Il futuro dell'industria del risparmio gestito secondo Accelerando Associates

futuro gestione, Il futuro dell'industria del risparmio gestito secondo Accelerando Associates
Fotografik33, Flickr, Creative Commons

Questi sono tempi molto sfidanti per il settore della gestione del risparmio. Si parla della necessità di un cambiamento, di passi in avanti nella digitalizzazione e, più in generale, di un efficientamento. Ora, il COVID-19 e le corrispondenti limitazioni e restrizioni non solo hanno capovolto i modelli di distribuzione dei fondi e i piani di vendita, ma sono anche serviti come acceleratore del cambiamento e di un processo di digitalizzazione senza precedenti. In un solo anno si è concretizzato un processo di trasformazione che normalmente richiederebbe più di dieci anni.

Questa è l'opinione di Philip Kalus, CEO di Accelerando Associates, società di consulenza specializzata nel settore, il quale ritiene che il grande impatto di tutto questo cambiamento causato dalla pandemia sia spesso sottostimate per l'industria dei fondi. “Gli organi di governo di molti gestori di fondi si sono resi conto che l'anno scorso sono riusciti a parlare con più acquirenti di fondi che mai. E sono anche riusciti a vendere più fondi che mai, senza tutti gli sforzi e gli alti costi necessari per viaggiare in giro per il mondo", dice l'esperto in un'intervista a FundsPeople.

Kalus riconosce esserci una certa fretta di tornare a incontri faccia a faccia, conferenze, eventi di massa. Ma, secondo lui, non torneremo mai ai livelli del passato. "Sulla base delle lezioni apprese negli ultimi 18 mesi, le case di gestione sono e continueranno a essere molto più restrittive quando si tratta di viaggi dei manager. Da parte loro, la maggior parte degli acquirenti di fondi ha imparato che l'analisi telematica dei prodotti funziona bene, anche in maniera molto più rapida ed efficiente. Queste esperienze sono irreversibili”. 

Il divario tra vincitori e vinti è il più ampio di sempre

Questo può essere osservato nell'evoluzione dei flussi. “Il divario tra i vincitori, i gestori che hanno i prodotti più venduti, e i perdenti, coloro che sono al comando delle strategie da cui è defluita più liquidità, si è ampliato nel 2020 a un livello mai visto prima. E questa tendenza sta continuando quest'anno. Supporre che i gestori di fondi con più raccolta abbiano successo semplicemente a causa del prodotto e della performance è un eufemismo. Secondo lui, si tratta di avere un modello di vendita e di comunicazione adattato, coerente e focalizzato.

“Alcuni gestori lo hanno capito perfettamente e hanno raggiunto cifre sorprendenti. Molti fanno bene, anche se al di sotto del loro reale potenziale. E molti altri semplicemente lottano molto. I vecchi modelli di distribuzione con agende piene di riunioni sono diventati in gran parte obsoleti. Si tratta di avere un accesso veramente reale, efficiente e rilevante a coloro che hanno il potere di prendere decisioni di investimento. È lì che è la vera lotta", sottolinea. Come esempio di successo indica BlackRock.

Il suo patrimonio ha già superato il miliardo di euro in Europa, tre volte di più del suo più vicino rivale. "Vende già più in Europa che negli Stati Uniti, e questo non è dovuto al prodotto o alle tariffe più basse. Va molto più in là di questo. Si tratta di quello che noi chiamiamo il passo in più nel raggiungere il cliente, nel concludere l'affare, nell'esperienza complessiva del cliente… È lì che sta il segreto del successo". Questo non è appannaggio delle grandi società. "Ci sono anche boutique con minuscole risorse di vendita che sono cresciute in modo impressionante".

ESG: i manager europei non devono riposare sugli allori

È risaputo che l'Europa è il leader mondiale indiscusso in ambito ESG. Il mercato europeo rappresenta attualmente l'82% degli asset in fondi sostenibili a livello globale, seguito dagli Stati Uniti, che ne detengono il 14. Inoltre, la maggior parte degli studi che hanno analizzato l'integrazione e la credibilità dei fattori ESG dimostrano una chiara leadership degli asset manager europei nei confronti delle loro controparti statunitensi. Tuttavia, per Kalus, gli europei non dovrebbero riposare sugli allori. "Molti asset manager statunitensi stanno prendendo davvero sul serio i fattori ESG e stanno recuperando terreno rapidamente", avverte.

Anche questo è guidato dalla domanda. Dopo l'introduzione dell'SFDR, molti acquirenti di fondi, soprattutto istituzionali, insistono sul fatto che i prodotti debbano essere classificati all'interno degli articoli 8 o 9. “È interessante notare che solo il 26% dei fondi europei soddisfa questo requisito. Eppure quest'anno i fondi inclusi in entrambi gli articoli rappresentano quasi il 50% di tutte le vendite di fondi a livello europeo. Siamo solo all'inizio della strada. Questo è un messaggio forte e chiaro per gli asset manager ", afferma l'amministratore delegato della società di consulenza.

rischio greenwashing

Per Kalus c'è un rischio molto serio di greenwashing. "In realtà è sempre stato lì ma ora, con tutti le case di gestione che sono salite sul carro degli ESG, è aumentato", afferma. Come spiega, dopo quello che è successo in merito a DWS, alcuni gestori sono diventati molto nervosi per il rischio di essere accusati di negligenza su questo tema. “Molti probabilmente sono stati troppo insistenti nel raccontare la loro presunta esperienza in ESG. In questo momento, sono più cauti e stanno esaminando tutti i tipi di documenti e messaggi che stanno trasferendo al cliente. In alcune case di gestione c'è anche una certa dose di panico”. 

È anche un processo di apprendimento per l'acquirente, sebbene i selezionatori di fondi stiano diventando sempre più informati sull'argomento. “Lanciano delle sfide verso i manager, chiedendo loro processi ESG davvero credibili, coerenti e solidi. Alcuni mercati sono più avanzati di altri. In Francia, alcuni anni fa, alcuni investitori hanno letteralmente divorato la presunta conoscenza ESG dei gestori. Inoltre, i consulenti per gli investimenti istituzionali, con tutto il potere che hanno in mercati come il Regno Unito, sono molto rigorosi quando si tratta di mettere in discussione l'integrazione dei fattori ESG”.

Per l'esperto, questo è tutto un processo normale e salutare verso una cultura ESG più credibile. Tuttavia, fino ad allora, "potremmo vedere notizie ancora sgradevoli", prevede.

la gestione passiva in europa non arriverà agli stessi livelli degli USA

Nonostante tutto ciò che è stato detto sull'aumento dei fondi indicizzati e degli ETF in Europa, insieme rappresentano solo il 20% del mercato. “Sebbene prevediamo che il segmento passivo continui a crescere in Europa, non mi aspetto che raggiunga i livelli statunitensi, dove ha già superato il 50 per cento. Sono infatti convinto che gli asset manager che fanno una vera gestione attiva supereranno i gestori passivi in termini di crescita della quota di mercato”. A suo avviso, ciò andrà in gran parte a scapito degli index tracker, prodotti a gestione attiva che in realtà sono molto vicini a un benchmark.

Come sottolinea Kalus, negli Stati Uniti la crescita dell'ETF è stata trainata da un esodo dai fondi attivi. Ma questo non lo vediamo in proporzioni significative in Europa, soprattutto per quanto riguarda i veri fondi attivi che, di fatto, stanno vivendo una domanda molto forte da parte dei clienti. L'esperto sottolinea inoltre che bisogna tener conto anche del fatto che gli ETF hanno vantaggi fiscali negli USA. Questo non è il caso in Europa. "Sia i fondi attivi che quelli passivi possono coesistere felicemente. Servono a scopi diversi. Le discussioni sulla loro incompatibilità sono diventate obsolete".

commissioni di gestione: alcune riflessioni

Le commissioni medie applicate dai fondi in Europa sono diminuite e per Kalus questa è chiaramente una buona cosa. Tuttavia, raccomanda di prendere i dati con una certa cautela. “Sono delle medie. Troviamo costantemente fondi con prezzi più alti nelle tabelle dei prodotti più venduti, anche al di fuori dei canali vincolati. Inoltre, conosciamo asset manager con una politica di commissione globale, che si traduce in un prendere o lasciare, senza alcun impatto negativo sulle vendite”.

Quindi la pressione della commissione è molto meno drammatica di quanto suggeriscono i titoli dei media? Secondo Kalus, almeno nello spazio veramente attivo, la risposta è sì. "I manager vincono sull'alpha netto che generano e sull'esperienza del cliente, raramente sul prezzo. C'è sempre qualcuno che lo rende più economico. Se le commissioni sono ragionevoli e si ottiene l'alpha, non c'è niente di sbagliato in commissioni più alte. È qualcosa che accade in molti altri settori. Paghi molto di più per una Porsche 911 che per una VW Polo. E c'è un motivo che lo spiega”.

fusioni e acquisizioni: non tutte vanno bene

Le fusioni e le acquisizioni sono senza dubbio all'ordine del giorno nel settore dell'asset management. E il settore resta molto frammentato, soprattutto in Europa. Inoltre, molte entità sembrano essere sempre più ossessionate dal tema relativo alla grandezza di scala. Tuttavia, per Kalus, la scalata fine a se stessa non ha senso se il processo non è ben eseguito. “Le integrazioni non sono facili da implementare. Sono piene di insidie, conflitti e problemi relativi alla legacy. Inoltre, la necessità di un vero adattamento culturale è spesso una seria preoccupazione per le entità coinvolte in questi processi”.

Per il consulente, alcune operazioni hanno senso. Altre invece no. "L'industria dell'asset management non ha esattamente una grande esperienza nel trasformare fusioni e acquisizioni in storie di successo. Ci sono molti fallimenti", avverte. Tra le storie di successo cita quella di Amundi-Pioneer. “Probabilmente è stato uno dei casi più interessanti. Amundi ha acquistato Pioneer con una valutazione molto bassa, assicurandosi al contempo importanti canali di distribuzione captive", afferma. Anche quello di Goldman Sachs e NN IP.

“Non credo che Goldman abbia acquistato NN IP a causa delle credenziali ESG di NN IP. Lo hanno fatto a condizioni molto interessanti, con una valutazione molto bassa degli asset in gestione di NN IP, assicurandosi al contempo un'importante piattaforma di distribuzione con NN Group, comprese le attività assicurative, diventando un cliente di Goldman Sachs in quella che rappresenta una partnership strategica di dieci anni”. Ad ogni modo, non esistono soltanto mega operazioni. "L'M&A tra piccole entità è al suo livello più alto dal 2007. È uno spazio in cui le operazioni hanno molto più senso", conclude.