Cosa sta succedendo allo yen giapponese?

Giappone news
Kimura2, foto concessa (Pixabay)

Asoli 136 yen per dollaro, la valuta giapponese sta toccando livelli che non si vedevano dall'estate del 1998. Il deprezzamento dello yen negli ultimi mesi contrasta nettamente con un quarto di secolo di forza quasi ininterrotta. Cosa spiegare questo cambio di tendenza? Secondo Xueming Song, direttore della strategia valutaria di DWS, la spiegazione è strettamente legata alla politica monetaria del Paese.

La correzione più recente è arrivata dopo che la Banca del Giappone ha ribadito il suo impegno a mantenere i rendimenti dei titoli di Stato a 10 anni al di sotto del limite superiore di 0,25 punti percentuali. "Queste dichiarazioni hanno causato una fuga precipitosa tra gli investitori giapponesi, in particolare i fondi pensione e gli assicuratori, che hanno lasciato il Paese alla ricerca di rendimenti più elevati", commenta l'esperto. "Dal 2013, il deprezzamento dello yen ha risposto principalmente ai deflussi di portafoglio, di cui solo una piccola percentuale è coperta da valuta".

Inoltre, il movimento della BoJ va letto in chiave globale. Il deprezzamento dello yen negli ultimi 12 mesi coincide in larga misura con l'aumento dei rendimenti dei Treasury USA a 10 anni , che, a loro volta, riflettono l'aspettativa di un ulteriore inasprimento della politica monetaria negli Stati Uniti e nel resto del mondo. La Banca d'Inghilterra e la Banca nazionale svizzera hanno alzato i tassi di interesse la scorsa settimana e sembra che la Banca centrale europea lo farà a luglio. Al contrario, la BoJ resta disposta ad acquistare tutti i titoli di Stato necessari per mantenere bassi i rendimenti interni fino a quando l'inflazione non salirà in modo sostenibile al di sopra del 2 per cento. 

Cosa sta succedendo con lo yen, cosa sta succedendo con lo yen giapponese?
L'aumento dei tassi di interesse statunitensi sta indebolendo lo yen. Fonti: Bloomberg Finance LP, DWS Investment GmbH al 21/06/2022.

Conseguenze di uno yen più debole

E questo movimento porta con sé importanti conseguenze. Uno yen più debole sta spingendo i prezzi all'importazione ancora più in alto, rileva Song. La turbolenza causata dall'invasione russa dell'Ucraina sui prezzi mondiali di cibo ed energia ha accresciuto le pressioni inflazionistiche, anche in Giappone, a cui il governo giapponese ha reagito con un nuovo pacchetto di stimolo in vista delle imminenti elezioni della camera alta, previste per il prossimo 10 luglio. Durante la campagna elettorale, i candidati potrebbero impegnarsi a far passare più stimoli. L'inflazione dovrebbe finire per incoraggiare i lavoratori a chiedere aumenti salariali, il che a sua volta farebbe salire i prezzi.

In teoria, segnali di pressione inflazionistica dovrebbero indurre la BoJ ad allentare il controllo sulla curva dei rendimenti, contribuendo all'apprezzamento dello yen. "Meglio aspettare seduto", avverte Katrin Loehken, economista specializzata in Giappone di DWS. "Dopo le brutte esperienze passate, la BoJ vorrà vedere che le aspettative di inflazione siano effettivamente soddisfatte prima di intraprendere qualsiasi azione".

Fino ad allora, lo yen potrebbe deprezzarsi ulteriormente. Ma se la marea cambia (o quando cambierà), le conseguenze per il resto del mondo potrebbero essere drammatiche, dice Song. Le risorse giapponesi sono già a buon mercato in confronto, quindi vale la pena tenerle d'occhio, per ogni evenienza.