L'integrazione degli ESG nei fondi a distribuzione di reddito di J.P. Morgan AM

Marchio FundsPeople, L'integrazione degli ESG nei fondi a distribuzione di reddito di J.P. Morgan AM
Towfiqu Barbhuiya, Unsplash

I fondi a distribuzione di reddito di J.P. Morgan AM sono molto popolari tra gli investitori italiani. E ne è la prova che sia il JPMorgan Investment Funds - Global Income Fund che il Global Income Conservative hanno ottenuto il Marchio FundsPeople nel 2021, rispettivamente con i rating (B) Blockbuster e (BC) Blockbuster e Consistente, un riconoscimento che attesta che sono tra i più venduti sul mercato. La gamma è completata dal Global Income Sustainable, un prodotto lanciato a inizio anno. Come suggerisce il nome, quest'ultimo si concentra apertamente sulla sostenibilità.

Intervistato da FundsPeople l’investment specialist del team Multi-Asset Solutions Mark Jackson ha spiegato tuttavia, che oggi l'integrazione dei criteri ESG è trasversale a tutti e tre i fondi. "Negli ultimi otto/nove mesi abbiamo formalizzato il modo in cui guardiamo agli ESG nei fondi della nostra piattaforma. Ed è con soddisfazione che oggi possiamo affermare che i criteri ESG sono integrati in tutte le asset class del portafoglio", ha affermato.

I pilastri di sostenibilità del fondo

I due fondi a distribuzione più longevi non hanno un obiettivo ESG esplicito. "Per fare un salto di qualità e migliorare dell’offerta, abbiamo lanciato il Global Income Sustainable Fund, che si focalizza specificamente su questo tema", ha spiegato. Oltre alla ricerca di un equilibrio tra rischio, rendimento e reddito, che è una caratteristica condivisa dai tre prodotti della gamma, Mark Jackson ha sottolineato che il Global Income Sustainable Fund detiene una spiccata vocazione sostenibile, basata su tre pilastri.

Il primo di questi è l'integrazione ESG, che, come già detto, è presente su tutti e tre i fondi della gamma, ma anche su tutta l'offerta della piattaforma della casa di gestione. "È il pilastro in cui prendiamo in considerazione esplicitamente rischi e opportunità ESG come parte del nostro processo di analisi fondamentale", ha sottolineato. Ma nel fondo Global Income Sustainable sono andati oltre, aggiungendo i pilastri dell'esclusione e dell’orientamento positivo. “In questo modo abbiamo escluso alcune società legate, per esempio, al settore del tabacco e al settore petrolifero”, illustra. “Inoltre, sul fronte dell’orientamento positivo, che si concretizza nel fatto di privilegiare settori e società con caratteristiche ESG positive, siamo attivi nella scelta delle aziende che guidano il cambiamento”, ha aggiunto. Questo processo di selezione secondo il manager avviene attraverso un'analisi “settore per settore, considerando soltanto i nomi precursori del cambiamento. Il che significa che non escludiamo dei settori a priori. Ma, in sintesi, crediamo che questi nomi da un punto di vista di analisi fondamentale saranno i leader del futuro, un fatto che si rifletterà nei loro flussi di cassa, utili e prezzi di mercato". ha concluso.