ESMA, vendite allo scoperto: al via le consultazioni sulle revisioni della regolamentazione

vendite allo scoperto, ESMA, vendite allo scoperto: al via le consultazioni sulle revisioni della regolamentazione
Markus Spiske, Unsplash

L'ESMA (l'Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati) ha aperto una consultazione sulla revisione della regolamentazione delle vendite allo scoperto. L'Autorità ha ha presentato un documento di consultazione con suggerimenti per miglioramenti operativi e chiarimenti politici al regolamento sulle vendite allo scoperto (SSR). 

L'ESMA valuterà le risposte che riceverà a entro il 19 novembre 2021 e la previsione è quella di pubblicare una relazione conclusiva entro la fine del primo trimestre del 2022. Questo Il programma sarà di interesse soprattutto per gli emittenti di strumenti finanziari ammessi alla negoziazione, imprese di investimento, market maker, primary dealer, persone che effettuano vendite allo scoperto o operazioni che danno luogo a vendite allo scoperto o transazioni che risultano in posizioni corte nette.

le principali proposte

Le principali proposte del documento includono:

  • il calcolo delle posizioni corte nette, il divieto di vendite allo scoperto scoperte e la regola di localizzazione in base alla quale possono avvenire operazioni di vendita allo scoperto;
  • il meccanismo per la trasparenza delle posizioni corte nette e la proposta di pubblicare le posizioni corte nette aggregate per emittente sulla base di tutte le singole posizioni e la portata delle esenzioni per le azioni più negoziate in un paese terzo; e
  • l'introduzione di un sistema centralizzato di notifica e pubblicazione per ridurre gli oneri di segnalazione, aumentare l'efficienza dei costi e promuovere la capacità di monitoraggio e i poteri di coordinamento dell'ESMA in caso di potenziali minacce a livello dell'UE.

Il documento, che può essere letto qui, contiene un'analisi empirica dell'impatto dei divieti di vendita allo scoperto adottati sulla scia dell'epidemia di COVID-19. In particolare, è stato studiato l'impatto dei divieti sulla liquidità e la volatilità. La conclusione è che gli attuali poteri di intervento sono ancora uno strumento utile in caso di sviluppi che hanno un impatto sulla resilienza dei mercati finanziari.