Tre ragioni dietro la caduta del Bitcoin

Fintech, Tre ragioni dietro la caduta del Bitcoin
Aleksi Räisä, Unsplash

Immaginate che uno degli investimenti che avete in portafoglio sia sceso del 34% in un solo mese. Bene, questo è quello che è successo con il bitcoin, anche se gran parte di questa caduta non si è verificata negli ultimi 30 giorni, ma solo negli ultimi dieci fino ad arrivare a situarsi sotto i 40.000 dollari. Questo è uno dei dieci più grandi crolli che il bitcoin ha sperimentato negli ultimi giorni, come si può vedere nel seguente grafico pubblicato su VisualCapitalist.

Fintech, Tre ragioni dietro la caduta del Bitcoin

Ma cosa c'è dietro questa nuova correzione che ha colpito anche il resto delle criptovalute? Ci sono tre cause principali, anche se non dobbiamo dimenticare che questo tipo di investimenti sono sempre contrassegnati da un'alta volatilità che non tutti gli investitori possono assumere.

Il cambio di idea di Elon Musk e non solo

Appena una settimana dopo che la SEC aveva pubblicato una dichiarazione che metteva in guardia sulla mancanza di regolamentazione e l'alta speculazione del bitcoin, Elon Musk ha cambiato idea sull'accettazione del bitcoin come moneta per comprare le sue Tesla, citando l'alto inquinamento coinvolto nella creazione delle criptovalute. Da quel momento hanno iniziato a circolare delle voci che Tesla avrebbe venduto la sua posizione in bitcoin, poi smentite dalla stessa azienda. "Le voci e le speculazioni sul fatto che Tesla avesse venduto o pianificato di vendere la sua posizione in Bitcoin hanno spinto il mercato verso il basso negli ultimi giorni, alimentate da tweet criptici dello stesso Musk, che ha lasciato intendere di averlo fatto, prima di smentire definitivamente", spiegano da Wisdom Tree.

Ma il pullback teorico di Musk non è stato l'unico. "Venerdì 14 maggio, Jack Dorsey, CEO di Twitter e Square, uno dei maggiori sostenitori del bitcoin, ha dichiarato che avrebbe smesso di comprare bitcoin. Una coincidenza? È possibile… ma non probabile", dicono da Portocolom. Inoltre, entrambe le decisioni arrivano dopo un nuovo episodio dell'uso di criptovalute da parte degli hacker, dal momento che il riscatto pagato ai pirati informatici dal proprietario di infrastrutture per il trasporto di prodotti petroliferi American Colonial Pipeline, è stato effettuato in bitcoin.

L'elevato impatto ambientale

Precisamente, il motivo per cui Elon Musk ha ritenuto di fare marcia indietro sul bitcoin, come lui stesso ha spiegato, è a causa dell'impatto ambientale del bitcoin e delle criptovalute. "Sulla questione ambientale, il bitcoin è tutt'altro che 'verde'. L'intensità di carbonio dell'estrazione di bitcoin - e quindi il suo effetto sull'ambiente - è a dir poco significativo", illustra Axa IM. E fanno eco ad una ricerca dell'Università di Cambridge che dice che il bitcoin consuma più elettricità all'anno dell'intera Argentina.

Maggiore regolamentazione. Con la Cina in testa

Il laccio al prezzo del bitcoin e quindi al resto delle criptovalute è l'aspetto normativo. Più specificamente, la decisione della Cina di vietare alle sue istituzioni finanziarie di offrire servizi legati alle criptovalute, avvertendo che non possono essere accettate come formula di pagamento. "È anche probabile che un fattore determinante nella decisione della Cina sia la sua forte spinta verso una soluzione di valuta digitale da parte della sua banca centrale", dice Alexander Ruchti, Next Generation Research analyst, di Julius Baer.

L'esperto avanza tre ragioni per questa spinta. Il primo è che la Cina ha già una penetrazione molto alta dei pagamenti digitali, con due piattaforme di pagamento dominanti offerte da due giganti della tecnologia, rendendo facile il passaggio a un sistema di pagamento in valuta digitale. In secondo luogo, che questa moneta digitale della sua banca centrale ha alcuni vantaggi che possono superare gli aspetti negativi come la lotta contro il riciclaggio di denaro o la possibilità di dare potere alla banca centrale sul reddito di base universale o nella definizione dei tassi di interesse e in terzo luogo, che questa moneta digitale si adatterebbe all'agenda del partito comunista, soprattutto in relazione alla cosiddetta nuova infrastruttura.