EFAMA: tre raccomandazioni per migliorare la partecipazione degli investitori retail ai mercati

Regolamentazione finanziaria, EFAMA: tre raccomandazioni per migliorare la partecipazione degli investitori retail ai mercati
Mathieu Stern, Unsplash

Come aumentare la partecipazione degli investitori al dettaglio ai mercati finanziari? Questa è una delle questioni nell'agenda della Commissione europea per il prossimo anno. Lo scorso maggio, la Commissione ha lanciato una consultazione pubblica per raccogliere idee. L'obiettivo: elaborare una strategia d'investimento al dettaglio per l'Europa nella prima metà del 2022.

Per la European Fund and Asset Management Association (EFAMA) questo è un passo positivo. Una misura necessaria per dare ai cittadini europei gli strumenti necessari e la fiducia per mettere i loro risparmi al lavoro nei mercati dei capitali. Una recente analisi dell'organizzazione europea ha messo in evidenza la perdita di potere d'acquisto degli investitori al dettaglio come conseguenza del rimanere fuori dal mercato.

Secondo l'EFAMA, i punti sollevati dalla CE sono buoni, ma si concentrano troppo sui miglioramenti tecnici del regolamento esistente. "Per il momento, la consultazione non delinea una strategia globale per aumentare la partecipazione degli investitori al dettaglio nei mercati dei capitali", si rammaricano.

D'altro canto, individuano più valore nel concentrarsi sull'accesso alla consulenza finanziaria. "Risulta essenziale per garantire che i clienti al dettaglio investano in strumenti finanziari che si adattano alle loro esigenze e preferenze individuali", sostengono. "La proibizione di incentivi nel documento di consultazione renderebbe più difficile per i cittadini meno abbienti l'accesso alla tanto necessaria consulenza finanziaria, contraddicendo così l'obiettivo della CMU (Capital Markets Union) di aumentare la partecipazione al dettaglio nei mercati dei capitali".

COME MIGLIORARE LA PARTECIPAZIONE DEGLI INVESTITORI AL DETTAGLIO AI MERCATI

Secondo EFAMA, una strategia d'investimento al dettaglio di successo dovrebbe integrare le seguenti raccomandazioni:

  • Educazione finanziaria precoce dei cittadini dell'UE. L'obiettivo è quello di aumentare la loro alfabetizzazione finanziaria. Incoraggia anche una migliore comprensione dei mercati dei capitali. "Una maggiore alfabetizzazione assicurerà che gli investitori al dettaglio capiscano le basi più facilmente di quanto non facciano oggi", dice EFAMA. E sostengono che la CE dovrebbe svolgere un ruolo di coordinamento e riunire le migliori pratiche esistenti negli stati membri;
  • Allineare le divulgazioni finanziarie nei vari regimi. Cioè, fornire informazioni significative, piuttosto che contraddittorie. Dal loro punto di vista, le informazioni digitali possono fornire un'esperienza più personalizzata. Inoltre, permettono di prendere decisioni di investimento ben informate evitando il sovraccarico di informazioni. Infine, sottolineano la necessità di migliorare l'attuale informativa ESG per fornire chiarezza e semplicità agli investitori al dettaglio;
  • Un KID PRIIP che si concentri sulle informazioni rilevanti per ogni tipo di prodotto d'investimento. Per l'EFAMA, ogni tipo di prodotto d'investimento fornisce una diversa proposta di valore. Pertanto, sono richieste informazioni diverse. "I problemi fondamentali dei PRIIPs KID derivano dai loro obiettivi contrastanti. In particolare, quello di fornire allo stesso tempo informazioni chiare, corrette e non fuorvianti e anche la comparabilità tra tipi molto diversi di prodotti d'investimento. Una perdita di comparabilità teorica, sostengono, sarà più che compensata da migliori spiegazioni dei fondamentali per ogni tipo di prodotto d'investimento e da informazioni più significative.