Vanguard rafforza gli strumenti per i consulenti finanziari in Italia con il 360 Program

consulenti finaziari, Vanguard rafforza gli strumenti per i consulenti finanziari in Italia con il 360 Program
Simone Rosti. Foto concessa (Vanguard)

Un nuovo strumento in Italia per i consulenti finanziari. Si tratta della piattaforma 360 Program lanciata da Vanguard e composta da quattro pilastri pensati per dare al consulente un supporto concreto nella propria attività, mettendolo nelle condizioni di continuare a fornire consulenza ai clienti, migliorando al contempo la qualità della proposta per risparmiare tempo e ridurre potenzialmente i costi.

I quattro pilastri

Come spiegato nella nota il primo dei quattro pilastri sono le ricerche, attraverso un team globale dedicato globale, Vanguard offre l’accesso agli ultimi White Paper e ad articoli sui temi di attualità. Il tema del multi-asset, con oltre 1.000 miliardi di euro gestiti attraverso questo tipo di strategie, Vanguard conta su solide competenze nella costruzione di portafogli. I portafogli modello in ETF, disponibili in dieci profili, combinano strumenti indicizzati in asset allocation strategiche e rappresentano una guida per chiunque voglia costruire portafogli diversificati a basso costo, personalizzabili in base alle esigenze dei propri clienti.

I LifeStrategy UCITS ETF, disponibili in quattro profili, sono ETF di ETF quotati in Borsa e ribilanciati in modo automatico ed efficiente. Entrambe le soluzioni sono strumenti di supporto nella costruzione di portafogli globali a basso costo. Il consulente può così liberare tempo a favore dell’attività a maggior valore aggiunto, come la gestione della relazione con il cliente.

La raccolta di materiali formativi, frutto di analisi e ricerche che Vanguard porta avanti da anni, messa a disposizione allo scopo di supportare il consulente a 360 gradi nella relazione con il cliente. E infine il training ed eventi come l'organizzazione di webinar, eventi e workshop su differenti temi, dagli approfondimenti sulla costruzione di portafoglio fino agli spunti pratici sul coaching comportamentale.

“Crediamo in quattro semplici principi per investire con successo: obiettivi, costi, bilanciamento e disciplina. Una buona consulenza finanziaria può essere il fattore determinante per aiutare gli investitori a rispettare questi principi" spiega Simone Rosti, country head per l’Italia e responsabile Sud Europa, Vanguard. Per la società, "il valore aggiunto della consulenza finanziaria non risiede nella scelta del migliore fondo di investimento, ma in alcuni fattori che possono valere fino al 3% di rendimento in più nel portafoglio del cliente come la creazione di un’efficiente asset allocation in una prospettiva di lungo termine, con ribilanciamenti solo quando necessari, l’utilizzo di prodotti e soluzioni efficienti a basso costo e, infine, la forte attenzione agli aspetti relazionali e all’educazione comportamentale dei clienti” conclude l'esperto.