Esplorare la relazione tra la moderna teoria del portafoglio e l'investimento in SDG

Berenice Lasfargues, BNP Paribas AM. notizia

Contributo a cura di Berenice Lasfargues, Sustainable & ESG Investment specialist/research analyst, BNP Paribas Asset Management. Contenuto sponsorizzato.

Investire per raggiungere risultati in linea con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (Sustainable Development Goals, SDG) potrebbe sembrare incoerente con l’ottimizzazione dell’asset allocation in base alla moderna teoria del portafoglio. Tuttavia, i rischi di coda associati agli investimenti orientati agli SDG potrebbero non essere adeguatamente prezzati secondo le tradizionali analisi di rischio-rendimento. Questo suggerisce che una valutazione del profilo SDG degli investimenti, possa rappresentare un importante supplemento ai moderni approcci analitici guidati dalla teoria di portafoglio e potrebbe contribuire alla resilienza del portafoglio o a migliorare i rendimenti adeguati al rischio.

Un numero crescente di aziende ha recentemente annunciato come intendono integrare gli SDG delle Nazioni Unite nei loro business e nelle loro operazioni. I 17 SDG1, ulteriormente suddivisi in 169 obiettivi e 232 indicatori, delineano una tabella di marcia universale per un mondo sostenibile "libero dalla povertà, dalla fame, dalle malattie e dal fabbisogno, dove tutti gli esseri viventi possano prosperare" entro il 2030. Alcuni l'hanno definito "la cosa più vicina ad una strategia per la Terra"2. Allo stesso tempo, è cresciuta la domanda degli investitori per i fondi che integrano criteri di investimento responsabile e i fondi a impatto progettati per ottenere risultati ambientali e sociali positivi misurabili nell'economia reale. Secondo il Global Impact Investing Network, il mercato di tali prodotti è cresciuto di oltre il 40% tra il 2019 e il 20203.  

Il crescente interesse per questa forma di investimento si è tradotto nel desiderio di impiegare il capitale in base agli SDG, dato il loro status di framework della sostenibilità riconosciuto a livello globale. Per facilitare i prodotti allineati agli SDG, i fornitori di servizi hanno creato degli strumenti che aiutano a valutare l'allineamento e/o il contributo delle aziende agli SDG.

Questi spesso presentano delle sfide metodologiche, ulteriormente aggravate dalla mancanza di disponibilità di dati e di standard comuni sulla performance degli SDG. Tuttavia, gli investitori hanno abbracciato questi strumenti e i materiali di marketing ora abbondano di pittogrammi colorati degli SDG che pretendono di mappare i fondi in base a tali obiettivi. Secondo un sondaggio del 2020 nell'industria dei servizi finanziari, il 50% dei gestori patrimoniali prevede di iniziare a misurare gli investimenti sulla base degli SDG.4

Sullo sfondo del crescente interesse per gli investimenti a impatto e i prodotti SDG, sembra naturale voler analizzare la relazione tra gli SDG, i rendimenti degli investimenti e la moderna teoria del portafoglio più in generale, data l'onnipresenza di quest'ultima nella gestione del portafoglio.  

Teorizzare la teoria

La moderna teoria del portafoglio più spesso usata per l'ottimizzazione della varianza media (MVO), stabilisce un quadro per la creazione di un portafoglio di attività da cui il rendimento atteso è massimizzato per un dato livello di rischio sostenuto dall'investitore.

Alcune premesse sono centrali in questa teoria:

  • Gli investitori devono essere compensati per detenere attività più rischiose
  • Il rischio di un portafoglio può essere ridotto attraverso una diversificazione non correlata delle attività
  • I mercati sono efficienti

In termini più pratici, i modelli MVO basati sulla Teoria del Portafoglio si basano su dati storici di rischio e rendimento come input primario per identificare i portafogli "ottimali"5 lungo una frontiera efficiente.

Le interpretazioni analitiche tradizionali della Teoria del portafoglio non tengono conto degli SDG (o degli ESG). Tipicamente, i tentativi di inserire considerazioni sulla sostenibilità nei quadri della Teoria del Portafoglio prendono la forma di un vincolo esogeno all'equazione di ottimizzazione del rischio-rendimento del portafoglio, per esempio, esposizione minima o massima agli SDG X o Y. In virtù dei presupposti della Teoria, l'aggiunta di un tale vincolo allontana gli investimenti dalla frontiera efficiente, facendoli apparire meno "ottimali".

SDG, mitigazione del rischio e resilienza del portafoglio

È interessante notare che un sondaggio del Global Impact Investor Network evidenzia che due terzi degli investitori a impatto mirano a un rendimento di mercato, mentre il restante terzo è disposto a puntare a un rendimento inferiore per massimizzare l'impatto.


Fonte: Global Impact Investor Network, 2020 Annual Impact Investor Survey

Come evidenziato dal grafico 1, ci può essere un trade-off tra la massimizzazione dell'allineamento/impatto degli SDG e i rendimenti. Tuttavia, crediamo che ci siano anche scenari in cui considerare l'impatto degli investimenti sugli SDG potrebbe effettivamente contribuire alla mitigazione del rischio o al miglioramento del rendimento, che potrebbe non essere riflesso nelle attuali valutazioni di mercato. Questo mispricing deriva dal fatto che gli investitori tipicamente non prestano adeguata attenzione ai rischi sistemici e alle considerazioni sull'ecosistema di mercato nelle loro decisioni di asset allocation e valutazione. Questo è aggravato dal fatto che, contrariamente a una delle ipotesi di base della Teoria del Portafoglio, gli investitori non hanno sempre accesso alle stesse informazioni.

Di conseguenza, i rischi e le opportunità derivanti da esternalità negative o positive che potrebbero ridursi all'interno di un portafoglio grazie allo stretto allineamento agli SDG, potrebbero non riflettersi nelle valutazioni attuali (ad esempio, l'esposizione a green asset con un vento di coda normativo (positive), l'esposizione a future multe per danni ambientali (negative). A nostro avviso, questa lacuna informativa e la potenziale opportunità di mispricing è dovuta alla complessità dell'analisi e al fatto che questi temi non sono ancora pienamente mainstream o rimangono di nicchia. Di conseguenza, affrontare uno SDG può aiutare a mitigare il rischio di portafoglio o contribuire alla resilienza o a un vantaggio competitivo in un modo che la tradizionale analisi basata sulla MPT non cattura.

Voci nel settore finanziario hanno iniziato a chiedere un ripensamento fondamentale della MPT per riflettere l'inclusione dei fattori ESG e/o SDG. L'idea sarebbe che gli investitori valutino il massimo rendimento possibile non solo per il livello di rischio assunto, ma anche per il punteggio ESG o SDG di un portafoglio,6 introducendo così un terzo fattore endogeno, ugualmente pesato, nella costruzione del portafoglio.7 

Identificare i venti di coda

Oltre all'errata valutazione del rischio associata agli investimenti allineati agli SDG, crediamo che ci sia il potenziale per le opportunità allineate con l'accesso a bacini di profitto in rapida crescita associati al raggiungimento degli SDG. Queste potrebbero non essere ancora adeguatamente riflesse nelle valutazioni attuali. Il gap di finanziamento annuale per raggiungere gli SDG entro il 2030 è attualmente stimato in 2,5 mila miliardi di dollari.8

Per esempio, le aziende saranno in grado di adattarsi alle normative sul clima con molta più facilità se hanno già incorporato nei loro modelli operativi e di business il modo in cui possono contribuire all'SDG 7 (Energia accessibile e pulita) e all'SDG 13 (Azione per il clima). E questo adattamento sarà probabilmente necessario. I regolatori globali come la Securities and Exchange Commission negli Stati Uniti e la Prudential Regulation Authority del Regno Unito stanno già incoraggiando una maggiore divulgazione aziendale relativa al clima. Tuttavia, ci sono altre misure in arrivo che, senza dubbio, prenderanno le aziende alla sprovvista se colte impreparate.

Per esempio, le tasse di confine sul carbonio e ulteriori regolamenti che affrontano la deforestazione e le misure specifiche del settore - come quelle che si concentrano sui combustibili e sulle emissioni nel trasporto commerciale e nell'aviazione - sono tutte destinate ad aumentare di importanza.

L'Inevitable Policy Response , progetto avanzato dal Principles for Responsible Investment, cerca di quantificare l'impatto di un aumento potenzialmente disordinato della regolamentazione sull'economia reale e sui mercati finanziari. Di conseguenza, le aziende che già utilizzano i suddetti SDG come guida saranno meglio posizionate e probabilmente avranno un vantaggio competitivo di fronte a queste regolamentazioni più rigide.

La regolamentazione relativa al clima non è l'unica area in cui le aziende che hanno integrato gli SDG possono avere un vantaggio. Le aziende che lavorano verso l'SDG 8 (lavoro dignitoso e crescita economica) possono essere in una posizione migliore per rispondere alle crescenti richieste che le organizzazioni paghino ai dipendenti un salario adeguato. Tutto sommato, investire tenendo in considerazione gli SDG potrebbe permettere a un gestore di portafoglio di identificare rischi mal valutati o opportunità sottovalutate e, potenzialmente, ottenere risultati migliori di quelli "ottimali".

Clicca qui per ulteriori informazioni


Fonti

[1] Vedi https://sdgs.un.org/goals

[2] Vedi per esempio https://sloanreview.mit.edu/article/supporting-sustainable-development-goals-is-easier-than-you-might-think/

[3] Vedi https://thegiin.org/assets/GIIN%20Annual%20Impact%20Investor%20Survey%202020.pdf

[4] Vedi https://www.sc.com/us/2020/11/10/the-50-trillion-question-un-sustainable-development-goals-face-critical-investment-shortfall-standard-chartered-research-finds/

[5] "Ottimale" come concetto è intrinsecamente legato a MPT e MVO, che a loro volta soffrono di debolezze come costrutti quali: i) l'uso della volatilità come unica misura del rischio; ii) un eccessivo affidamento su dati retrospettivi per l'analisi e iii) un insufficiente riconoscimento dell'incertezza e dei presupposti che circondano gli input dell'ottimizzazione. Per saperne di più, si veda https://www.top1000funds.com/2017/02/we-need-to-be-better-than-optimal/

[6] Vedi per esempio https://www.unpri.org/academic-research/beyond-modern-portfolio-theory-how-investors-can-mitigate-systemic-risk-through-the-portfolio/538.article 

[7] Si veda per esempio https://core.ac.uk/download/pdf/189318713.pdf

8] UNCTAD World Investment Report, 2014


Tutte le opinioni qui espresse sono quelle dell'autore alla data di pubblicazione, si basano sulle informazioni disponibili e sono soggette a modifiche senza preavviso. I singoli team di gestione del portafoglio possono avere opinioni diverse e prendere decisioni di investimento diverse per clienti diversi. Questo documento non costituisce una consulenza d'investimento.

Il valore degli investimenti e il reddito che generano possono scendere così come salire ed è possibile che gli investitori non recuperino il loro investimento iniziale. La performance passata non è garanzia di rendimenti futuri.

Gli investimenti nei mercati emergenti o in settori specializzati o limitati possono essere soggetti a una volatilità superiore alla media a causa di un elevato grado di concentrazione, di una maggiore incertezza perché sono disponibili meno informazioni, c'è meno liquidità o a causa della maggiore sensibilità ai cambiamenti delle condizioni di mercato (condizioni sociali, politiche ed economiche).

Alcuni mercati emergenti offrono meno sicurezza della maggior parte dei mercati sviluppati internazionali. Per questo motivo, i servizi di operazioni di portafoglio, liquidazione e conservazione per conto di fondi investiti nei mercati emergenti possono comportare un rischio maggiore.