Eoin Walsh (Twenty Four AM): "Abbiamo fiducia per il credito poiché i fondamentali erano solidi all'inizio di questa crisi"

Fondi con Rating FSP, Eoin Walsh (Twenty Four AM): "Abbiamo fiducia per il credito poiché i fondamentali erano solidi all'inizio di questa crisi"
Eoin Walsh, immagine concessa (TwentyFour AM)

Prevale l’incertezza sui mercati per l’inflazione, il conflitto in Ucraina e le banche centrali che hanno messo fine alle loro politiche di QE. Nell’ultimo meeting la Fed ha operato il primo rialzo dei tassi dal 2018 e altri sei rialzi sono previsti durante l’anno. Dal canto suo la BCE ha accelerato il tapering riducendo gli acquisti di asset. Tutti fattori che hanno avuto un impatto significativo sui mercati e sull’asset class obbligazionaria. “L'invasione russa dell'Ucraina ha chiaramente introdotto una grande incertezza, date le sanzioni economiche e finanziarie di vasta portata imposte e il loro potenziale impatto sull'inflazione e sulle catene di fornitura globali”, analizza Eoin Walsh, portfolio manager di TwentyFour Asset Management, boutique londinese di Vontobel specializzata nel reddito fisso. “Con l’inizio del 2022, eravamo in presenza di una chiara disconnessione tra l'orientamento della politica monetaria, i fondamentali economici e le valutazioni di mercato”, spiega. “Pensavamo che questi tre elementi avrebbero dovuto convergere e che il rischio maggiore fosse un errore di politica che inducesse una fine prematura del ciclo”, continua. “Prima dell'invasione russa dell'Ucraina, avevamo già osservato questa convergenza, con forti dati sull'inflazione che portavano gli investitori a prevedere molteplici aumenti dei tassi di interesse, scatenando un forte aumento dei rendimenti dei titoli di stato e un allargamento degli spread nel credito”, dichiara. “Ma, con le banche centrali che hanno virato bruscamente verso il restringimento delle loro politiche, pensiamo che il rischio di un errore politico si sia ridotto, anche se i responsabili politici hanno ancora una linea sottile da percorrere”, dice.

Le opportunità sul reddito fisso

Secondo l’esperto di TwentyFour AM l'attuale ondata di volatilità si rivelerà una flessione all’interno del ciclo, con delle opportunità di acquisto per gli investitori a fronte di rendimenti dei bond che risultano significativamente più attraenti di appena sei mesi fa. “I fondamentali dell'economia e del credito erano particolarmente forti all'inizio di questa crisi, il che ci dà fiducia sul fatto che possano resistere alle conseguenze delle sanzioni e a qualsiasi inasprimento delle condizioni finanziarie”, analizza Eoin Walsh. “Le migrazioni dei rating rimangono positive e i tassi di default vicini ai minimi storici”, dice. “Di conseguenza, stiamo ampliando le nostre posizioni sul credito e ci sentiamo più a nostro agio nell'assumere il rischio di credito rispetto al rischio di duration”, continua.In base a queste premesse, secondo il gestore, gli investitori dovrebbero evitare il rischio di duration indesiderato, i nomi di qualità superiore e le scadenze più lunghe. Secondo la sua view dovrebbero puntare, invece, sulle scadenze tra i tre e i quattro anni che possono beneficiare del roll down, ed essere disposti a scendere ulteriormente lungo la scala dei rating. “In termini di settori, rimaniamo positivi sulle banche e sul debito subordinato degli emittenti più solidi”, afferma. “Ci piacciono anche i prodotti a tasso variabile come gli ABS europei, in particolare i CLO che possono attirare il sostegno degli investitori durante il ciclo di rialzi dei tassi”, dice.

Il posizionamento del TwentyFour Strategic Income Fund

Eoin Walsh è il gestore del Vontobel Fund - TwentyFour Strategic Income Fund. La strategia con Rating FundsPeople copre l'intero spettro obbligazionario globale, per puntare attivamente alle migliori opportunità di generare rendimento. Secondo il team di gestione il vantaggio principale del fondo è la sua agilità e un approccio ad alta convinzione. “La flessibilità del fondo ci dà una più ampia gamma di opzioni quando si tratta di navigare in periodi di incertezza o volatilità rispetto alle strategie passive o alle strategie attive più ristrette”, afferma Eoin Walsh. Attualmente (al 7 marzo 2022) il fondo possiede una duration complessiva del credit spread di circa 3,5 anni e un rating medio di BBB-. Anche la duration dei tassi d'interesse è bassa, vicina ai 2,5 anni. Inoltre, il fondo mantiene un alto livello di liquidità con l’obiettivo di aggiungere dei titoli interessanti una volta che l'attuale incertezza inizierà a dissiparsi. “Ad esempio, pensiamo che il recente sell-off del debito bancario sia stato decisamente esagerato, con l'indice ICE BofA Contingent Capital (Coco) che si è ampliato di 151 pb da un anno all'altro”, spiega. “Manteniamo quindi la nostra significativa allocazione alle obbligazioni Additional Tier 1 (AT1) e vediamo anche opportunità nell'high yield statunitense”, continua. “Infine, abbiamo recentemente aumentato l'allocazione del fondo ai collateralised loan obligation (CLO), dati gli interessanti spread che vediamo, soprattutto perché la natura a tasso variabile dei CLO dovrebbe fornire una migliore protezione in un contesto di rialzo dei tassi rispetto alle obbligazioni a tasso fisso”, conclude.