E, insiste, è un tipo di capitalismo che non riguarda la politica, né segue un'agenda sociale o ideologica. Secondo il Ceo non è capitalismo ‘woke’ (ovvero sveglio e attivo in senso politico). Ma normale capitalismo. Guidato da relazioni reciprocamente vantaggiose tra l'azienda e i dipendenti, i clienti, i fornitori e le comunità da cui l'azienda dipende per prosperare. "È qui che sta il potere del capitalismo", insiste.

Non che le regole del gioco siano cambiate. La legittima ricerca del profitto è ancora ciò che guida i mercati. E la redditività a lungo termine è il barometro con cui quest'ultima determinerà alla fine il successo di un'azienda. Ciò che è mutato è la fonte di questi profitti. La relazione tra un'azienda, i suoi dipendenti e la società viene ridefinita. "I dipendenti devono capire e connettersi con il vostro scopo, perché quando questo accade, possono diventare i vostri più forti sostenitori. I clienti vogliono vedere e sentire ciò che rappresentate, dato che cercano sempre più di fare affari con aziende che condividono i loro valori", sottolinea Fink. Un'evoluzione che è stata ulteriormente accelerata dalla pandemia.

E saranno le aziende innovative che si adattano al nuovo ambiente ad avere un facile accesso al capitale. "Mai prima d'ora è stato così essenziale per i CEO avere una voce coerente, uno scopo chiaro, una strategia coerente e una visione a lungo termine. Lo scopo della vostra azienda è la stella polare in questo ambiente tumultuoso", dice Fink.

La S di ESG, nel cuore della trasformazione

Due anni fa, il capo del più grande asset manager del mondo ha usato la sua tradizionale missiva ai CEO globali per inviare un messaggio chiaro: l'investimento sostenibile sarà inarrestabile. Il gestore di fondi americano non è stato il primo a predicare il messaggio ESG, ma è stato uno dei più espliciti nel mettere in guardia dal cambiamento che porterà ai mercati finanziari negli anni a venire.

E una delle grandi rivoluzioni portate dalla pandemia proviene dal lato sociale. Nessun altro rapporto è stato così cambiato dalla pandemia come quello tra i datori di lavoro e i loro dipendenti, sostiene il CEO. Nessun'altra crisi ha dato luogo ad un fenomeno simile. Il tasso di dimissioni negli Stati Uniti e nel Regno Unito è a livelli record. E negli Stati Uniti stiamo assistendo ad alcuni dei maggiori aumenti di stipendio degli ultimi decenni. "Mentre le aziende si ricostruiscono dopo la pandemia, i loro CEO stanno affrontando un paradigma completamente diverso da quello a cui siamo abituati", prevede.

Il mercato del lavoro dove non si parlava di salute mentale e dove predominavano le basse retribuzioni non esiste più. E questo è un rischio d'impresa. "Le aziende che non si adattano a questa nuova realtà e non soddisfano le aspettative dei loro dipendenti lo fanno a loro rischio e pericolo", dice Fink. Si tratta di un fattore a cui BlackRock, come gestore, presterà particolare attenzione nella sua analisi dei fondamentali di una società. Dalla casa di gestione anticipano che vorranno già sapere come un'azienda sta affrontando il suo rapporto con i suoi dipendenti. "Il luogo e le modalità di lavoro non saranno mai più le stesse di prima. Come si sta adattando la cultura della tua azienda a questo nuovo mondo?”, chiede.  

La transizione energetica determinerà l’accesso al capitale

Fink è chiaro nel suo avvertimento. Queste richieste non sono politiche, è puro e semplice capitalismo fino in fondo. Perciò o le aziende si adattano o il flusso di investimenti sarà interrotto. "L'accesso al capitale non è un diritto, è un privilegio. E l'onere è su di voi per attrarre quel capitale in modo responsabile e sostenibile", avverte i CEO delle aziende.

In altre parole: adattarsi o perire. E uno dei punti più decisivi che Fink identifica è il modo in cui si affronta la transizione energetica globale nei prossimi anni. Poche cose come la transizione energetica influenzeranno le decisioni di allocazione del capitale, e quindi il valore a lungo termine di un'azienda. "Ogni azienda e ogni settore saranno trasformati come parte della transizione verso un mondo a zero emissioni. La domanda è: prenderete il timone o lascerete che siano gli altri che vi guidino?”, conclude.