Crisi energetica in Europa, il punto di vista di un gestore nordico

Petter von Bonsdorff_news
Petter von Bonsdorff. Foto concessa (Elvi)

L'Europa è nel pieno di una crisi energetica. Come è possibile vedere nel grafico che condividono da Evliil peso dell'energia in percentuale del PIL è un peso importante per le economie europee in misura maggiore o minore. Per Petter Von Bonsdorff, responsabile dello sviluppo del business internazionale presso la società nordica, il contesto è simile alla crisi energetica degli anni '70, quando l'OPEC fece scattare i prezzi del gas e del greggio. "Il prezzo dei giocattoli all'epoca era salito così tanto che la mia paga settimanale non è stata sufficiente per comprare i soldatini di latta con cui mi piaceva giocare", dice. Ora i prezzi del gas naturale sembrano aver raggiunto il picco, ma questo non vuol dire che torneranno rapidamente ai livelli di due anni fa. 

E le complicazioni non si fermano. Lunedì scorso è stata rilevata una perdita nel gasdotto Nordstream 1, fondato nel 2011 dalla Russia, che passa sotto il Mar Baltico per evitare il pedaggio di Ucraina e Bielorussia. Come giustamente sottolinea Von Bonsdorff, questo sabotaggio intenzionale compromette la fornitura di gas attraverso questa rotta per i prossimi 10-15 anni. "Non è qualcosa che può essere riparato nel giro di pochi giorni", sottolinea. A suo avviso, siamo di fronte a un cambiamento strutturale nel modo in cui i paesi del nord Europa consumano energia.

Il lato positivo, solo per citarne alcuni, è che i governi sono disposti a fare un passo avanti e ad attenuare il colpo che sta arrivando. Non solo con pacchetti di aiuti, ma cercando di prepararsi per un inverno duro. Lo vediamo, a esempio, nei livelli di riserva di gas che sono stati riempiti durante l'estate. Ci sono Paesi come la Germania che hanno già riserve al 90% mentre l'Italia o la Spagna superano anche l'80%. “Ma è per questo che stanno anche abbassando i prezzi. Non viene acquistato tanto gas perché non c'è più un posto dove conservarlo", spiega Von Bonsdorff. E qualcosa di simile accade con l'elettricità. “Solo con il limite che l'elettricità non può essere immagazzinata ma va usato subito", ricorda l'esperto.

Pertanto, i prezzi del mercato energetico in Europa lasciano trapelare un inverno complesso. Sebbene ci siano regioni come i Paesi del Nord o la Spagna la cui curva non è così drammatica, altri, come la Francia, rimane alta.

Il caso nordico

Questo scenario europeo contrasta fortemente con quello dei suoi vicini nordici. A differenza dell'Europa, i Paesi del Nord sono esportatori netti di energia. “Molte aziende nordiche sono autosufficienti dal punto di vista energetico”, afferma Von Bonsdorff. Diversi grandi nomi del settore della cellulosa, della carta o dei metalli, a esempio, hanno persino le proprie centrali elettriche. “Per molto tempo non c'era molta differenza. Ora questa resilienza nella sua indipendenza energetica è strategica”, conclude il professionista.