Pavot (LFDE): "La sostenibilità ha la governance al centro”

governance investimenti sostenibili, Pavot (LFDE): "La sostenibilità ha la governance al centro”
fonte: Unsplash

Nell’acronimo ESG spicca la G di governance. Non ha dubbi su questo Coline Pavot, head of ESG Research di La Financière de l'Échiquier (LFDE). "Dedichiamo molto tempo nello studio di questo aspetto all’interno della nostra società, non ci ci vengono forniti dati da aziende terze ma ci basiamo su un nostro processo di ricerca interno" spiega la capa della ricerca ESG. "Se la governace di una società su cui decidiamo di investire è davvero sostenibile allora iniziamo a valutare anche altri fattori altrimenti è possibile incappare facilmente nel rischio greenwashing” spiega Pavot in questa intervista rilasciata a FundsPeople in occasione dell'edizione appena trascorsa del Salone del Risparmio.

In LFDE si è pensato ormai circa cinque anni fa agli investimenti a impatto, all’epoca era qualcosa di estremamente nuovo oggi l'impegno in questo senso è aumentato, "è necessario molto tempo e dialogo con le aziende per migliorare i loro standard SRI, il nostro team è composto da quattro professionisti ma in generale tutti i gestori sono in grado di generare reportistica su tematiche legate alla sostenibilità" commenta l'esperta, proseguendo: "dobbiamo essere tutti d’accordo sulla bontà o meno di una azienda in cui decidiamo di investire”.

greenwashing più reale che mai

Alcune tematiche piacciono agli investitori più di altre, è il caso ad esempio degli investimenti volti ad affrontare e di conseguenza migliorare aspetti legati al cambiamento climatico. "Uno dei rischi maggiori che vediamo all'orizzonte  è quello di una possibile concentrazione su alcune tematiche come ad esempio le energie rinnovabili, si potrebbero dunque verificare delle proprio e vere bolle in questo specifico settore”. Un altro rischio che l'esperta sottolinea è legato agli ingenti quantitativi di liquidità in circolazione che grandi aziende e governi hanno deciso di investire anche grazie ai piani di rilancio delle economie nazionali dopo la crisi da COVID-19.

strategie a impatto con focus su diversi temi

Al momento LFDE si sta concentrando su due fondi a impatto di cui uno viene distribuito anche in Italia, Echiquier Positive Impact Europe che ha Marchio FundsPeople 2021 con rating C (Consistente) e che investe nelle società che contribuiscono a perseguire i 17 obiettivi di sviluppo sostenibili promossi dalle Nazioni Unite. "Di solito non ci concentriamo su di una sola tematica ma ne passiamo in rassegna più d'una, tanto dal lato ambientale quanto da quello sociale, valutando così molte aziende" conclude Pavot.