Schmitt (ETHENEA): "Quattro rischi per gli investimenti tematici"

rischi investimenti tematici, Schmitt (ETHENEA): "Quattro rischi per gli investimenti tematici"
foto: autor Manuel M. V., Flickr, creative commons

Grande euforia da parte degli investitori per le soluzioni tematiche tanto dal lato azionario quanto da quello obbligazionario. Eppure nonostante i buoni risultati anche queste strategie non sono esenti da rischi. A spiegarlo nella sua analisi è Christian Schmitt, lead portfolio manager di Ethna-DYNAMISCH di ETHENEA. Questo tipo di investimento si basa sull'individuazione dei megatrend che "cercano solo di stabilire un legame con l'azienda, ma non dicono nulla sulla valutazione dell'azione. Poiché anche la migliore azienda del mondo può essere un cattivo investimento se la si paga troppo, la valutazione non è affatto irrilevante per le decisioni di investimento. Al contrario, la valutazione attuale di un titolo dipende largamente dalla sua crescita futura. Poiché questa crescita è per definizione soggetta a una grande incertezza, qualsiasi indicatore che aiuti a ridurre questa incertezza dovrebbe essere benvenuto. Di conseguenza, collegare lo sviluppo aziendale a un megatrend può fornire una guida preziosa e un driver di crescita strutturale nel contesto della valutazione. Tuttavia, anche in questo caso, rimane sempre l'incertezza se la rispettiva tecnologia o le concrete soluzioni di prodotto dell'azienda continueranno a beneficiare del cambiamento previsto in futuro".

Le valutazioni

Questo tipo di investimento si basa sull'individuazione dei megatrend che "cercano solo di stabilire un legame con l'azienda, ma non dicono nulla sulla valutazione dell'azione. Poiché anche la migliore azienda del mondo può essere un cattivo investimento se la si paga troppo, la valutazione non è affatto irrilevante per le decisioni di investimento. Al contrario, la valutazione attuale di un titolo dipende largamente dalla sua crescita futura. Poiché questa crescita è per definizione soggetta a una grande incertezza, qualsiasi indicatore che aiuti a ridurre questa incertezza dovrebbe essere benvenuto. Di conseguenza, collegare lo sviluppo aziendale a un megatrend può fornire una guida preziosa e un driver di crescita strutturale nel contesto della valutazione. Tuttavia, anche in questo caso, rimane sempre l'incertezza se la rispettiva tecnologia o le concrete soluzioni di prodotto dell'azienda continueranno a beneficiare del cambiamento previsto in futuro".

come fare selezione?

All'interno di un portafoglio che segue lo sviluppo dei megatrend potrebbero venire inseriti molti titoli. La selezione pertanto diventa sempre più difficile. "Una revisione dei singoli titoli contenuti nel paniere azionario è inevitabile. Solo in questo modo gli investitori possono farsi un'idea di quanto i titoli in portafoglio siano effettivamente vicini al megatrend. Per i temi più specifici come l'esplorazione spaziale, ad esempio, non ci sono quasi mai aziende focalizzate e negoziate in borsa. Se i temi sono eccessivamente generici, come semplicemente l'innovazione o la parità di genere, quasi tutto può finire nel portafoglio" e questo, chiaramente, può costituire un ulteriore livello di rischio secondo Schmitt.

troppa o troppo poca liquidità

"Ciò che può portare a forti influenze di prezzo sui singoli titoli anche nel caso di indici grandi e consolidati - ad esempio nel caso di aggiustamenti dell'indice - può diventare un fattore di prezzo dominante per i singoli titoli a minore capitalizzazione. Questo rischio di liquidità è anche inizialmente orientato al rialzo nel caso di tendenze molto ricercate e può agire come un vero e proprio booster di prezzo. Tuttavia, in seguito è altrettanto probabile che si muova nella direzione opposta. Inoltre, la liquidità colpisce non solo gli investitori direttamente investiti nell'ETF tematico, ma anche gli investitori coinvolti nei singoli titoli. Pertanto, la questione di chi siano gli azionisti dominanti di un titolo diventa un aspetto importante nella gestione del rischio dei singoli stock" spiega l'esperto di ETHENEA circa l'importanza della valutazione di quanta liquidità ci sia in circolazione.

bolla all'orizzonte

Lo stesso megatrend di cui si parlava prima può essere coperto da vari fondi tematici e ciò potrebbe generare aspettative eccessive e valutazioni ambiziose. "Non bisogna dimenticare, infatti, che praticamente tutte le bolle azionarie maggiori, e anche quelle minori, del passato avevano un forte legame con i singoli temi. Erano anche megatrend del progresso tecnologico. Che si trattasse della ferrovia statunitense alla fine del XIX secolo, delle automobili, dei telefoni e dell'elettricità negli anni '20 o di internet alla fine degli anni '90, la storia era sempre giusta e il progresso tecnologico ha migliorato in modo duraturo la vita delle persone. Allo stesso modo, sono stati registrati enormi guadagni di prezzo in un breve periodo di tempo. Tuttavia, purtroppo, parallelamente al boom del mercato azionario, la valutazione è sempre uscita dai binari. Così, la delusione dopo la fine improvvisa del boom è stata altrettanto grave" conclude l'esperto.

Alla luce della sua analisi, il consiglio che dà Schmitt è il seguente: "Trend e tematiche sono, a nostro avviso, buoni punti di riferimento per sostenere una crescita strutturalmente duratura nel quadro di un'analisi azionaria fondamentale. Tuttavia, se visti in modo oggettivo e olistico, sono anche un indicatore collaudato per identificare potenziali rischi sui mercati azionari. Poiché vogliamo offrire ai nostri clienti un accesso controllato dal punto di vista del rischio ai mercati azionari globali, traiamo quindi un doppio vantaggio da un esame approfondito dei trend e delle tematiche".