Conflitto Russia-Ucraina, gli effetti sulla politica monetaria delle banche centrali

politica monetaria, Conflitto Russia-Ucraina, gli effetti sulla politica monetaria delle banche centrali
Mika Baumeister. Foto concessa (Unsplash)

Lo scenario si complica per le banche centrali e per attuare le prossime mosse di politica monetaria. La guerra tra Russia e Ucraina comporterà uno shock negativo dell'offerta per l'economia globale, e in particolare per l'economia europea. L'inflazione è destinata a salire, innescando un aumento del prezzo dell'energia e del cibo. Anche la crescita subirà delle pressioni, il conflitto infatti inciderà sul reddito disponibile reale delle famiglie e aumenterà i costi di approvvigionamento per le imprese. "Questo complica il compito delle banche centrali che cercano di valutare una risposta adeguata per controllare l'inflazione senza danneggiare indebitamente l'economia", avverte J. Safra Sarasin .

Ciò che è chiaro è che le banche centrali sono già difronte a un dilemma, saranno cioè costrette a scegliere tra due opzioni. E ciascuna potrà avere, potenzialmente, effetti economici negativi. Come spiega François Rimeu, senior strategist, La Française AM, la prima opzione sarebbe rispettare i loro mandati, mantenendo così la loro credibilità e continuando a inasprire la politica monetaria per combattere l'aumento dell'inflazione. "Con la domanda dei consumatori potenzialmente sotto pressione, questa è un'opzione difficile da perseguire e potrebbe avere effetti negativi sulla crescita", afferma l'esperto.

La seconda opzione sarebbe quella di ritardare i rialzi dei tassi fino a quando la situazione non si sarà placata, il che significherebbe correre il rischio che l'inflazione prenda piede. "Al momento, non ci aspettiamo che il rischio geopolitico impedisca alla Fed di aumentare costantemente i tassi di 25 punti base in ciascuno dei suoi prossimi incontri. Inoltre, riteniamo che l'incertezza geopolitica riduca le possibilità di un rialzo di 50 punti base a marzo", afferma l'esperto della società francese.

Fed: un inasprimento più lento

Andrew McCaffery, Global head of Investments, Fidelity International , ha più volte affermato che la Fed dovrebbe inasprire la politica più lentamente di quanto annunciato. Ne era già persuaso a causa degli alti livelli di debito accumulati per far fronte alle conseguenze della pandemia.

"La crisi ucraina lo rende ancora più probabile perché, mentre ha spinto al rialzo i prezzi dell'energia, pone anche rischi per la crescita, soprattutto in Europa. Le banche centrali potrebbero avere difficoltà a cambiare radicalmente la loro attitudine se la crescita inizia a indebolirsi e non tornano alla modalità espansiva". La speranza è che si prosegua con l'inasprimento della politica, ma lentamente, nella speranza di evitare una recessione.

La Fed è sotto grande pressione

In Loomis Sayles, gruppo Natixis IM , credono che la Fed sia sottoposta a forti pressioni per aumentare il prezzo del denaro. "Andrà avanti con un aumento di 25 punti base a marzo. Prevediamo che altre banche centrali continueranno con una politica più restrittiva, anche se l'entità degli aumenti dei tassi potrebbe essere moderata”.

Nella società sono convinti che il conflitto non farà deragliare la politica monetaria. Intendiamoci: credono che, a lungo termine, creerà probabilmente un contesto decisionale di politica monetaria più complesso, poiché le banche centrali affrontano i rischi di una possibile stagflazione. "Potrebbero dover adattare le loro strategie di conseguenza", dicono.

Il fronte BCE

Invece, la BCE potrebbe trovarsi di fronte a una situazione diversa. O almeno, non a suo agio come la Fed. La crisi potrebbe avere un effetto negativo più forte sulla crescita europea che su quella statunitense e l'inflazione non è così alta come negli Stati Uniti. In particolare, il mercato del lavoro statunitense non sembra così stressato come nel caso europeo, con un'inflazione salariale di appena l'1,5% anno su anno nel quarto trimestre del 2021, mentre negli Stati Uniti l'indicatore di crescita salariale di Atlanta si è attestato al 5,1 per cento .

Va ricordato che Robert Holzmann, membro della Bce, ha dichiarato che "il conflitto in Ucraina potrebbe ritardare il ritiro degli stimoli". Ciò indica che l'autorità monetaria europea è pronta ad adottare una posizione meno restrittiva, se necessario.

Tutto dipenderà da come si evolverà il conflitto. Il fatto che il presidente della Russia, Vladimir Putin, abbia attivato la forza nucleare e che i Paesi europei stiano chiudendo i propri spazi aerei ai russi è un ulteriore passo nell'escalation della tensione.

"La principale fonte di incertezza è la reazione dell'Ucraina e delle potenze occidentali. La risposta dovrebbe concretizzarsi sotto forma di sanzioni più severe. Ma c'è anche da valutare se, a un certo punto, l'Occidente sarà disposto a intervenire militarmente", conclude Johanna Kyrklund, Group Chief Investment officer and co-head of Investment, Schroders.