Update del First Eagle Amundi International: posizionamento attuale e ultime modifiche al portafoglio

Fondi con marchio, Update del First Eagle Amundi International: posizionamento attuale e ultime modifiche al portafoglio
Jan Vormoor, immagine concessa (Amundi)

In questa fase di elevata incertezza, Jan Vormoor head of investment specialists - external strategies di Amundi e investment specialist del First Eagle Amundi International Fund, ritiene che sia importante valutare gli investimenti sia per le opportunità che per il fattore rischio. "Il First Eagle Amundi International è un portafoglio altamente diversificato di attività resilienti. Dato che la maggior parte delle partecipazioni ha un beta positivo rispetto all'inflazione, è ben posizionato per ottenere buone performance in contesti inflazionistici", sottolinea l’esperto di questo prodotto, che quest'anno ha ottenuto il Rating FundsPeople.

Il portafoglio è gestito con un approccio flessibile, bottom-up e con un margine di sicurezza per identificare le società di alta qualità che posseggano attività reali e immateriali scarse e difficili da replicare. Per quanto riguarda gli asset reali, cercano posizioni in società che beneficiano di uno squilibrio strutturale tra un'offerta limitata degli asset reali che controllano o possiedono e una domanda strutturalmente in crescita, creando potenzialmente una forte copertura dall'inflazione. "Con un'esposizione di circa il 30% agli asset reali scarsi (principalmente attraverso un sovrappeso in metalli preziosi, energia, immobili di prima qualità, legname e potassio), il fondo ha una forte posizione in società con valutazioni attraenti che beneficiano dell'attuale contesto".

Nell'ambito degli asset immateriali scarsi, detengono principalmente posizioni in aziende che dominano una porzione dell'economia globale e che beneficiano di significative barriere all'ingresso grazie alle loro dimensioni, alla rete, al marchio, al know-how o agli effetti lock-in.

"Profondamente radicate nella loro clientela, queste aziende spesso possiedono un potere di determinazione dei prezzi dovuto alla relativa inelasticità della domanda dei loro beni e servizi.  Tali compounders provengono da una varietà di settori e geografie, che vanno dalle piattaforme di elaborazione dei pagamenti, alle aziende di beni di lusso, ai leader dell'automazione di fabbrica, ai giganti dei beni di consumo domestico, alle aziende di vendita e servizi per ascensori, alle aziende di software aziendali o alle principali piattaforme Internet", spiega.

A suo avviso, pur essendo di natura molto diversa, tutte queste aziende godono di flussi di cassa, margini e quote di mercato elevati e stabili. "Trattando a sconto rispetto alla nostra stima del valore intrinseco, riteniamo che queste società siano meno vulnerabili ai declassamenti subiti da molti titoli growth ad alta valutazione che fino a poco tempo fa sono stati favoriti dal mercato. Il portafoglio altamente diversificato che ne deriva ha attualmente un'esposizione del 76% circa alle azioni e poco più dell'8% a liquidità e equivalenti, il che ci offre l'opportunità di approfittare selettivamente dell'aumento della volatilità di mercato per integrare le posizioni esistenti a valutazioni interessanti o per introdurne di nuove con un adeguato margine di sicurezza”.

L'esposizione del fondo ai titoli legati all'oro rimane ben al di sopra della media storica (quasi il 16% in aprile) per due ragioni principali: "mitigare l'impatto a breve termine di eventi estremi e fungere da potenziale copertura a lungo termine contro l'indebolimento monetario, l'inflazione e altri problemi valutari", rivela.

Modifiche apportate al portafoglio negli ultimi 12 mesi

Pur essendo guidata dall'applicazione della sua filosofia d'investimento bottom-up, l'attività del portafoglio del fondo nella prima parte dell'anno riflette alcune tendenze top-down. "Dall'inizio del 2022 siamo stati compratori netti di azioni, ma solo in misura marginale e molto selettiva. Di conseguenza, la percentuale di liquidità e equivalenti è leggermente diminuita. La maggior parte delle nostre opportunità di acquisto si è verificata a fine febbraio/inizio marzo e nelle ultime due settimane, quando l'invasione russa dell'Ucraina ha innescato un sell-off più ampio e più agnostica nel mercato. L'aumento della volatilità ci ha permesso di aggiungere al portafoglio attività eccellenti con un margine di sicurezza, come una società svizzera di ascensori e una piattaforma di elaborazione di transazioni finanziarie e pagamenti leader negli Stati Uniti”, dice.

Pur essendo complessivamente compratori netti di titoli, sono rimasti molto disciplinati. "A gennaio abbiamo liquidato due titoli, poiché abbiamo raggiunto il nostro valore intrinseco: un'agenzia di viaggi online e una banca regionale statunitense. Abbiamo anche approfittato del rialzo di alcuni titoli immobiliari per realizzare alcuni profitti. La tendenza di quest'anno a essere acquirenti netti di azioni segna un cambiamento rispetto alla maggior parte del 2021, quando eravamo generalmente venditori netti, in particolare dei titoli più ciclici che hanno beneficiato fortemente della riapertura delle economie post-crisi”.

Tuttavia, nel 2021 hanno colto alcune opportunità di investimento all'interno dei titoli dei beni di consumo e dei titoli non statunitensi, soprattutto in alcuni mercati emergenti (in particolare creando nuove esposizioni alle società tecnologiche legate a Internet in Cina).

"Pur non potendo prevedere il futuro, crediamo fermamente che il fondo sia ben posizionato per affrontare un ambiente più difficile, con un mix di deterioramenti geopolitici e forze potenzialmente stagflazionistiche. Grazie al sovrappeso valutativo sui titoli value, alla focalizzazione sulle società dominanti in grado di resistere alle pressioni inflazionistiche e all'esposizione superiore alla media ai titoli legati all'oro e ad altri proprietari di asset reali, il fondo offre potenziale di diversificazione in confronto agli indici di mercato, con un forte orientamento growth. Inoltre, negli ultimi 40 anni il fondo ha ripetutamente dimostrato la sua capacità di generare alfa in contesti di mercato poco performanti e di raggiungere il suo obiettivo primario: far crescere il potere d'acquisto del capitale generando rendimenti reali stabili nel lungo periodo, indipendentemente dal contesto di mercato", conclude.